Università degli studi dell'Insubria

Ambiti di ricerca, pubblicazioni, progetti finanziati

Ambiti e Linee di Ricerca
Ricerca al DBSV - Biotecnologie e Scienze della Vita

Il Dipartimento nasce dall'idea di unire le scienze biotecnologiche e quelle mediche in un unico ambiente di ricerca. Su questo assetto iniziale, si sono successivamente inserite discipline quali quelle ingegneristiche e medico-umanistiche il cui apporto si è perfettamente integrato con le competenze già presenti in Dipartimento. L'argomento centrale della ricerca dipartimentale, intorno al quale ruotano temi più innovativi, si concentra sul benessere dell'uomo, degli animali e dell'ambiente.

  • La Sezione di Scienze e Tecnologie Biologiche è attiva principalmente nelle aree di ricerca pertinenti alla Biochimica, Biologia della Cellula e applicata, Botanica, Biotecnologie Animali, Chimica e Biotecnologie microbiche, Fisiologia, Genetica, Immunologia e Patologia generale e Zoologia. Le conoscenze e le competenze tecnico-pratiche dei componenti della sezione sono la base per promuovere un'operatività tendente ad analizzare ed utilizzare strategie innovative nei settori delle biotecnologie industriali, biomediche, diagnostiche, animali, vegetali, microbiche, cellulari e molecolari finalizzate anche alla produzione di beni e servizi. A titolo di esempio, dal 2003 è presente nel Dipartimento un impianto di acquacoltura che fa fronte alla necessità di conoscere e valutare la qualità del pesce allevato con tecnologie caratterizzate dal minimo impatto sulle risorse ambientali, con l'obiettivo di contribuire al fabbisogno mondiale di cibo. La sezione è inoltre parte attiva del Centro Interuniversitario The Protein Factory costituitosi nell'aprile 2009 da un accordo tra il Politecnico di Milano e l'Università degli Studi dell'Insubria e che recentemente ha visto la partecipazione anche del CNR di Milano.
  • La Sezione di Scienze Mediche e Chirurgiche è una realtà costituita da diverse specialità che svolgono attività clinica e di ricerca accomunate dall'obiettivo di migliorare il benessere del paziente. La ricerca all'interno di questa Sezione è finalizzata a migliorare la tecnologia, e quindi la qualità, del trattamento di pazienti in numerosi campi della patologia e ha dato origine a istituzioni importanti per la ricerca. Le attività sono svolte nell'ambito di diversi gruppi che spaziano dalla Chirurgia ricostruttiva, all'Ortopedia, Otorinolaringoiatria, Neurologia e Neurochirurgia, Anestesia-rianimazione, Terapia Intensiva e del Dolore, Medicina e Sanità Pubblica, per arrivare alla Psicologia clinica e Fisica Sanitaria. A titolo esemplificativo si riportano le collaborazioni esistenti tra l'Unità Operativa di Otorinolaringoiatria, la Neurochirurgia e la Chirurgia ricostruttiva per quanto riguarda il trattamento combinato multidisciplinare dei tumori cranio-facciali e della fossa cranica anteriore, e quella tra Neurochirurgia e Ortopedia focalizzata al trattamento del paziente politraumatizzato affetto da lesioni della colonna. Quest'ultima collaborazione è molto importante perché di sostegno al Centro Trauma di Alta Specializzazione (CTS) istituito presso l'Azienda Ospedaliera di Circolo Fondazione Macchi (Varese). La Neurologia svolge attività clinica e di ricerca particolarmente nel trattamento della patologia cerebrovascolare. Altri campi di attività riguardano lo studio e il trattamento delle demenze, delle malattie neurodegenerative, delle cefalee e delle patologie neuromuscolari. La Psicologia clinica svolge, in ambito ospedaliero, attività clinica per tutti i Reparti dell'Azienda, con particolare riguardo agli ammalati oncologici e alle loro famiglie (psico-oncologia), alle cure palliative e alla terapia del dolore, ai trapianti, alle malattie infettive (infezioni da HIV) e ai disturbi dell'alimentazione. L'attività di ricerca di questo gruppo ha i suoi punti di forza nella Psico-oncologia e nella costruzione di un modello di intervento di counselling sanitario diffuso a livello nazionale con l'Istituto Superiore di Sanità. La componente di Medicina e Sanità Pubblica svolge la propria attività di tipo medico-legale, bioetica, di storia della Medicina in un ambito definito dall'espressione Medical Humanities. L'attività di ricerca abbraccia e trova spunti in modo estremamente trasversale con le altre branche specialistiche, come nel caso del gruppo di Fisica sanitaria coinvolto nel progetto europeo Silicon Ultra fast Cameras for electron and gamma sources In Medical Applications (SUCIMA) il cui obiettivo è lo sviluppo di un avanzata tecnica di imaging a sorgente radioattiva, da utilizzare per applicazioni in medicina. 

Vai al Dipartimento di Biotecnologie e Scienze della Vita

Ricerca al DiDEC - Diritto, Economia e Culture

Il Dipartimento di Diritto, Economia e Culture persegue finalità scientifiche di carattere multi ed inter-disciplinare grazie alla particolarità della propria offerta formativa che, unica in Italia, consente di affiancare agli studi in giurisprudenza quelli delle problematiche economiche e della mediazione interlinguistica ed interculturale, favorendone la reciproca integrazione. In particolare, il Dipartimento mira ad assicurare, sia sul piano della ricerca, sia nell'ottica della formazione, lo studio comparato e integrato dei fenomeni sociali, analizzati nel loro significato normativo, culturale e socio-economico, nonché nell'espressione linguistica in cui si manifestano, con specifica attenzione all'evoluzione storica ed ai contesti sociali in cui sono inseriti. 

La cooperazione fra diversi settori ha già prodotto, nel breve tempo di vita del Dipartimento, risultati positivi apprezzabili. In particolare, si è potuto connettere lo studio del multilinguismo alle esigenze dell'economia e del business e lo studio della coesistenza e dell'integrazione tra sistemi giuridici, culture, lingue e religioni diversi a quello dei meccanismi per la soluzione dei conflitti e delle dispute, con attenzione ai meccanismi processuali, di mediazione-conciliazione e riparativi.

  • Diritti fondamentali, pluralismo giuridico mediazione e conflitti:  uno dei filoni di ricerca, di matrice interdisciplinare, su cui si svilupperanno le ricerche di un gruppo di docenti appartenenti a differenti settori scientifico disciplinari sia dell'area giuridica sia di quella economica, anche con l'apporto degli storici presenti in Dipartimento, riguarderà le problematiche legate alla natura e alla tutela dei diritti fondamentali nella prospettiva di un mondo globalizzato caratterizzato da conflitti tra ordinamenti e individui: tematiche di particolare attualità e delle quali, anche alla luce della crisi economica finanziaria tuttora in atto, devono essere indagati gli effetti e le conseguenze concrete sull'intero sistema politico, giuridico ed economico    
  • Ambiente, turismo e territorio: nell'area economico-giuridica, una particolare importanza è già stata data a temi riguardanti la tutela ambientale dal punto di vista giuridico, la valorizzazione del territorio e l'implementazione di strumenti quali-quantitativi per la valutazione delle politiche economiche in atto, particolarmente importanti alla luce dell'attuale crisi economica. In tale scenario, obiettivo della ricerca dipartimentale in questa area sarà quello di indagare la stretta relazione esistente tra sostenibilità e ambiente, inteso sia come ambiente naturale sia culturale, da un punto di vista economico-giuridico.
  • Persone, Imprese, Mercati: l'area, a larga vocazione non solo privatistica, raggruppa filoni di ricerca diversi, tutti però incentrati sulla persona, nella sua configurazione sia fisica, sia, soprattutto, giuridica: particolare attenzione, anche secondo un approccio comparatistico, sarà data a governance pubblica e privata.
  • Multilinguismo, eredità culturale, istituzioni: peculiarità del DiDEC e, prima ancora, della Facoltà di Giurisprudenza, è una vivace tradizione di studi sul multilinguismo giuridico, sia nell'ottica della traduzione giuridica in ambito UE, sia nell'ottica delle interrelazioni e dei contrasti tra le diverse culture giuridiche. Quest'area, approfondendo tali esperienze, si incentrerà, tra l'altro, sullo studio comparato del linguaggio giuridico (anche attraverso la creazione di risorse elettroniche come corpora di legal language) e del patrimonio di idee e nozioni che questo veicola, altresì in chiave linguistica e storica.
    Particolare attenzione è poi dedicata, anche in connessione con l'asse di ricerca "Diritti fondamentali", allo studio del multiculturalismo di matrice religiosa e dei rapporti tra ordinamenti statuali e confessionali nell'ottica di uno spazio mediterraneo sempre più plurale.

Vai al Dipartimento di Diritto, Economie e Culture

Ricerca al DiECO - Economia

L’attività di ricerca del Dipartimento di Economia ruota attorno alle discipline economiche, aziendali, giuridiche e matematico-statistiche che caratterizzano l’offerta formativa del Dipartimento stesso.

Nell'autonomia delle singole aree scientifiche, la possibilità di confronti interdisciplinari in vari ambiti di ricerca rappresenta un’importante risorsa di cui si è sperimentata la validità in ambito didattico e che viene progressivamente valorizzata anche in ambito di ricerca.

L’attività di ricerca dell’area aziendale è focalizzata soprattutto sui meccanismi di funzionamento delle imprese, con particolare attenzione al territorio di riferimento, grazie anche a diverse collaborazioni con enti ed istituzioni locali. I principali ambiti di ricerca riguardano la responsabilità sociale d’impresa e lo sviluppo sostenibile, la governance e la gestione delle imprese familiari, l’internazionalizzazione delle imprese e il ruolo delle start-up, l’organizzazione d’impresa, le capacità imprenditoriali e l’innovazione. Sono oggetto di studio anche i mercati e gli intermediari finanziari, in particolare con riferimento alla governance e ai modelli di business.

La ricerca teorica e applicata dell’area economica copre ampi settori della micro- e della macro-economia:

  • La teoria economica della decisione è oggetto di analisi relative alla sua storia e alla metodologia, e alle implicazioni della stessa in statistica, psicologia, economia, ricerca operativa.
  • La prospettiva d’analisi storico-economica riguarda in particolare la storia dei sistemi creditizi e finanziari, la corporate governance, e la business history.
  • In ambito micro-econometrico l’attività di ricerca si concentra su aspetti relativi alla mobilità urbana sostenibile, le infrastrutture di trasporto e la logistica, all’economia dell’innovazione e del finanziamento delle PMI, agli effetti economici delle imposte attraverso lo sviluppo e l’applicazione di modelli di microsimulazione fiscale, all’economia sanitaria.
  • In ambito macro-economico i principali filoni di ricerca vertono su l’analisi della moneta, della finanza e delle crisi, e sulla misurazione, l’analisi e le implicazioni di politica economica dell’eccesso di finanza sull’economia reale.

 La ricerca dell’area giuridica si sviluppa lungo diversi settori, corrispondenti alla sua articolazione interna: diritto internazionale, diritto pubblico e costituzionale, diritto privato, diritto commerciale e diritto tributario. Tipicamente, la ricerca dell’area giuridica risente degli stimoli e coltiva le sollecitazioni provenienti dalle Corti e dalle applicazioni che le Istituzioni e gli operatori ne fanno nella risoluzione delle controversie nazionali e sovranazionali. Particolare attenzione è manifestata nei confronti non solo delle evoluzioni dottrinali e giurisprudenziali del diritto positivo, ma altresì delle proposte riformistiche che animano e dominano il dibattito politico, economico e sociale, in risposta alla problematica dei diritti che le esigenze della globalizzazione pongono con insistenza al nuovo secolo.

L’attività di ricerca dell’area matematico-statistica si sviluppa lungo due direttrici principali. Da un lato, la direttrice matematica si articola su due sotto-temi principali: in primo luogo, l’ottimizzazione scalare e vettoriale e le sue applicazioni economico/finanziarie; in secondo luogo, i modelli di pricing delle attività finanziarie a tempo continuo e discreto, la gestione di portafoglio, ed il risk management.

Dall’altro, la direttrice statistica si occupa prevalentemente di distribuzione del reddito e di misure di disuguaglianza, beneficiando così di interazioni con la ricerca dell’area economica in ambito micro-econometrico. 

Ricerca al DMC - Medicina e Chirurgia
  • Ipertensione obesità dislipidemie: fisiopatologia e risposta alla terapia del danno d'organo nell'ipertensione arteriosa; obesità e sindrome metabolica; sindrome delle apnee nel sonno; infezione da HIV; mediatori del processo infiammatorio e farmacogenetica nell’aterosclerosi
  • Emostasi trombosi: individuazione di nuovi fattori di rischio per il tromboembolismo venoso; nuovi farmaci anticoagulanti orali
  • Sindromi mieloproliferative croniche: patologie mieloproliferative croniche e terapie di supporto per i pazienti
  • Malattie dell’apparato cardiovascolare: valutazione preimpianto del defibrillatore ventricolare definitivo; valutazione della Fractional Flow Reserve come guida all'angioplastica coronarica; diagnosi precoce della sindrome takotsubo; valutazione non invasiva del rischio di fibrillazione ventricolare
  •  Malattie dell’apparato respiratorio: fisiopatologia e farmacologia clinica respiratoria per l'asma bronchiale, la BPCO e la TBC multiresistente.
  •  Pediatria: diagnosi del reflusso gastroesofageo, obesità genetica e diabete mellito di tipo 1, disturbi respiratori nel sonno, Apparent Life Threatening Events (ALTE), Sudden Infant Death Syndrome (SIDS), Sudden Unespected Postnatal Collapse (SUPC)
  • Salute pubblica e medicina preventiva: medicina occupazionale e preventiva, epidemiologia delle malattie cardiovascolari, stress lavoro correlato, allergie lavoro correlate
  • Genetica umana e medica: variabilità cromosomica nelle malattie mielodisplastiche, soprattutto in ambito pediatrico (per tale ambito il gruppo di ricerca è referente nazionale per la citogenetica), monitoraggio della Malattia Minima Residua (MRD) in pazienti affetti da Leucemia Mieloide Cronica
  • Microbiologia medica: ruolo delle infezioni da enterovirus nell'eziologia del diabete tipo I, ruolo dell'infezione cronica da poliovirus nella patogenesi delle conseguenze tardive della poliomielite, microbioma intestinale nel diabete mellito e nella celiachia, meccanismi di farmacoresistenza nelle infezioni batteriche
  • Farmacologia medica: neuroimmunofarmacologia delle patologie degenerative del sistema nervoso centrale, patologie croniche dell'apparato cardiovascolare, identificazione e sviluppo di nuove molecole di interesse terapeutico, meccanismi di adattamento dei neuroni enterici dopo danno ischemico e infiammatorio, farmacovigilanza
  • Neuropsichiatria infantile: disturbi specifici dell'apprendimento e del comportamento (sindrome di Tourette, ADHD)
  • Endocrinologia: fisiopatologia e terapia del Morbo di Basedow e orbitopatia correlata
  • Biochimica: metabolismo dell’acido ialuronico, delle molecole della matrice extracellulare e del microambiente tumorale; LDL ossidate e aterogenesi; aspetti molecolari delle patologie vascolari e tumorali; glicobiologia e biologia molecolare delle glicoproteine; marcatori tumorali saccaridici, molecole di adesione ligandi delle selectine; epigenetica e oncologia molecolare dei tumori del tubo digerente
  • Psichiatria: psichiatria clinica; psichiatria di consultazione; etnopsichiatria, psicofarmacologia e service engagement; qualità della vita dei pazienti con ansia-depressione; resilienza nella popolazione anziana e efficacia delle terapie antidepressive
  • Odontostomatologia: biomateriali di sintesi sostituti d'osso; digital dentistry; scaffolds di sintesi osteoinduttivi; ricerca di nuovi biomateriali; valutazioni morfologiche e cliniche delle mucose orali patologiche
  • Patologia generale: Immunologia dei tumori approcci vaccinologici, rapporti virus oncogeni-ospite
  • Chirurgia toracica: screening e diagnosi precoce del cancro del polmone; nfezioni in chirurgia; potenziale angiogenico di cellule del sistema immunitario isolate da tessuto tumorale; impiego di dissettore ad ultrasuoni nella chirurgia resettiva polmonare
  • Ginecologia: sviluppo nuove tecnologie miniinvasive in ginecologia,; aparoscopia in oncologia ginecologica
  • Anatomia umana: macromolecole della matrice extracellulare; struttura e biologia della matrice ossea; biomateriali
  • Chirurgia dei trapianti: trapianto di rene da donatore cadavere a cuore non battente; perfusione d'organo pulsata nel trapianto di rene marginale; valutazione del danno ischemia/riperfusione nel rene trapiantato
  • Fisiologia umana: fluidodinamica del sistema vascolare linfatico nei tessuti toracici; meccanismi di autoritmicità della muscolatura liscia linfatica; impatto dello stress meccanico sulla conformazione e funzionalità del parenchima polmonare
  • Senologia: diagnosi precoce del tumore della mammella; ruolo del linfonodo sentinella nel tumore della mammella; nuove tecnologie in chirurgia senologica
  • Chirurgia vascolare: comportamento biologico ed emodinamico delle protesi vascolari; struttura ed ultrastruttura delle lesioni aterosclerotiche; epidemiologia della patologia aneurismatica

Vai a Dipartimento di Medicina e Chirurgia

Ricerca al DiSAT - Scienza e Alta Tecnologia

Il Dipartimento di Scienza e Alta Tecnologia (DiSAT) persegue l'obiettivo di armonizzare la ricerca di base con la ricerca applicata, fondando la propria ragion d'essere su una visione unitaria della ricerca scientifica e tecnologica. Il Dipartimento è stato creato intorno all'idea di unire le scienze dure, o STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics) in un unico ambiente di ricerca, senza trascurare apporti di altre discipline, con l'idea di promuovere la ricerca interdisciplinare e formare studenti con una visione scientifica globale. Inoltre, questa scelta ci ha permesso di poter contare sui vantaggi di scala di solito possibili solo nei grandi Atenei, senza perdere però l'agilità di una struttura piccola. 

  • La Sezione Ambiente-Salute-Sicurezza-Territorio si concentra sulla valutazione dei rischi derivanti dalle attività umane e dai processi naturali. Ci occupiamo di processi industriali, gestione dei rifiuti, bonifica di siti contaminati, depurazione delle acque reflue, localizzazione di impianti ad alto rischio, qualità degli ambienti di lavoro risorse naturali e pericolosità geologica.
  • La Sezione Chimica è attiva in diversi progetti di ricerca come la sintesi e caratterizzazione di materiali funzionali, nanomateriali, prodotti di chimica fine, intermedi per farmaci, etc., con un'attenzione particolare allo sviluppo di metodi sperimentali e di modelli computazionali avanzati, nonché alla comprensione delle relazioni struttura-proprietà. Particolarmente significative sono, inoltre, le attività relative a prodotti e processi di rilevanza energetico-ambientale e ai diversi aspetti molecolari delle Scienze della Salute. 
  • La Sezione Fisica copre aree della fisica sperimentale e teorica moderna che spaziano dall'ottica quantistica alla fisica delle alte energie, dal calcolo quantistico alla fisica dei laser, dalla cosmologia alla scienza dei materiali, dalla fisica medica ai sistemi dinamici. Vi sono diverse attività in stretta collaborazione con l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, il Consiglio Nazionale delle Ricerche e l'Istituto Nazionale di Astrofisica. Il laboratorio INSULAB, inoltre, è un laboratorio di sviluppo di sistemi di rilevazione basati su rivelatori al silicio e scintillatori plastici per la fisica delle particelle, la fisica dello spazio e la fisica medica.
  • La Sezione di Matematica rappresenta ambiti di ricerca che spaziano dall’astrazione più estrema della logica matematica sino a giungere al contesto applicativo dell’analisi di grandi masse di dati e della simulazione numerica. Gli argomenti di ricerca affrontati dai membri della Sezione coinvolgono: le categorie, la semantica dei linguaggi e i topoi come ponti unificanti tra diverse teorie matematiche; l’algebra dei gruppi finiti e pro-finiti; l’analisi geometrica e globale come strumento per l’esplorazione della geometria degli spazi differenziabili; le curve razionali, le superfici e le varietà fibrate sia lisce che singolari; il calcolo delle variazioni nell’ambito dell’analisi di sistemi di equazioni   ellittiche, e delle equazioni di Schroedinger nonlineari sui grafi;  la geometria degli spazi di Banach e le proprietà di punto fisso di mappe continue in contesti infinito dimensionali; la teoria spettrale in relazione alle proprietà di estendibilità di operatori simmetrici;  i metodi matematici della meccanica quantistica  nonlineare; la probabilità dei processi stocastici di Levy, la statistica Bayesiana e delle serie storiche, e l’analisi dei Big Data nel contesto ampio del Data Science. In ambito numerico, la ricerca è concentrata sullo studio delle proprietà spettrali di matrici di Toeplitz, l’analisi degli algoritmi di ricostruzione di immagini e la costruzione di metodi di simulazione per problemi di fluidodinamica.
  • La Sezione di Scienze della Comunità si distingue per un'attività di ricerca prevalentemente centrata sull'analisi dei sistemi complessi: politici, computazionali, biologici e sociali, secondo una prospettiva interdisciplinare. Nello specifico, tali modelli vengono considerati, tanto da un punto di vista matematico e algebrico, quanto in senso simbolico e semiologico, attinente all'immaginario collettivo. In tal modo, lo studio dei sistemi informatici e comunicativi e delle loro logiche gerarchiche e comportamentali integra e completa, in senso strutturale, l'analisi dei sistemi politici, delle forme di legittimazione del potere e dell'organizzazione reticolare del consenso sociale.

Vai al Dipartimento di Scienza e Alta Tecnologia

Ricerca al DiSTA - Scienze Teoriche e Applicate

Il Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate presenta una gamma dinamica di attività di ricerca nell'ambito delle conoscenze biologiche, ambientali, informatiche e umanistico-comunicazionali, anche al fine di favorire e stabilire lo sviluppo di metodologie omogenee, nuove forme di interazione disciplinare e un costante dialogo tra le culture di area scientifica, tecnologica e umanistica. 

  • La Sezione Ambiente si occupa di ricerche specifiche in diversi ambiti scientifici, principalmente volte alla comprensione delle interazioni biota-abiota e alle loro conseguenze sugli organismi viventi e l'ambiente. Nella sezione operano ricercatori in varie aree della biologia (animale e vegetale, ecologia), della chimica (ambientale e analitica), della geologia ed ingegneri ambientali e della sicurezza. I progetti di ricerca, con numerose collaborazioni nazionali e internazionali, riguardano argomenti avanzati nel campo ambientale, tra cui: studio e conservazione della biodiversità (sia animale sia vegetale) e gestione faunistica, paleontologia dei vertebrati del Triassico, studio delle relazioni ospite-parassita nella lotta biologica contro insetti modello, ecologia molecolare ed evolutiva, ecologia applicata agli ambienti acquatici con attenzione anche alle alterazioni idrauliche e alle valutazioni ecotossicologiche, modellistica di chimica computazionale QSAR per prevedere la pericolosità di composti chimici e modellistica della distribuzione di specie e delle relazioni specie-habitat, sviluppo di metodologie innovative per l’analisi di sostanze tossiche e progettazione di batterie elettriche a basso impatto ambientale, gestione dei rifiuti e relativa valorizzazione energetica, trattamento di acque reflue ed effluenti gassosi,  valutazione dei rischi in impianti industriali, cambiamenti climatici e geomorfologia di ambienti alpini e polari. Le varie competenze sono implementate parallelamente, ma in modo sinergico, con la finalità di migliorare l'ambiente mantenendo un equilibrio tra aree antropizzate e ambienti naturali.
  • La Sezione Informatica si occupa di ricerche specifiche nei seguenti ambiti della classificazione ACM 2012 (Association for Computing Machinery): Security and Privacy; Information Systems; Computing Methodologies; Theory of Computation; Software Engineering. I progetti di ricerca riguardano argomenti avanzati, quali sicurezza e privacy dati, meccanismi di trust, gestione dati con riferimento ai Big data e alle reti sociali; e-government e innovazione tecnologica-organizzativa (ICT-based) nella pubblica amministrazione; Enterprise 2.0 e modelli di cooperazione inter-organizzativa; metodologie di machine learning; computer vision; computer graphics; logiche e strutture algebriche correlate alla logica; sistemi dinamici granulari, strutture combinatorie e algoritmi di generazione esaustiva; ingegneria del software; algebra, matematica discreta, probabilità e statistica.

  • La Sezione Comunicazione è articolata in due aree di ricerca: l'area Storico-Filosofica sviluppa particolari linee di ricerca nel campo della storia della scienza e delle tecniche, della storia moderna, della storia contemporanea, della storia dell'arte moderna, della filosofia teoretica, della filosofia della scienza; l'area Linguistico-Comunicativa include invece linee di ricerca in glottologia, lingua e letteratura italiana, linguistica inglese, comunicazione di massa, comunicazione del rischio geologico, climatico e ambientale; storia e comunicazione delle scienze della vita. Inoltre, in alcuni progetti di ricerca viene assegnata particolare attenzione all'interazione con le componenti scientifiche e informatiche del Dipartimento, anche al fine di attuare con efficacia il trasferimento di conoscenze umanistiche e di innovative metodologie di comunicazione alle attività culturali e produttive del territorio.

Vai al Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate

Produzione Scientifica
insubriaspace

L’Ateneo promuove la politica di accesso aperto ai risultati della ricerca in termini di pubblicazioni e tesi di dottorato. Istituire un deposito istituzionale permette di rendere disponibili informazioni scientifiche prodotte in Uninsubria per la più ampia comunità accademica e offre maggiore visibilità e maggiore impatto a questo materiale accessibile a livello globale su Internet.I due principali depositi istituzionali della Ricerca sono:

I docenti, i ricercatori e i dottori di ricerca dell’Ateneo sono automaticamente abilitati all’accesso utilizzando le credenziali di (username e password) di Ateneo.

irinsubria

IRInSubria - Institutional Research Information System

IRInSubria raccoglie, conserva, documenta e dissemina dal 2015 le informazioni sulla produzione scientifica dell'Università degli Studi dell’Insubria anche ai fini della valutazione della ricerca. Il catalogo dei prodotti della ricerca di Ateneo è infatti l’unica fonte di dati per la valutazione sia interna che esterna e popola in automatico anche il catalogo della ricerca del MIUR. 

Progetti di Ricerca

L’Università degli Studi dell’Insubria promuove e valorizza la ricerca anche nella sua dimensione internazionale e interdisciplinare: numerosi sono i progetti di ricerca finanziati su bandi competitivi locali, nazionali ed europei che avviano o consolidano collaborazioni con università, imprese, istituzioni e associazioni, offrendo così a docenti, ricercatori e studenti la possibilità di studiare, specializzarsi e fare ricerca, così come di accogliere nuovi ricercatori in un ambiente stimolante.

Particolare attenzione è stata posta al consolidamento e miglioramento di alcuni strumenti e servizi di supporto alla presentazione e gestione di progetti competitivi, diffusione di informazioni, formazione alla stesura di proposte progettuali.