La gestione del rischio fulmini: un confronto sulle soluzioni nella lotta ai danni da scarica atmosferica

Quando:
Dal al , 14 - 19
Destinatari: Laureati, Enti e imprese
Immagine evento
Immagine
rischio fulmini

Mercoledì 11 settembre alle ore 14, l'aula magna «Granero-Porati» di via Dunat, a Varese, ospita il convegno dal titolo «La gestione del rischio fulmini» coordinato dai professori dell'Università dell'Insubria Fabio Conti ed Elisabetta Sieni, Dipartimento di Scienze teoriche e applicate. 

La scarica atmosferica è un evento che, nonostante non sia particolarmente frequente, può impattare pesantemente sulle aziende, sulle abitazioni e anche direttamente sulle persone. Può infatti danneggiare sia le strutture, sia gli impianti e fa parte di quelli che oggi sono classificati come rischi NaTech, incidenti industriali causati da eventi naturali.
Un’accurata gestione del rischio fulmini è uno strumento utile nella lotta ai danni da scarica atmosferica. 

Durante il convegno patrocinato da Ats Insubria, dall'Ordine degli Ingegneri della provincia di Varese, dal Collegio Geometri e geometri laureati della provincia di Varese e dall'Ordine dei Periti industriali e dei periti industriali laureati della provincia di Varese, si discuterà di strumenti e modalità operative utili per la valutazione e lo sviluppo di strategie di protezione dei danni da scarica atmosferica.

▶ La partecipazione è gratuita, ma subordinata all’iscrizione entro il 2 settembre al form: https://forms.gle/drYh4JUPL43aAiSb7
 

  • Riconoscimento di 3 ore come corso di aggiornamento per Rspp, Aspp, Rls; gli attestati saranno disponibili alla portineria di via Dunant 20 giorni dopo l’evento.
  • Per gli Ingegneri: ai fini dell’aggiornamento delle competenze professionali, ex Dpr 137/2012 e successivo regolamento approvato dal Ministero della Giustizia, saranno riconosciuti 4 Cfp, esclusivamente per gli Ingegneri iscritti all’Albo di Varese.
  • Per i Geometri: il Collegio di Varese, nella riunione di Consiglio del 4 aprile, ha approvato la concessione di 5 Cfp.
  • Per i Periti industriali: riconoscimento di 4 Cfp ai soli periti che parteciperanno, così come previsto dal Regolamento per la Formazione continua del 31 ottobre 2019.
Documenti
Documento