Università degli studi dell'Insubria

GIUSTIZIA RIPARATIVA E MEDIAZIONE PENALE

A.A. di erogazione 2016/2017

Laurea Magistrale Ciclo Unico 5 anni in GIURISPRUDENZA
 (A.A. 2015/2016)
Anno di corso: 
2
Tipologia di insegnamento: 
Affine/Integrativa
Sede: 
Varese - Università degli Studi dell'Insubria
Settore disciplinare: 
DIRITTO PENALE (IUS/17)
Crediti: 
6
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
35

Obiettivi dell’insegnamento e risultati di apprendimento attesi
Il corso propone un completamento della preparazione penalistica attraverso l’illustrazione dei contenuti e dei metodi della giustizia riparativa e della mediazione penale – realtà strettamente connesse al funzionamento di numerosi istituti di diritto sostanziale e processuale – e intende contribuire alla formazione del giurista, affinché questi sappia iscrivere i profili normativi e procedurali del diritto in un orizzonte di comprensione del concetto di giustizia.
L’autonomia del percorso di formazione relativo alla giustizia riparativa e alla mediazione penale dovrebbe consentire, infatti, di promuovere una formazione globale ed armoniosa del giurista, riportando l’attenzione su un concetto di giustizia colto nella sua integralità giuridico-filosofica, con al centro l’uomo, senza che necessariamente si riduca la giustizia al diritto, il diritto alla legge e la legge alla volontà del legislatore.
Per sua natura, l’universo concettuale della giustizia riparativa richiede una didattica multilivello, cioè aperta alla multidisciplinarietà e tale da implicare un dialogo con differenti settori del sapere (in primis, l’antropologia filosofica, il sistema dei diritti umani, il diritto penale, ma anche la procedura penale, la criminologia e la psicologia forense).
In particolare, il corso intende promuovere l’acquisizione di conoscenze relative al ruolo delle vittime nello spazio giuridico europeo, alla promozione di percorsi guidati di riconciliazione reo-vittima e di riparazione dell’offesa, alle modalità per avviare un percorso di pacificazione attraverso la ricomposizione della “frattura” della comunicazione sociale provocata dal reato.
Al termine del corso, lo studente è chiamato a dimostrare capacità argomentative attorno ai temi della giustizia, del crimine, della tutela delle vittime, della riparazione del danno da reato e dell’arte mediatoria, che verrà analizzata, quanto a significato, nel suo inquadramento teorico e nella prassi applicativa.

E’ richiesta la conoscenza del diritto penale, anche alla luce della propedeuticità tra le due materie.

Contenuti e programma del corso
In ragione della menzionata esigenza di una didattica multilivello e per consentire una piena e corretta comprensione della giustizia riparativa e delle sue realtà e potenzialità applicative, il corso è strutturato in due moduli. In essi vengono affrontati, rispettivamente, i profili filosofici e giuridici della giustizia riparativa e della mediazione penale, soprattutto con riferimento ai settori in cui quest’ultima ha trovato sino ad ora applicazione concreta: la giustizia minorile, la competenza penale del giudice di pace, l’esecuzione delle pene detentive e non detentive, nonché, da ultimo, la giustizia penale degli adulti con l’istituto della messa alla prova introdotto dalla l. 28 aprile 2014 n. 67.
Nel primo modulo vengono proposte:
(a)un’analisi dei significati e dei principi della giustizia riparativa: la funzionalità educativa e di responsabilizzazione dell'autore del reato; l’offerta di uno spazio fisico informale che garantisca ascolto e attenzione alla vittima, meritevole di un più ampio riconoscimento rispetto a quello offertole nella vicenda processuale;
(b)una ricognizione degli strumenti operativi della giustizia riparativa (mediazione autore-vittima, mediazione indiretta e/o allargata, victim empathy groups, resoconti di vittimizzazione, tecniche di riparazione);
(c)un’indagine sul linguaggio normativo (autoritario e/o cooperativo) e sul valore comunicativo della legge (dalla materialità espressiva al valore espresso);
(d)una disamina dei tipi di conflitto e della loro suscettibilità ad essere mediati.
Nel secondo modulo, vengono trattati i profili strettamente giuridici della mediazione/riparazione con riferimento ai campi applicativi del sistema giuridico italiano:
I.la giustizia minorile (con riguardo, in particolare, agli istituti del proscioglimento per irrilevanza del fatto e della sospensione del processo con messa alla prova);
II.la giustizia degli adulti, con speciale riferimento alla competenza penale del giudice di pace (mediazione pre-processuale ed estinzione del reato conseguente a condotte riparatorie) e all’istituto della messa alla prova introdotto dalla l. 67/2014;
III.l’esecuzione della pena.
Verranno inoltre illustrati metodi, tecniche di conduzione e stili della mediazione penale.

Tipologia delle attività didattiche
Il corso si svolge nel secondo semestre attraverso 35 ore di lezione complessive.
La didattica comprende lezioni prevalentemente teoriche, volte ad illustrare i contenuti sopra esposti, e la possibilità, che verrà valutata sulla base del numero dei partecipanti, di effettuare la simulazione di un setting di mediazione penale, con la partecipazione di mediatori esperti.
Il corso mira a incentivare la partecipazione attiva alla discussione degli studenti frequentanti, per promuoverne le abilità comunicativo-relazionali e di problem solving. A tal fine gli argomenti e i principali materiali oggetto di trattazione nel corso delle singole lezioni verranno comunicati e resi disponibili agli studenti anticipatamente.
Sulla piattaforma e-learning del corso saranno caricati fonti bibliografiche, materiali giuridici, casi giurisprudenziali, presentazioni in power-point.

Testi e materiale didattico
G. Mannozzi, G.A. Lodigiani, La giustizia riparativa. Formanti, parole e metodi, Giappichelli, Torino, 2016.

Letture facoltative consigliate:
1)J. Morineau, Lo spirito della mediazione, Milano, Franco Angeli, 2003;
2)G. Mannozzi, G.A. Lodigiani (a cura di), Giustizia riparativa. Ricostruire legami, ricostruire persone, il Mulino, Bologna, 2015.

Tramite la piattaforma e-learning potranno essere indicati o caricati documenti e letture ulteriori.

Per gli studenti che hanno frequentato il seminario sulla giustizia riparativa nell’ambito del corso di Diritto penale, il programma del secondo modulo è ridotto, come sarà meglio specificato in successivo avviso pubblicato sulla piattaforma e-learning del Corso.

Testi per studenti non frequentanti
1.G. Mannozzi, G.A. Lodigiani, La giustizia riparativa. Formanti, parole e metodi, Giappichelli, Torino, 2016.
2.G. Mannozzi, G.A. Lodigiani (a cura di), Giustizia riparativa. Ricostruire legami, ricostruire persone, il Mulino, Bologna, 2015.

Lettura facoltativa consigliata:
J. Morineau, Lo spirito della mediazione, Milano, Franco Angeli, 2003;

Tramite la piattaforma e-learning potranno essere indicati o caricati documenti e letture ulteriori.

Per gli studenti che hanno frequentato il seminario sulla giustizia riparativa nell’ambito del corso di Diritto penale, il programma del secondo modulo è ridotto, come sarà meglio specificato in successivo avviso pubblicato sulla piattaforma e-learning del Corso.

Modalità di verifica dell’apprendimento
L’apprendimento è verificato attraverso un esame orale vertente sul programma con attribuzione del voto finale in trentesimi. L’esame sarà condotto partendo da una domanda generale, seguita da alcune domande più specifiche che aprono, a loro volta, ulteriori percorsi di approfondimento.
Verrà valutata, in particolare, la capacità di riferire i contenuti del programma in modo adeguato alle specificità della materia e al duplice ambito formativo proposto.
L’attribuzione del punteggio terrà conto non solo della correttezza contenutistica delle risposte, ma anche del possesso delle c.d. “competenze di carattere generalista” già citate (capacità di lettura critica, di ragionamento analitico, di criticare un’argomentazione, di soluzione dei problemi, nonché la tecnica e l’efficacia dell’espressione).

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2016/2017

Anno di corso: 2
Curriculum: PERCORSO COMUNE
Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2015/2016

Anno di corso: 2
Curriculum: PERCORSO COMUNE
Anno di corso: 4
Curriculum: PERCORSO COMUNE
Anno di corso: 5
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2014/2015

Anno di corso: 5
Curriculum: PERCORSO COMUNE