Università degli studi dell'Insubria

SOCIETA', MEDIA E SCIENZE MODERNE

A.A. di erogazione 2016/2017

 (A.A. 2015/2016)

Docenti

Anno di corso: 
2
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Settore disciplinare: 
STORIA DELLA SCIENZA E DELLE TECNICHE (M-STO/05)
Crediti: 
8
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
64
Dettaglio ore: 
Lezione (64 ore)

Obiettivi dell’insegnamento e risultati di apprendimento attesi
Il corso intende sviluppare negli studenti la capacità di produrre analisi critiche interdisciplinari in grado di affrontare differenti tipologie di comunicazione della scienza nel contesto contemporaneo.
I risultati attesi comprendono:
• capacità di selezionare gli argomenti trattati, utilizzando e confrontando con elaborazioni originali le fonti primarie e secondarie;
• capacità di inquadrare e valutare autori e temi storico-scientifici nel contesto sociale di riferimento, anche in relazione a problematiche attuali ed interdisciplinari;
• capacità di individuare e studiare le diverse tipologie di media e le loro interazioni con la scienza e la società in periodi storici definiti;
• capacità di affrontare le valutazioni critiche con un metodo flessibile e un approccio costruttivo;
• capacità di esprimersi con un linguaggio corretto e convincente, in grado di evidenziare un'ottima padronanza dei concetti trattati, riflessioni originali e vivacità intellettuale.

Non sono necessari particolari requisiti, ma è richiesta una conoscenza adeguata dei principali eventi storici e scientifici tra Ottocento e Novecento.

Contenuti e programma del corso
Il corso intende illustrare attraverso quali forme di comunicazione la scienza moderna si è trasformata in un rilevante fenomeno socio-culturale, che ha influenzato diverse tipologie di media nella società contemporanea, dalla letteratura e dalla stampa periodica dell'Ottocento, al teatro, al cinema ed alla televisione del Novecento.
Saranno quindi definite, individuate e valutate:
•le ricadute delle conoscenze scientifiche su pratiche sociali e tecniche di comunicazione;
•le aspettative della società nei confronti della scienza e delle tecnologie;
•la percezione pubblica delle scienze e delle tecnologie, nonché la loro trasmissione e la 'trasfigurazione' nei media contemporanei.

Il corso si articola nelle seguenti sezioni:
•Divulgazione scientifica e letteratura popolare: la “scienza positiva” e la “scienza per tutti”;
•Romanzi scientifici, origini e sviluppo della fantascienza: da Verne ad Asimov;
•Scienza e cinema: storia, biografie, catastrofi, nuovi mondi;
•La scienza a teatro;
•Le scienze nei nuovi media: dalla televisione a internet

Tipologia delle attività didattiche
Il corso comprende un ciclo di 64 ore di lezioni frontali, che includeranno le esercitazioni di approfondimento organizzate con la partecipazione degli studenti.

Modalità di verifica dell’apprendimento
La verifica dell'apprendimento si articola in un esercitazione di approfondimento in aula (presentazione) e in un esame orale. L' esercitazione si svolgerà secondo le seguenti modalità:
• ogni studente (frequentante e non frequentante) dovrà concordare con il docente la scelta di un’opera letteraria, cinematografica o teatrale o un'annata di un periodico di divulgazione scientifica o una serie televisiva, da studiare ed analizzare, per preparare una presentazione in aula, anche con l'ausilio di supporti visivi come powerpoint. Per scegliere l'opera da trattare si potrà utilizzare l'elenco dei suggerimenti proposti dal docente sul sito e-learning.
• sarà inoltre possibile svolgere, da parte di piccoli gruppi di due studenti, analisi comparate su opere correlate tra loro (ad esempio: libro + versione/i cinematografica/che, oppure un testo teatrale + la sua rappresentazione televisiva o cinematografica, ecc.): in questo caso ogni studente si occuperà dello studio di un'opera. Lo studio comparato di due opere può anche esser svolto da un solo studente: il maggiore impegno sarà considerato durante esame.
• nelle presentazioni in aula (max.20 min.e che saranno seguite da una valutazione critica del lavoro da parte di gruppi precostituiti di studenti) si dovranno fornire informazioni sugli autori e sulle fonti, descrivere il contenuto dell'opera valutando con particolare attenzione il ‘livello di scientificità’ (aderenza e qualità scientifica, elementi fantastici, anticipazioni tecnologiche, stile narrativo), ma possibilmente anche l'impatto sulla società e sul pubblico.
La presentazione in aula è un requisito obbligatorio richiesto a tutti gli studenti (frequentanti e non frequentanti) per poter sostenere l'esame e va concordata con il docente entro la metà di maggio, (verifica e-learning) al fine di definire un calendario delle presentazioni che si terranno dal 22 al 30 maggio. La presentazione costituisce la preparazione all'esame di profitto, costituito da un colloquio da sostenere a partire dalla sessione estiva. Il colloquio orale consiste nell'accertamento dell’acquisizione e della corretta comprensione dei contenuti dei testi (i volumi di P. Govoni, M. Merzagora, A. Bisicchia + il volume a scelta). Sui contenuti dei testi saranno formulate complessivamente quattro domande. E’ inoltre previsto un accertamento della capacità di analisi critica interdisciplinare e di autonomia di giudizio sugli argomenti principali del corso (una domanda. Infine sarà richiesta la conoscenza degli argomenti trattati a lezione e nel materiale didattico caricato sul sito e-learning (almeno una domanda). Il voto finale(in trentesimi), terrà conto dell'esattezza e della qualità delle risposte(70%),dell'abilità comunicativa evidenziata nella presentazionein aula (10%),nella capacità di evidenziare adeguata autonomia di giudizio, un approfondimento accurato, un'analisi critica originale(20%).

Testi e materiale didattico
E’ richiesto lo studio dei seguenti volumi:
• P. GOVONI, Un pubblico per la scienza (Roma, Carocci, 2011, pp. 368): il volume va studiato integralmente.
• M. MERZAGORA, Scienza da vedere (Milano, Sironi, 2006): va studiata l'introduzione e tutta la prima parte (pp. 1-106), mentre si utilizzerà per consultazione la seconda parte (schede dei film e bibliografia)
• A. BISICCHIA, Teatro e scienza (Torino, UTET, 2006): vanno studiati solo i capitoli VI e VII (pp. 71-137).
E di un volume a scelta tra:
A. BRODESCO, Una voce nel disastro. L'immagine dello scienziato nel cinema dell'emergenza (Roma, Meltemi, 2008)
B. TRAVERSETTI, Introduzione a Verne (Roma-Bari, Laterza, 1995)
P. GRECO e N. PITRELLI, Scienza e media ai tempi della globalizzazione (Torino, Codice, 2009)
Per la preparazione dell'esame è richiesto inoltre lo studio del materiale didattico presentato a lezione (disponibile sulla piattaforma e-learning)

- L’appello si svolgerà seguendo l’ordine di iscrizione degli studenti a cui sarà richiesto di mostrare il tesserino universitario o altro documento di riconoscimento.

- In base al numero degli studenti iscritti e presenti all’appello, gli esami potranno proseguire anche nei giorni successivi in base al calendario e agli orari indicati dal docente

- Per eventuali motivi di lavoro, gli studenti possono richiedere via email al docente di anticipare o posticipare l’orario dell’esame, ma comunque entro la giornata o le giornate previste per l’appello.

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2018/2019

Anno di corso: 2
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2017/2018

Anno di corso: 2
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2016/2017

Anno di corso: 2
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2014/2015

Anno di corso: 2
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2013/2014

Anno di corso: 2
Curriculum: PERCORSO COMUNE