Università degli studi dell'Insubria

TERMINOLOGIA GIURIDICA COMPARATA

A.A. di erogazione 2017/2018

 (A.A. 2015/2016)
Anno di corso: 
3
Tipologia di insegnamento: 
Affine/Integrativa
Settore disciplinare: 
DIRITTO PRIVATO COMPARATO (IUS/02)
Crediti: 
5
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
35
Dettaglio ore: 
Lezione (35 ore)

Il corso si propone di introdurre lo studente alla conoscenza dei grandi temi della lingua del diritto e della traduzione giuridica in chiave comparatistica, tenendo conto della peculiare situazione dell'Unione europea dove multilinguismo svolge un ruolo di grandissima importanza e fornendo anche una panoramica sui linguaggi giurdici nel contesto extra-europeo.
Il corso tende a sviluppare la sensibilità degli studenti verso le peculiarità del linguaggio giuridico rispetto al linguaggio ordinario e ad altri linguaggi specialistici. Inoltre, il corso mira a fornire agli studenti la conoscenza di base di alcuni linguaggi giuridici ritenuti significativi nel contesto europeo - ossia, oltre a quello italiano, i linguaggi giuridici francese, tedesco e russo. Infine, una parte del corso sarà dedicata alla peculiare situazione del multilinguismo giuridico europeo, anche in rapporto ad altre esperienze di multilinguismo, quale quella indiana, con particolare attenzione allo sviluppo dell’inglese quale lingua franca. Nel corso si adotterà una prospettiva storico-culturale che tenga conto delle radici storiche di tali linguaggi, della loro evoluzione nel tempo, delle reciproche influenze e delle loro caratteristiche attuali, che permetta agli studenti di acquisire una capacità di analisi sia diacronica che sincronica.

Prerequisiti: 

Conoscenza di base di almeno un’altra lingua europea.

Il programma si articola in due macrosettori - corrispondenti alle tematiche centrali del corso - a loro volta suddivisi in argomenti più specifici e di dettaglio, secondo un percorso logico che mira a fornire le conoscenze necessarie per il raggiungimento degli obiettivi dell’insegnamento.
1.– Il linguaggio giuridico
1.1. Il rapporto tra diritto e Lingua; 1.2 Le caratteristiche della lingua del diritto; 1.3. Il rapporto tra lingua del diritto e linguaggi specialistici; 1.4. Lo studio dei linguaggi giuridici come studio dei trapianti giuridici; 1.5. Il linguaggio giuridico come strumento di conoscenza del diritto straniero
2. – I linguaggi giuridici europei
2.1. Il francese giuridico; 2.2. Il linguaggio giuridico tedesco; 2.3. L’italiano giuridico; 2.4. Il linguaggio giuridico inglese; 2.5. Il linguaggio giuridico russo; 2.6. Il multilinguismo europeo

Il corso si svolge nel secondo semestre ed è articolato in 35 ore di lezione.
La didattica del corso prevede:
- le lezioni teoriche volte ad illustrare gli argomenti del corso, con il supporto di proiezioni power-point contenenti schede di sintesi dei concetti chiave del corso
- l’analisi di materiali originali che verranno messi a disposizione sulla piattaforma e-learning e discussi a lezione in modo da permettere quegli approfondimenti necessari per assumere un prospettiva critica nei confronti dell’intera materia
- l’esame concreto degli aspetti problematici posti dalla traduzione di alcuni termini giuridici specifici, illustrati anche attraverso l’utilizzo di tavole sinottiche
- conferenze di esperti, italiani e stranieri, su tematiche specifiche al fine di fornire agli studenti diversi approcci alla materia
Le lezioni prevedono il coinvolgimento degli studenti che verranno invitati ad intervenire attivamente alla discussione, in modo da stimolare la capacità di ragionamento, di analisi critica e nonché comunicativo-relazionali.

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Le modalità di verifica dell’apprendimento consistono in un esame orale, con attribuzione del voto finale in trentesimi, vertente sull’intero programma del corso.
Per la valutazione dell’apprendimento, il voto finale è espresso in trentesimi e tiene conto dell’esattezza e qualità delle risposte (50%), della capacità di valutazione critica e di argomentazione (30%), nonché della proprietà di linguaggio (20%).

Testi d’esame:
1. V. Jacometti, Lingua del diritto e linguaggi specialistici, in Digesto, Disc. Priv., VIII Agg., 2013, pp. 321-332
2. Europa e linguaggi giuridici , a cura di B. Pozzo e M. Timoteo, Giuffré 2008: Il francese giuridico (A. Carpi) pp. 83-121; Il linguaggio giuridico tedesco (V. Jacometti) pp. 123-178; L’italiano giuridico (R. Cateria, P. Rossi) pp. 185-208; Il linguaggio giuridico russo (L. Casertano) pp. 209-258; Il linguaggio giuridico inglese (S. Ferreri) pp. 259-300
3. B. Pozzo, La traduzione dall’inglese come lingua giuridica nel contesto del multilinguismo europeo: problemi e prospettive, in DPCE, 3/2011, pp. 651-662

Durante il corso verranno volta a volta messe a disposizione le presentazioni power-point utilizzate a supporto della lezione, contenenti schede di sintesi dei concetti chiave del corso.

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2017/2018

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2016/2017

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2014/2015

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2013/2014

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2012/2013

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2011/2012

Anno di corso: 3
Curriculum:

A.A. 2010/2011

Anno di corso: 3
Curriculum: