Università degli studi dell'Insubria

DIRITTO PENALE

A.A. di erogazione 2016/2017

Laurea Magistrale Ciclo Unico 5 anni in GIURISPRUDENZA
 (A.A. 2014/2015)
Anno di corso: 
3
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Sede: 
Como - Sant'Abbondio
Settore disciplinare: 
DIRITTO PENALE (IUS/17)
Crediti: 
10
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
60

Il corso intende offrire un quadro sistematico dei principi, delle strutture, dei meccanismi applicativi e delle tecniche ermeneutiche del diritto penale nazionale, una panoramica delle indicazioni sovranazionali rilevanti per la materia penalistica, ed altresì i principali profili contenutistici della criminalità economica e della giustizia riparativa.
Lo studente è chiamato, al termine del corso, a dimostrare di possedere competenze adeguate in relazione a: (a) la “parte generale” del codice penale (artt. 1-240 c.p.); (b) i principi della Costituzione e delle Convenzioni internazionali (in particolare la Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo - CEDU) che condizionano le dinamiche applicative delle norme penali di parte generale e delle norme incriminatrici; (c) gli ambiti di materia della criminalità economica e della giustizia riparativa, per le parti trattate durante il corso.
E’ richiesta altresì la capacità di riconoscere correttamente gli elementi essenziali delle norme incriminatrici e di risolvere casi pratici in relazione ai principali istituti di “parte generale” del codice penale (tipicità, dolo, colpa, causalità, delitto tentato, concorso di persone nel reato).
Il corso intende promuovere, nello studente, la capacità di utilizzare in modo appropriato il linguaggio giuridico-penalistico e di saper argomentare con autonomia di giudizio nonché avvalendosi di criteri critici, a loro volta fondati su una corretta ermeneutica, orientati al rispetto dei diritti umani e ispirati da una matura sensibilità politico-criminale.
Il corso è propedeutico rispetto a quello di Diritto penale progredito; pertanto si richiede allo studente di maturare una capacità di apprendimento in ambito penalistico tale da consentire un’agevole e proficua frequenza del corso successivo.

Prerequisiti: 

Si richiede una conoscenza appropriata del Diritto costituzionale e della Filosofia del diritto, essenziali per una piena comprensione dei vincoli costituzionali alle scelte di criminalizzazione, delle indicazioni costituzionali in materia di sanzioni, dell’orizzonte filosofico della pena, del diritto come strumento di regolazione dei conflitti e dell’orizzonte giusfilosofico della giustizia riparativa.

Il corso ha per oggetto i contenuti della “parte generale” del codice penale, le principali norme di rilevanza penalistica della CEDU e le linee portanti della giustizia riparativa, movimento di pensiero a cui è ispirata la competenza penale del giudice di pace.
Il programma comprende: le interrelazioni tra politica criminale e diritto penale; i principi del diritto penale; la legge penale (principio di legalità e suoi corollari; successione delle leggi penali); la sistematica delle fonti letta alla luce del diritto dell’Unione europea e della CEDU; la sistematica del reato; gli elementi del fatto; l’antigiuridicità e le singole cause di giustificazione; gli elementi della colpevolezza; la punibilità; le forme di manifestazione del reato; il sistema sanzionatorio, i criteri di commisurazione della pena e le vicende della punibilità; le nozioni fondamentali circa il sistema di responsabilità ex crimine della persona giuridica e la competenza penale del giudice di pace.
Nel programma sono altresì inclusi:
- lo studio della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, limitatamente alle principali norme di rilevanza penalistica e alla giurisprudenza della Corte di Strasburgo relativa a queste ultime;
- lo studio del significato, dei contenuti e dei metodi della giustizia riparativa;
- le nozioni essenziali in tema di criminalità economica.

D. Pulitanò, Diritto penale, Giappichelli, Torino, ult. ed.
Codice penale e normativa complementare, Milano, Raffaello Cortina Editore, ult. ed.
G. Mannozzi, Diritti dichiarati e diritti violati: teoria e prassi della sanzione penale al cospetto della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, in V. Manes, G. Zagrebelsky (a cura di), La Convenzione europea dei diritti dell’uomo nell’ordinamento penale italiano, Giuffrè, Milano, 2011, pp. 299-376.

A seconda del seminario frequentato, uno dei seguenti testi:
Per il seminario sulla criminalità economica: E. M. Ambrosetti, E. Mezzetti, M. Ronco, Diritto penale dell’impresa, III ed., Zanichelli, Bologna, 2012, limitatamente alle pp. 1-43, pp. 77-96.
Per il seminario sulla Giustizia riparativa: G. Mannozzi, G.A. Lodigiani (a cura di), Giustizia riparativa. Ricostruire legami, ricostruire persone, il Mulino, Bologna, 2015 limitatamente al Prologo, Epilogo e un capitolo a scelta dello studente per ciascuna sezione del volume (prospettiva filosofica, prospettiva penalistica, prospettiva criminologica e prospettiva della prassi).

Sulla piattaforma e-learning verranno caricate, al momento opportuno, presentazioni power-point, sentenze rilevanti, articoli di dottrina e casi pratici da discutere con gli studenti.

Corso Integrato

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2016/2017

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2015/2016

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2014/2015

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE