Università degli studi dell'Insubria

ECONOMIA MONETARIA

A.A. di erogazione 2015/2016
Insegnamento obbligatorio

 (A.A. 2014/2015)
L'insegnamento è composto da diversi moduli, consultare il dettaglio nella sezione Moduli.
Anno di corso: 
2
Crediti: 
12
Ore di attivita' frontale: 
80

Mod.1 - Banche e Mercato Monetario
Il corso si propone di fornire gli strumenti per comprendere il comportamento delle banche centrali e gli effetti della politica monetaria sui mercati finanziari, sul settore bancario e sulle variabili macroeconomiche. La prima parte del corso esamina gli strumenti della politica monetaria e il meccanismo di trasmissione e approfondisce il ruolo svolto dalle banche nell’ambito del processo di trasmissione. Nel far ciò, il corso fa costante riferimento all’evoluzione recente della strategia e delle decisioni di politica monetaria attuate dalla BCE nel contesto della crisi finanziaria del 2007-08, della successiva crisi dei debiti sovrani e del contesto attuale. Particolare considerazione viene riservata agli impatti che la crisi, nelle sue diverse fasi, e i conseguenti interventi della BCE hanno avuto sul bilancio delle banche e sulle condizioni creditizie, con specifica attenzione al caso del settore bancario italiano. In quest’ambito, il corso esamina la gestione della liquidità da parte dell’Eurosistema, le tendenze del funding delle banche, le determinanti del mercato del credito. Con riguardo al canale del credito, si approfondiscono i fattori di domanda e offerta, nonché le misure attuate per favorire l’accesso al credito soprattutto da parte delle PMI. Allo scopo di fornire allo studente gli strumenti per la lettura e l’interpretazione dei fenomeni monetari e creditizi, il corso fa frequente ricorso all’analisi empirica degli aggregati e dei tassi d’interesse di mercato monetario e bancario, sulla base delle statistiche di fonte BCE e Banca d’Italia. L’ultima parte del corso si propone di delineare gli sviluppi recenti in sede europea con riferimento alle istituzioni e alle regole preposte all’obiettivo della stabilità finanziaria e al nuovo contesto dell’Unione bancaria.

Mod.2 - Economia Monetaria e Creditizia
Il corso è dedicato allo studio del rapporto tra moneta e credito e del ruolo macroeconomico della moneta e della finanza. Per affrontare questi temi verrà dedicato grande spazio all’analisi della crisi finanziaria dei mutui subprime che costituisce la causa immediata della più pesante crisi economica dopo la Grande Depressione degli anni ’30.

E' necessario che lo studente abbia sostenuto gli esami di microeconomia e di macroeconomia relativi ad una laurea triennale.

Mod.1 Banche e Mercato Monetario

1. Il ruolo delle banche nel meccanismo di trasmissione della politica monetaria, con particolare riguardo a: i) Tassi di interesse; ii)Canale del credito; iii)Aggregati monetari; iv) Shock esterni (premi al rischio, disfunzioni dei mercati, situazione patrimoniale delle banche, …).

2. Gli strumenti – convenzionali e non convenzionali - della politica monetaria, il rifinanziamento delle banche, il ruolo del collaterale.

3. La relazione tra rischio sovrano e rischio bancario.

4. Il mercato monetario durante la crisi: disfunzioni e frammentazione all’interno dell’eurozona.

5. L’evoluzione della liquidità e del funding bancario: l’importanza assunta dal rifinanziamento presso l’Eurosistema; il funding secured e unsecured.

6. Offerta e domanda di credito: i)principali determinanti della domanda e fattori d’offerta, politiche di razionamento/allentamento del credito; ii)Il dibattito sul credit crunch; iii)Il finanziamento delle PMI e le misure per favorirne l’accesso al credito; iv) Le alternative al credito bancario.

7. La BCE e l’obiettivo della stabilità finanziaria: istituzioni e strumenti della politica macro-prudenziale; interazione con la regolamentazione micro-prudenziale delle banche.

8. L’Unione bancaria: (i) sistema unico di supervisione bancaria; (ii) schema comune di garanzia dei depositi; (iii) sistema europeo di risoluzione delle crisi bancarie.

Modalità di verifica dell’apprendimento.
L’esame è scritto, con domande aperte, volte a valutare l’apprendimento delle conoscenze e delle capacità di giudizio, analisi e commento dei fenomeni monetari e creditizi trattati nel programma. Nella valutazione finale, si tiene conto delle esercitazioni realizzate dagli studenti frequentanti.

Mod.2 - Economia Monetaria e Creditizia

1. Una schematica descrizione della crisi contemporanea
a) La crisi finanziaria: sviluppo e crollo del mercato dei mutui subprime
b) Dalla crisi finanziaria alla Grande recessione: le tre fasi della crisi

2) Le spiegazioni dell’origine della crisi basate sulla categoria dell’errore.
a) La crisi dei mutui subprime e la politica monetaria americana (Taylor)
b) La crisi e il sistema bancario americano: la finanza ha creato una quantità eccessiva di rischio (Rajan)
c) L’eccesso di risparmio globale e la crisi (Bernanke)

3. La crisi e la teoria economica: la teoria neoclassica della finanza e la natura esogena della crisi
a) Il ruolo della finanza secondo la teoria neoclassica
b) Mercato della moneta e mercato del credito secondo la teoria neoclassica.
c) Intermediari finanziari e asimmetrie informative

4. La crisi e la teoria economica: l’approccio Keynes-Schumpeter-Minsky alla teoria della finanza e la natura endogena della crisi
a) Moneta bancaria e credito nell’analisi di Keynes e Schumpeter: la relazione tra moneta, decisioni di investimento e incertezza.
b) Moneta bancaria e sviluppo economico: l’analisi di Schumpeter
c) Decisioni di risparmio, ricchezza e speculazione: l’analisi di Keynes
d) La natura endogena della crisi: l’analisi Keynes-Minsky

Informazioni relative allo svolgimento dell’esame.

Prova scritta
Lo studente dovrà rispondere a tre domande aperte più una eventuale domanda di approfondimento. Le risposte ad ognuna delle prime tre domande avranno un punteggio compreso tra 0 e 10, mentre per la risposta alla domanda di approfondimento è previsto un punteggio compreso tra 0 e 3 punti.

Prova orale
In caso di esito positivo della prova scritta, lo studente potrà registrare il voto dello scritto oppure potrà chiedere di svolgere un esame orale integrativo. Lo studente dovrà sostenere un esame orale nel caso in cui il docente lo ritenga opportuno.

Mod.1 Banche e Mercato Monetario

ECB, The Monetary Policy of the ECB, May 2011, Cap. 3 e 4, Cap. 5 - Box 5-1.
ECB, Monetary policy transmission in the euro area, Montly Bulletin, July 2000.
ECB announces measures to support bank lending and money market activity, 8 December 2011.
ECB, Recent developments in excess liquidity and money market rates, Monthly Bulletin, January 2014.
BCE, “Andamenti recenti dei prestiti al settore privato”, in Bollettino mensile, gennaio 2011.
ECB, The euro area bank lending survey.
Banca d’Italia, Indagine sul Credito bancario (Risultati per l’Italia, Nota metodologica, Questionario).
P. Cour-Thimann and B. Winkler, The ECB’s non-standard monetary policy measures - The role of institutional factors and financial structure, Working Paper, N. 1528 / April 2013.
Y. Mersch, “Banks, SMEs and securitisation”, London, 7 April 2014.
G. Gobbi, Banca d’Italia, Audizione nell’ambito dell’indagine conoscitiva sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita, 16 ottobre 2013.
C. Barbagallo, Banca d’Italia, Credito e Regolamentazione. Un sistema finanziario stabile e orientato alla crescita, Intervento 22 marzo 2014.
F. Panetta, Banca d’Italia, Un sistema finanziario per la crescita, Intervento 27 gennaio 2014.
P. Angelini, G. Grande and F. Panetta, «The negative feedback loop between banks and sovereigns”, Questioni di Economia e Finanza N. 213, January 2014.
ECB, Integration in European financial markets improved, but still worse than before crisis, press release, 28 April 2014.
ECB, Financial Integration in Europe, Chapter 1 - Recent developments in financial integration in the euro area, April 2014.
I. Angeloni, Verso l’Unone bancaria europea, Bancaria, dicembre 2013.
V. Constâncio, Banking Union and European integration, Speech 12 May 2014.
ECB, Financial Integration in Europe, Chapter 2 – European Institution Reform, The Single Resolution Mechanism, April 2014.
I. Visco, L’attuazione dell’Unione bancaria europea e il credito all’economia, Audizione 15 dicembre 2014.
Il Meccanismo unico di risoluzione delle crisi: il quadro normativo alla base del secondo pilastro dell'Unione bancaria, in Banking Monitor, Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo, Settembre 2014.
ESRB, «Flagship Report on Macro-prudential Policy in the Banking Sector», March 2014.
F. Panetta, “Macroprudential tools: where do we stand?”, 14 May 2013.

Mod.2 - Economia Monetaria e Creditizia

-Bertocco Giancarlo, La crisi e le responsabilità degli economisti, Francesco Brioschi Editore, Milano, 2015

-Autori Vari: Letture per il corso di Economia Monetaria e Creditizia 2014-2015, (disponibile presso copisterie e Libreria Universitaria Cortina, Varese). Contiene i seguenti testi:
- Tabellini, G., Idee e regole per il mondo dopo la tempesta, Il Sole 24 Ore, 07-05-2009, p. 1
- Tabellini, G., Il mondo ritorna a correre. L’Italia non si fermi, Il Sole 24 Ore, 24-06-2009, p. 4
- Stiglitz, J., Cari economisti scendete a terra, Il Sole 24 Ore, 21-08-2010, p. 7
- Krugman, P., Gli errori degli economisti, Internazionale, 18- 09- 2009, p. 9
- Bodie, Z, Kane. A, Marcus, A, Investments, 8^ ed., McGraw Hill, p.18
- Friedman, M., Schwartz, A., Monetary trends in the United States and the United Kingdom, 1980, p. 19.
- Rossi, Salvatore, Miseria e nobiltà della finanza, Il Mulino, 6, 2008, p. 26
- McCallum, B., Monetary Economics, Macmillan, 1989, p. 32.
-Keynes, J.M. A monetary theory of production, 1933, p. 37.
- Schumpeter, J., History of economic theory, 1954, p. 39
- Hicks, J. Una teoria della storia economica, 1958, p. 48.
- Keynes, J. M., Teoria generale dell’occupazione, dell’interesse e della moneta, cap. 12, 1936, p. 50.
- Keynes, J. M., La teoria generale dell’occupazione, 1937, p. 61.

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2016/2017

Anno di corso: 2
Curriculum: FINANZA, MERCATI E INTERMEDIARI FINANZIARI

A.A. 2015/2016

Anno di corso: 2
Curriculum: FINANZA, MERCATI E INTERMEDIARI FINANZIARI

A.A. 2013/2014

Anno di corso: 2
Curriculum: FINANZA, MERCATI E INTERMEDIARI FINANZIARI