Università degli studi dell'Insubria

ESTETICA DELLA COMUNICAZIONE

A.A. di erogazione 2016/2017

Laurea triennale in SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
 (A.A. 2014/2015)
Anno di corso: 
3
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Settore disciplinare: 
ESTETICA (M-FIL/04)
Crediti: 
6
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
48
Dettaglio ore: 
Lezione (48 ore)

Obiettivi dell’insegnamento e risultati di apprendimento attesi
Obiettivi dell’insegnamento e risultati di apprendimento attesi Il corso mira a sviluppare alcune competenze di base nonché alcuni approfondimenti in merito a specifici aspetti dell’estetica relativi a:
1.la storia dell’estetica come filosofia dell’arte e come dottrina delle forme;
2.la comprensione e l’interpretazione delle principali categorie estetiche a partire dall’analisi di abiti mentali archetipici nella storia delle idee dalla loro elaborazione nella cultura classica greco-romana alla loro riformulazione nella cultura del tempo presente (cinismo, stoicismo, edonismo, ermetismo ecc.);
3.la comprensione e l’interpretazione di tali prospettive ideali nell’ambito della cultura di massa e della cosiddetta “società dello spettacolo”.

La tecnica di apprendimento comprende l’esposizione e l’interpretazione di una serie di testi classici del pensiero filosofico ed estetico. Tali opere saranno la base per attivare capacità di comprensione dei processi di costruzione dell’immagine del mondo, nella sfera delle arti e della letteratura, ma anche della costruzione della propria identità sociale da parte dei soggetti protagonisti del sapere nella cultura occidentale. Nello specifico, Gli studenti dovranno dimostrare di essere in grado di analizzare e interpretare criticamente le teorie estetiche alla luce di quanto appreso all’interno del corso.
Saranno valutate:
1.le capacità di utilizzo dei linguaggi specifici della dimensione estetica;
2.le modalità di relazione tra l’estetica e la dimensione mediatica dei saperi;
3.la relazione tra la dimensione estetica e la formazione della soggettività individuale e sociale nel contemporaneo.

•Una cultura generale acquisita nell’ambito di un corso quinquennale di scuola superiore;
•un interesse generico per la cultura nelle sue varie manifestazioni sociali, dalla frequentazione di musei, mostre e conferenze, fino alla lettura di opere letterarie e saggistiche, nonché alla visione di opere cinematografiche dotate di significativa capacità di rappresentare il mondo.

Contenuti e programma del corso
Il corso si sviluppa secondo tre linee didattiche e formative di riferimento che prevedono:
1.l’analisi della storia dell’estetica, dalle rappresentazioni dell’arte nel mondo antico alla codificazione della disciplina nel Settecento e primo Ottocento, fino agli sviluppi delle estetiche contemporanee legate alla cosiddetta “scuola del sospetto“ (Marx, Nietzsche, Freud) (parte istituzionale, 8 ore);
2.l’analisi delle forme idealtipiche di lungo periodo e della loro mutazione genetica nelle varie epoche storiche, con particolare riferimento alle patologie del tempo presente (32 ore).
3.L’esposizione sintetica della società dello spettacolo, con particolare riferimento alla comunicazione legata alle nuove tecnologie del virtuale (32 ore).

Tipologia delle attività didattiche
Le attività si svolgeranno mediante lezioni frontali, in cui il docente illustrerà i contenuti del corso chiedendo la partecipazione interattiva degli studenti mediante interventi, domande e riflessioni, in un serrato confronto dialettico tra professore e studente.

Testi e materiale didattico
1.M. Perniola, La società dei simulacri, Mimesis, Milano-Udine 2011;
2.G. Debord, La società dello spettacolo, Sugarco, Milano 1995 (o una qualsiasi altra edizione, ne esistono in commercio 4 o 5);
3.P. Dalla Vigna, La pattumiera della storia, Mimesis, Milano-Udine 2009.
4.(attenzione: il seguente testo è obbligatorio per i non frequentanti. Gli Studenti frequentanti, invece, lo possono preparare in alternativa al libro di Mario Perniola, La società dei simulacri, Mimesis, Milano-Udine 2011) Erasmo Storace, Il poeta e la morte. Una prospettiva estetica sulle Elegie duinesi di Rainer Maria Rilke, Mimesis Edizioni, Milano 2012.

Modalità di verifica dell’apprendimento
L’apprendimento sarà verificato mediante una prova orale.
L’esame orale consiste in una presentazione degli argomenti trattati all’interno del corso e avrà come scopo quello di accertare la preparazione del candidato sui testi in oggetto e la sua capacità di darne un’interpretazione critica.
Verranno valutate:
1.la correttezza lessicale dell’esposizione (5 punti);
2.la correttezza delle analisi concettuali svolte sui testi (10 punti);
3.l’acquisizione di una metodologia efficace di apprendimento (5 punti);
4.la capacità critica e di autonomia dello studente (10 punti).

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2017/2018

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2016/2017

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2015/2016

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2013/2014

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE