Università degli studi dell'Insubria

FILOSOFIA DELLA SCIENZA

A.A. di erogazione 2016/2017

Laurea triennale in SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
 (A.A. 2014/2015)

Docenti

Anno di corso: 
3
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Settore disciplinare: 
LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA (M-FIL/02)
Crediti: 
6
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
48
Dettaglio ore: 
Lezione (48 ore)

Obiettivi dell’insegnamento e risultati di apprendimento attesi
L’insegnamento si pone l’obiettivo di definire ed analizzare criticamente le differenti modalità di riflessione concettuale presenti nell’ambito della tradizione del pensiero occidentale, con particolare riferimento al nesso filosofia-scienza e alla tradizione del razionalismo critico. Attenzione particolare viene dedicata all’analisi dei testi del classici del pensiero con l’obiettivo di coglierne le linee essenziali, lo sviluppo delle diverse forme concettuali, l’esplicitazione delle varie categorie e anche delle topiche di ragionamento, l’analisi del linguaggio e la sua organizzazione – stilistica, disciplinare e concettuale -, sulla base di un percorso di approfondimento analitico e critico, finalizzato, in linea generale, all’acquisizione di una problematica di riflessione, inserita e declinata entro le differenti tradizioni di pensiero che l’hanno variamente generata attraverso molteplici contaminazioni critiche.
Tra i risultati di apprendimento attesi si segnalano pertanto i seguenti:
- acquisizione di una prospettiva di riflessione poliprospettica e critica;
- capacità di saper leggere criticamente un testo, inserendolo all’interno del suo preciso contesto storico e concettuale
- capacità di saper riconoscere le differenti tradizioni di pensiero presenti all’interno di un testo, declinandole secondo le loro differenti curvature teoretiche;
- capacità di cogliere i problemi aperti presenti entro una determinata problematizzazione critica;
- capacità di saper applicare autonomamente tali conoscenze, onde avviare una propria ed autonoma meta-riflessione critica, da applicarsi a problemi aperti della contemporaneità.

Gli insegnamenti del curriculum triennale, in particolare delle aree linguistiche, storiche, scientifiche e di comunicazione, costituiscono il patrimonio concettuale essenziale, onde affrontare i temi proposti nel corso.

Contenuti e programma del corso
- genesi della riflessione filosofica razionalista nel mondo culturale del XVII secolo;
- analisi dello stile concettuale della riflessione cartesiana;
- analisi del criticismo cartesiano;
- analisi del razionalismo critico di Descartes;
- valori e limiti del razionalismo di Descartes sia sul piano teoretico, sia sul piano pratico;
- la svolta cartesiana entro la tradizione del razionalismo critico occidentale;
- il contributo del cartesianesimo alla comprensione della religione;
- Descartes e il tradizionale ontologismo metafisico;

Tipologia delle attività didattiche
Gli obiettivi formativi del corso verranno raggiunti attraverso la modalità delle lezioni frontali (per un totale complessivo di 72 ore) che prevedono la discussione analitica e collettiva dei testi dei classici presi in diretto riferimento.

Testi e materiale didattico
È richiesto lo studio dei seguenti testi:
- René Descartes, Discorso sul metodo, con testo francese a fronte, a cura di R. Campi, Rizzoli Milano 2010 (oppure qualunque altra edizione approvata dal docente)
- René Descartes, I principi della filosofia, a cura di E. Garin, Laterza, Roma-Bari 2010, limitatamente al libro primo (oppure qualunque altra edizione approvata dal docente)
Uno dei seguenti testi deve essere a scelta dello studente:
- Eugenio Garin, Vita e opere di Cartesio Laterza, Roma-Bari 2014
- Geneviève Rodis-Lewis, Cartesio. Una biografia, Editori Riuniti, Roma 1997;
- Giovanni Crapulli, Introduzione a Descartes, Laterza, Roma-Bari 1995
- William R. Shea, La magia dei numeri e del moto. René Descartes e la scienza del Seicento, Bollati Boringhieri, Torino 1994
- Baruch Spinoza, Principia Philosophiae Cartesianae, a cura di Emanuela Scribano, Laterza, Roma-Bari 1990

Modalità di verifica dell’apprendimento
È previsto il solo esame orale finale nel corso del quale si valuterà:
- la capacità di saper comprendere adeguatamente la lettura di un testo;
- la conoscenza adeguata dei testi d’esame;
- la capacità di saper sviluppare una propria autonoma riflessione critica.
L’esame consiste in un colloquio orale teso all'accertamento dell’acquisizione e della corretta comprensione dei contenuti dei testi che andranno studiati integralmente: sui contenuti di ogni volume saranno formulate due domande. È previsto un accertamento della capacità di analisi critica interdisciplinare e di autonomia di giudizio sugli argomenti principali del corso (due domande). Inoltre sarà richiesta la conoscenza degli argomenti trattati a lezione (almeno 1 domanda). Il voto finale terrà conto dell’esattezza e della qualità delle risposte (70%), nonché dell’abilità comunicativa mostrata durante il colloquio (10%) e della capacità di motivare adeguatamente affermazioni, analisi e giudizi (20%).

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2017/2018

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2016/2017

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2015/2016

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2013/2014

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE