Università degli studi dell'Insubria

FILOSOFIA DELLA SCIENZA

A.A. di erogazione 2015/2016

Laurea triennale in SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
 (A.A. 2013/2014)
Docenti
Anno di corso: 
3
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Settore disciplinare: 
LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA (M-FIL/02)
Crediti: 
6
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
48
Dettaglio ore: 
Lezione (48 ore)

Obiettivi dell’insegnamento e risultati di apprendimento attesi
La Filosofia della Scienza è la disciplina che si occupa di esaminare le diverse scienze naturali dal punto di vista del loro metodo, del loro contenuto e dei loro rapporti con le altre branche del sapere. A prima vista potrebbe sembrare un argomento molto tecnico e con pochi rapporti col problema della comunicazione. In realtà nel mondo tecnologico di oggi non è possibile occuparsi di comunicazione senza avere a che fare, almeno indirettamente, col problema di come parlare, tra le altre cose, anche della scienza; e non è possibile parlare della scienza senza assumere una determinata posizione filosofica rispetto ad essa. L’alternativa non è quindi tra avere o non avere una tale posizione, ma tra averne una esplicita (e quindi critica) o una implicita (e quindi acritica). Lo scopo fondamentale del corso è quindi quello di fornire agli studenti gli strumenti per il raggiungimento di una tale consapevolezza critica.
Per questo, considerando anche la particolare tipologia degli studenti del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione, che perlopiù non hanno alle spalle una formazione scientifica approfondita, si cercherà innanzitutto di fornire le conoscenze necessarie per la corretta comprensione della vera natura della ricerca scientifica, attraverso l’esposizione di alcune fra le principali tappe della storia della scienza e il contatto diretto con il mondo della ricerca, in modo che gli studenti possano avere un’esperienza diretta e personale del tipo di pensiero critico che si richiede nella fase della scoperta, che è molto diversa da quella della presentazione dei risultati, che è invece in genere l’unica che conoscono.
Oltre a ciò, verrà fatto (nei limiti consentiti dalla natura del corso) un lavoro di costante paragone tra l’immagine reale della scienza così come la si viene man mano scoprendo durante il corso e quella che viene in genere fornita dai mezzi di comunicazione di massa, invitando gli studenti ad essere sempre più protagonisti diretti di tale lavoro man mano che acquisiscono le necessarie competenze e abilità.
Non ci si aspetta naturalmente che alla fine del corso gli studenti siano in grado di leggere un articolo di fisica o di cosmologia, ma sì che siano in grado di esporre i concetti fondamentali della attuale visione scientifica del mondo e di distinguerli dalle versioni distorte che troppo spesso vengono fornite dai media, ponendoli inoltre correttamente in relazione con le altre parti della cultura umana, evitando gli opposti (e oggi assai diffusi) errori del riduzionismo e dello scetticismo.

Modalità di verifica dell’apprendimento
L’esame è orale e individuale e si svolgerà in un’unica sessione alla fine del corso. Allo scopo di favorire lo sviluppo della capacità critica e dell’autonomia di giudizio dello studente, questi avrà la possibilità di scegliere il primo argomento, sul quale potrà, se lo desidera, svolgere anche un lavoro di approfondimento personale. Benché non sia una regola assolutamente categorica, come principio generale un’esposizione insufficiente dell’argomento a scelta non permette il superamento dell’esame. Se invece questa sarà stata positiva, seguiranno alcune domande poste dal docente sugli altri temi del corso, approssimativamente in proporzione di 2:1.

Prerequisiti: 

Non sono richiesti particolari prerequisiti.

Anzitutto verranno illustrati i momenti cruciali dello sviluppo della scienza: la sua nascita ad opera di Galileo, il suo travisamento ad opera di Cartesio, il suo progressivo affermarsi grazie soprattutto alla teoria della gravitazione di Newton, quindi la termodinamica statistica di Boltzmann, l’elettromagnetismo, la relatività di Einstein, la teoria atomica e la meccanica quantistica, la cosmologia, la teoria delle stringhe, il caos e i frattali. Quindi si cercherà di dare un panorama il più possibile completo delle diverse posizioni filosofiche esistenti al riguardo, senza limitarsi, come invece usualmente accade, al solo Novecento e al solo filone della epistemologia di impostazione analitica. Questi due aspetti verranno sviluppati parallelamente, in continuo dialogo fra loro, cercando di farne emergere le reciproche implicazioni e i principali problemi aperti, nonché la loro rilevanza per una corretta comunicazione scientifica. Al tempo stesso, si cercherà di inserire il discorso in una prospettiva più generale, mostrando come la scienza sia una delle modalità con cui l’uomo si interroga sul significato del mondo in cui vive e come pertanto non si trovi in opposizione alle altre forme non scientifiche di conoscenza, ivi compresa quella religiosa, ma anzi possa collaborare armoniosamente con esse nello svelarci sempre meglio il volto ultimo di una realtà che più la conosciamo, più ci appare grande, complessa e sorprendente, ma anche piena di bellezza, di fascino e di mistero.

Dispense e diapositive in formato PowerPoint, che verranno rese disponibili a lezione e sulla piattaforma E-learning dell’Insubria insieme ad un elenco di libri consigliati.
Eventuali filmati verranno forniti sotto forma di DVD o resi disponibili in streaming sul sito dell’Insubria, a seconda di quale delle due modalità apparirà più pratica.

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2017/2018

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2016/2017

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2015/2016

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2014/2015

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2012/2013

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2011/2012

Anno di corso: 2
Curriculum:

A.A. 2010/2011

Anno di corso: 2
Curriculum: