Università degli studi dell'Insubria

ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

A.A. di erogazione 2012/2013

 (A.A. 2012/2013)
Anno di corso: 
1
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Settore disciplinare: 
ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI (SECS-P/11)
Crediti: 
6
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
40
Dettaglio ore: 
Lezione (40 ore)

Questo corso offre le conoscenze fondamentali sui temi del comportamento dei mercati finanziari, la struttura dei mercati, il processo di negoziazione, la tipologia e la valutazione degli strumenti finanziari (azioni, titoli a reddito fisso, strumenti derivati).

Prerequisiti: 

Nessuno

Il Corso si propone di illustrare il ruolo dei mercati finanziari, dei fattori istituzionali e degli intermediari finanziari; inoltre focalizza l’attenzione sugli strumenti finanziari (azioni, obbligazioni, derivati finanziari) e sul processo di negoziazione.
Il Corso si svolgerà in italiano.
Programma analitico
1. Le funzioni del mercato mobiliare.
2. Mercato primario e secondario dei titoli.
3. Le forme organizzative dei mercati.
4. Organismi di controllo e regolamentazione del mercato mobiliare: i riflessi sulla struttura organizzativa dei mercati.
5. Tassonomia, funzioni economiche e caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari.
6. Metodologie di valutazione degli strumenti finanziari.
7. Motivazioni della quotazione in Borsa degli strumenti finanziari. Organizzazione e struttura operativa dei principali mercati regolamentati italiani: le modalità di contrattazione; i sistemi di liquidazione e garanzia.
8. Le attività e il ruolo degli intermediari finanziari sul mercato mobiliare:
8.1. i servizi:
a) l'intervento degli intermediari nelle operazioni di mercato primario (aumenti di capitale, collocamento dei titoli, offerte pubbliche di azioni);
b) i servizi di negoziazione offerti mediante sistemi di negoziazione tradizionali ed alternativi;
c) i servizi di consulenza e di gestione dell’investimento in titoli: la gestione individuale dei patrimoni mobiliari (GPM) e la gestione collettiva del risparmio (fondi di investimento);
8.2. regole di comportamento, caratteristiche operative e tipologie degli intermediari mobiliari e degli investitori istituzionali.
9. Un’analisi dei dati riferiti al mercato mobiliare italiano.

1. AA.VV., Il nuovo Come si legge il Sole 24 Ore, Ed. 2011, cap. 7 (Il mercato valutario).
2. Banca d'Italia, Relazione annuale 2011, Roma maggio 2012, capp. 14, 15, 16, 17 (solo il paragrafo “L’attività degli intermediari non bancari”), 18, 19 (solo il paragrafo “L’attività di controllo sugli intermediari non bancari”), 20; il testo si può scaricare dal sito internet http://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/relann/rel11/rel11it
3. FERRARI A. – GUALANDRI E. – LANDI A. – VEZZANI P., Il sistema finanziario: funzioni, mercati e intermediari, Giappichelli, Torino, 2012: cap. I, cap. II (par. 5 e 6); cap. V, cap. VI (par. 1 e 4).
4. USELLI A., Dispensa di Economia del Mercato Mobiliare A, Ed. 2012-13, disponibile sulla pagina web del docente http://eco.uninsubria.it/webdocenti/cschena/cschena.html