Università degli studi dell'Insubria

BASI E TECNICHE DI IMMUNOLOGIA

A.A. di erogazione 2014/2015

 (A.A. 2012/2013)
Anno di corso: 
3
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Settore disciplinare: 
PATOLOGIA GENERALE (MED/04)
Crediti: 
6
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
48
Dettaglio ore: 
Lezione (48 ore)

Obiettivi dell’insegnamento e risultati di apprendimento attesi:

il corso di Basi e Tecniche di Immunologia ha come obiettivo primario l’apprendimento dei fondamenti della disciplina in modo che lo studente possa in seguito proficuamente approfondire la sua formazione nel settore. Inoltre almeno un quinto del corso è finalizzato a illustrare i principali approcci sperimentali e tecnologici in immunologia ed altri settori disciplinari affini.
Lo studente al termine del corso sarà in grado di orientarsi nella complessità delle risposte immuni, in particolare riferimento al ruolo delle varie popolazioni linfocitarie. Conoscenza di fondamentale importanza per accedere allo studio della moderna immunopatologia

Modalità di verifica dell’apprendimento:
La verifica finale consta di due prove, la prima scritta la seconda orale. Lo scritto consiste in un test a scelta multipla la cui finalità è verificare la preparazione su tutto il programma. Nell’orale che segue, anche in base alle lacune riscontrate nello scritto, il docente verifica la comprensione della materia. Allo studente viene anche chiesto di “dimostrare”, attraverso un esposizione dell’evidenza sperimentale, i modelli immunologici. Il voto finale viene attribuito in base alla media nelle prove parziali

Prerequisiti: 

Per seguire proficuamente le lezioni frontali lo studente dovrà essere già in possesso di nozioni base di citologia, istologia, genetica e biologia molecolare.

1) Introduzione
- emopoiesi
- leucociti, immunofenotipo, classificazione CD
- apoptosi necrosi
- risposte innate ed acquisite, memoria immunologica

2) Immunoglobuline struttura e funzioni
- strategie di studio della struttura molecolare delle Ig
- Fab e Fc, hinge region, CDR1, CDR2 e CDR3
- dominio Ig, superfamiglia delle Ig
- interazioni Ab:Ag dal punto di vista strutturistico
- le proprietà effettrici delle cinque classi Ig

3) i geni codificanti le Ig, sviluppo dei linfociti B e riarrangiamento
- la diversità delle Ig: esperimento di Tonegawa
- organizzazione geni Ig, dinamica del riarrangiamento
- flessibilità giunzionale, combinatoria.
- splicing alternativi nei loci codificanti le Ig (Ig di membrana e secrete)
- esclusione allelica e trascrizione geni Ig
- tutti gli elementi che contribuiscono al repertorio stimato delle Ig
- meccanismi del riarrangiamento cenni enzimi coinvolti: RAG, TdT
- concetto di aptene e di carrier
- esperimento di Milstein, ipermutazione somatica, aumento affinità delle Ig
- switch isotipico
- stadi maturativi delle linea B, eventi molecolari e fenotipi

tecniche immunologiche, parte prima anticorpi
- apteni e carrier
- uso degli adiuvanti in immunizzazione
- misurazione della Kd di affinità e dell’avidità mediante dialisi all’equilibrio
- tecnica di selezione degli ibridomi di Milstein in terreno HAT
- screening monoclonali, ELISA etc
- tecniche di DNA ricombinante per la produzione di anticorpi umanizzati e innovativi approcci terapeutici al cancro e a malattie autoimmuni

4) MHC, TCR e cellule NK
- MHC-I e MHC-II divisione delle “aree di competenza”, comparti cellulari. Distribuzione tissutale
- MHC-I e MHC-II organizzazione genica, polimorfismo, aplotipo
- MHC-I e MHC-II struttura molecolare, binding di peptidi, residuo ancora
- significato biologico del polimorfismo MHC, associazione polimorfismo MHC e malattie
- TCR organizzazione genica, riarrangiamento, comparazione con geni Ig
- esperimento di Zinkernagel e restrizione da MHC
- interazioni TCR: MHC-p studi strutturistici
- concetto di antigene, epitopi B e T
- biochimica della processazione e presentazione dell’antigene, TAP ed invariant chain
- ruolo del polimorfismo MHC nella restrizione da MHC
- strategie di escape dalla presentazione dell’antigene da parte dei patogeni
- cross-talk tra cellule della risposta acquisita APC:Th, Th:B, Th:CTL
- cellule NK, missing self, recettori inibitori ed attivatori

5) Citochine, polarizzazione TH1 TH2
- citochine aspetti generali
- proprietà biologiche della principali citochine coinvolte nelle risposte acquisite: IL2, IL4, IL-10, IL12, IFNg e TGFb
- il paradigma TH1/TH2. Dove funziona bene, batteri e protozoi intracellulari (tubercolosi, lebbra e leishmania) TH1; elminti TH2

6) tecniche immunologiche, parte seconda citochine e linfociti
- modalità di studio delle citochine, ELISA, immunofluorescenza intracitoplasmatica, ELISPOT
- isolamento di cellule mononucleate da sangue periferico mediante gradiente di ficoll
- immunofluorescenza diretta o indiretta e citofluorimetria a flusso (FACS)
- stimolazione ex vivo dei linfociti con attivatori policlonali
- stimolazione ex vivo dei linfociti con antigeni specifici
- l’attività effettrice dei T citotossici si esplica attraverso perforine/granzima o fas/fas ligando
- misurazione dell’attività citotossica dei T CD8

7) Organi linfoidi secondari, linfonodi e milza.
8) Timo (tolleranza centrale) e tolleranza periferica
- anatomia del timo, involuzione nell’adulto
- timectomia neonetale, topi nudi, RAG-, sindrome di diGeorge
- tolleranza periferica, importanza del costimolo e dei T regolatori
- IL-2, il TCGF

9) Risposta innata/infiammazione.

Tak Mak Fondamenti Immunologia Zanichelli
Kuby Immunologia UTET
Janeway Immunobiologia Piccin
Abbas Immunologia Cellulare e Molecolare Elsevier
Parham Il Sistema Immunitario EdiSES

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2014/2015

Anno di corso: 3
Curriculum: BIOMEDICO

A.A. 2013/2014

Anno di corso: 3
Curriculum: BIOMEDICO

A.A. 2011/2012

Anno di corso: 3
Curriculum:

A.A. 2010/2011

Anno di corso: 3
Curriculum:
Anno di corso: 3
Curriculum: