TOSSICOLOGIA AMBIENTALE E OCCUPAZIONALE CON ELEMENTI DI DIRITTO AMBIENTALE MOD. 2: Diritto ambientale

A.A. di erogazione 2020/2021

Laurea Magistrale in SCIENZE AMBIENTALI
 (A.A. 2020/2021)

Docenti

L'insegnamento è condiviso, tecnicamente "mutuato" con altri corsi di laurea, consultare il dettaglio nella sezione Mutuazioni
Anno di corso: 
1
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Settore disciplinare: 
DIRITTO AMMINISTRATIVO (IUS/10)
Crediti: 
6
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
48
Dettaglio ore: 
Lezione (48 ore)

OBIETTIVI FORMATIVI

L’obiettivo principale del corso è quello di introdurre gli studenti ai principali temi del diritto dell’ambiente, una disciplina giuridica connotata da un elevato grado di tecnicità e di interazione con altre e diverse scienze.

RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI
Al termine dell’insegnamento, lo studente sarà in grado di:

1. Conoscere le problematiche e tematiche di diritto dell’ambiente proposte;
2. Acquisire un’adeguata padronanza del linguaggio giuridico

È utile una conoscenza giuridica di base. Un’apposita lezione sarà comunque dedicata all’introduzione ai concetti giuridici fondamentali

Il modulo si concentra su alcune delle principali tematiche del diritto dell’ambiente. Dopo aver analizzato i principi e le fonti del diritto dell’ambiente, l’attenzione è rivolta ad ambiti specifici:
le valutazioni ambientali (Valutazione di Impatto Ambientale, Valutazione Ambientale Strategica e Valutazione di Incidenza)
i regolamenti europei REACH (concernente la registrazione, la valutazione, l’autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche) e CLP (relativo alla classificazione, all’etichettatura e all’imballaggio
delle sostanze e delle miscele) le direttive «Seveso»: evoluzione della normativa europea relativa al controllo del pericolo di incidenti
rilevanti connessi con sostanze pericolose la responsabilità ambientale in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale i cambiamenti climatici, considerando sia le politiche
di adattamento che quelle di mitigazione (con un approfondimento sugli accordi internazionali e sui temi delle energie rinnovabili e dei biocarburanti) la tutela della biodiversità (con un’analisi delle
convenzioni internazionali e della normativa europea in materia) le etichette/dichiarazioni ambientali (con un focus sulla tutela dei consumatori dal fenomeno del greenwashing) la disciplina degli ecoreati (con un esame della legge 22 maggio 2015, n. 68 “Disposizioni in materia di delitti contro l’ambiente”)

Didattica frontale (in teleconferenza, alternando la presenza in aula tra le sedi di Como e Varese), con supporto di slide. Per tutti gli argomenti vengono presentati casi studi e immagini di casi reali.

La verifica è articolata in due prove una relativa al Tossicologia Ambientale e Occupazionale e Elementi di diritto ambientale.

Per superare entrambe le prove, lo studente dovrà dimostrare adeguata conoscenza teorica degli argomenti trattati, capacità di realizzare calcoli e capacità di esporre in maniera appropriata le conoscenze acquisite. Nelle risposte si valuterà positivamente la completezza e la sintesi nella presentazione degli argomenti anche utilizzando schemi, grafici e illustrazioni.
Il superamento dell’esame è legato all’esito positivo (valutazione minima di 18 trentesimi) di entrambe le prove previste per ciascuno dei due moduli. La valutazione finale sarà la media delle valutazioni delle due prove, sempre che entrambe risultino sufficienti.

Più nello specifico:

Modulo Elementi di diritto ambientale
L’acquisizione delle conoscenze e delle abilità attese avviene tramite lo svolgimento di una prova orale della durata di circa 30 minuti. L’esame verterà su almeno 3 quesiti inerenti al programma del corso per definire il livello di apprendimento e la capacità di comprensione degli argomenti, la proprietà terminologica, la capacità di applicare le conoscenze acquisite, oltre ovviamente alle abilità comunicative in relazione alle basi teoriche della prevenzione e della valutazione del rischio per la salute e per l’ambiente. Per superare la prova, lo studente dovrà dimostrare adeguata conoscenza teorica degli argomenti trattati e capacità di esporre in maniera appropriata le conoscenze acquisite. Nelle risposte si valuterà positivamente la completezza e la sintesi nella presentazione degli argomenti anche utilizzando schemi, grafici e illustrazioni. Il superamento dell’esame è legato all’esito positivo (valutazione minima di 18 trentesimi) della prova. Più nello specifico, per la valutazione dei risultati di apprendimento sarà svolta una prova scritta finale, composta da 6 domande che coprono tutti gli argomenti trattati nel corso; ogni risposta corretta e completa viene valutata 5 punti.

Testo di riferimento: nessuno
Slide lezioni: scaricabili dal sito e-learning

Saranno fornite e messe a disposizione le slide e la normativa rilevante, in formato pdf, a cura del docente sul sito e-learning.

Il Docente è a disposizione per il ricevimento studenti al termine di ciascuna lezione