TIROCINIO PROFESSIONALIZZANTE 1

A.A. di erogazione 2020/2021
Insegnamento obbligatorio

 (A.A. 2020/2021)

Docenti

Anno di corso: 
1
Sede: 
Varese - Università degli Studi dell'Insubria
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
17
Ore di attivita' frontale: 
510

Il tirocinio professionalizzante rappresenta la prima esperienza clinica per gli studenti del primo anno del CdS in Ostetricia permettendo loro di attivare il processo di apprendimento attraverso un’attenta osservazione sul campo e attraverso l’esperienza, integrando sapere teorico e prassi operativa.
Nello specifico l’attività formativa professionalizzante permette allo studente di:
• sviluppare competenze professionali
• sviluppare identità e appartenenza alla professione
• pre-socializzare con il mondo del lavoro poiché attraverso un ingresso graduale in ambito ospedaliero, lo studente può osservare ed applicare nella realtà i contenuti teorico-pratici appresi durante le lezioni frontali delle discipline caratterizzanti e durante i laboratori professionali.

Gli studenti svolgeranno l’attività professionalizzante sempre sotto la guida e la supervisione di un assistente di tirocinio.

Al termine del tirocinio professionalizzante del primo anno di corso, lo studente sarà in grado di:
1) descrivere la struttura, le finalità e l’organizzazione di ciascuna sede di tirocinio (ambulatorio, primo intervento ostetrico-ginecologico, ostetricia fisiologica, ginecologia, sala parto)
2) identificare i bisogni specifici dell’utenza
3) descrivere le funzioni specifiche dell’ostetrica e delle altre figure professionali, nell’ottica del lavoro di equipe
4) elencare e rispettare le norme fondamentali di igiene
5) assistere la donna nella fase di accoglienza nella struttura ospedaliera e durante la degenza in una unità operativa ostetrico-ginecologica
6) assistere la donna in tutte le fasi di esecuzione di un esame ostetrico e ginecologico tutelando la privacy e informandola in maniera esaustiva al fine di ottenere il suo consenso
7) utilizzare un linguaggio scritto e parlato corretto
8) eseguire correttamente le procedure di assistenza ostetrica di base

Per accedere al tirocinio lo studente deve partecipare ai Laboratori professionalizzanti (LP) e alle Attività Professionalizzanti e di approfondimento (APA) con frequenza obbligatoria, poiché tali attività integrative consentono allo studente di acquisire abilità e competenze specifiche in una situazione protetta e simulata, preparandolo alle situazioni cliniche che sperimenterà sul campo.
Inoltre, lo studente deve acquisire conoscenze teorico-pratiche nelle discipline caratterizzanti previste dal 1° anno di corso (fondamenti di ostetricia, assistenza ostetrica applicata, assistenza ostetrica generale e promozione ed educazione alla salute).

1. ORIENTAMENTO NELL’AMBIENTE DI LAVORO

2. ACCOGLIENZA E CONFRONTO RELAZIONALE CON IL PAZIENTE

3. CONOSCENZE E ABILITÀ TECNICHE/OPERATIVE

Lo studente è tenuto a frequentare le attività di tirocinio nei periodi e negli orari programmati dal Direttore delle Attività Didattiche Professionalizzanti per un monte ore complessivo pari a 510 ore.
Si garantisce allo studente:
• affiancamento 1:1 ad un assistente di tirocinio durante lo svolgimento della sua attività lavorativa
supervisione e attività di orientamento da parte del Direttore delle Attività Didattiche Professionalizzanti.

Al termine di ogni esperienza di tirocinio lo studente riceve una valutazione formativa da parte dell’assistente di tirocinio. Nello specifico, viene espressa una valutazione sul raggiungimento degli obiettivi formativi attraverso schede di valutazione presenti nel libretto di tirocinio.
Viene redatta una valutazione sul profilo dello studente inerente il comportamento e le competenze trasversali (abilità comunicative e relazionali, capacità di collaborazione e organizzazione del lavoro, motivazione e capacità di autovalutazione); inoltre, viene redatta una valutazione sul raggiungimento delle abilità tecnico-operative generali e specifiche differenziata in base alla sede di tirocinio. In entrambi i casi, per ciascun item indicato nella scheda di valutazione, l’assistente di tirocinio deve esprimere un giudizio in decimi (ottimo: 10; distinto: 9; buono: 8; discreto: 7; sufficiente: 6; insufficiente: < 6) e poi si calcola la media matematica per ottenere il punteggio finale.

Durante il tirocinio estivo del 1° anno di corso vengono effettuate delle prove in itinere sul campo, in cui si valuta la corretta esecuzione di alcune procedure di assistenza ostetrica di base. Il docente utilizza delle schede di valutazione in cui indica, per ciascun item, il grado di esecuzione di ciascun passaggio della procedura (esecuzione in modo adeguato: 2 punti; esecuzione in modo inadeguato/parziale: 1 punto; mancata esecuzione: 0 punti). I punteggi ottenuti per ciascun item vengono sommati e viene espresso un giudizio sintetico (eccellente: 30 e lode; ottimo: 28-30; buono: 23-27; sufficiente: 18-22; insufficiente: < 18).

L’esame finale di tirocinio professionalizzante 1 consiste in una valutazione certificativa che accerta i livelli raggiunti dallo studente nello sviluppo delle competenze professionali attese. Tale valutazione, espressa in trentesimi, è la sintesi che aggrega sia le valutazioni formative via via documentate durante l’anno di corso dagli assistenti di tirocinio, delle prove in itinere, sia il livello di performance dimostrata all’esame di tirocinio. L’esame consiste in simulazioni su casi clinici.

Verranno valutate:
- l’esattezza e la precisione nello svolgimento delle procedure di assistenza ostetrica di base
- la capacità di ragionamento clinico
- la capacità di utilizzare una terminologia appropriata

Qualora lo studente non raggiunga gli obiettivi previsti per il tirocinio e quindi la valutazione certificativa accerti un profitto insufficiente, lo studente è considerato “ripetente”. Lo studente dovrà rifrequentare i tirocini fino al raggiungimento degli obiettivi e non potrà frequentare le lezioni del secondo anno di corso. 


Per le basi teoriche lo studente farà riferimento ai testi consigliati dai docenti delle discipline caratterizzanti previste dal 1° anno di corso (fondamenti di ostetricia, assistenza ostetrica applicata, assistenza ostetrica generale e promozione ed educazione alla salute).
E’ richiesta la consultazione e l’approfondimento di linee guida e protocolli in uso presso le Aziende in cui lo studente svolge il tirocinio.

Per appuntamenti o per richieste di informazioni si può contattare il Direttore delle Attività Didattiche Professionalizzanti via e-mail all'indirizzo: alessia.bonaccorso@uninsubria.it 

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2019/2020

Anno di corso: 1
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2018/2019

Anno di corso: 1
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2017/2018

Anno di corso: 1
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2016/2017

Anno di corso: 1
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2015/2016

Anno di corso: 1
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2014/2015

Anno di corso: 1
Curriculum: PERCORSO COMUNE