MOD. 2 ECONOMIA MONETARIA E CREDITIZIA

A.A. di erogazione 2021/2022
Insegnamento obbligatorio

 (A.A. 2020/2021)

Docenti

L'insegnamento è condiviso, tecnicamente "mutuato" con altri corsi di laurea, consultare il dettaglio nella sezione Mutuazioni
Anno di corso: 
2
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Sede: 
Varese - Università degli Studi dell'Insubria
Settore disciplinare: 
ECONOMIA POLITICA (SECS-P/01)
Attivita' formativa capogruppo: 
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
6
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
50
Dettaglio ore: 
Lezione (40 ore), Esercitazione (10 ore)

Il corso è dedicato allo studio del rapporto tra moneta e credito e del ruolo macroeconomico della moneta e della finanza. Alla fine del corso, gli studenti saranno dotati di forti strumenti critici per esaminare le politiche e i sistemi monetari.

E' necessario aver sostenuto l'esame di macroeconomia relativi ad una laurea triennale, oppure colmare le lacune attraverso uno studio parallelo.

1. Teoria della moneta e del credito (12 ore)
2. Sistemi monetari e crisi (15 ore)
3. L'Italia nell'eurozona (9 ore)
4. Riflessioni ampie e prospettive (3 ore)

Il corso prevede 40 ore di lezioni frontali e 10 di esercitazioni tenute interamente dal docente titolare. Le lezioni saranno di tipo seminariale: ad ogni lezione verranno assegnati e discussi uno o più testi.

L'esame si svolge in forma scritta, durerà 60 minuti Gli studenti dovranno leggere un testo nuovo, schematizzarne il contenuto e metterlo in connessione con i testi esaminati a lezione. Saranno valutate le capacità di schematizzazione logica e la coerenza dell'interpretazione alla luce dei testi affrontati durante il corso.

J.A. Schumpeter (1912), La natura e la funzione del credito, in “Teoria dello sviluppo economico”, pp. 93-110

A. Graziani (1994), La teoria monetaria della produzione, Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio,
- Lo schema della circolazione monetaria (Cap. 4), 74-85
- La creazione di moneta bancaria (Cap. 5), 87-99

A. Terzi (2012), Economia monetaria, EDUCatt
- La banca centrale, le riserve e i tassi d’interesse (cap. 5), 59-62
- Il Tesoro e le attività finanziarie del settore privato (cap. 6), 63-67
- Saldi finanziari di settore: una chiave interpretativa (cap.7), 68-76.

J.M. Keynes (1925), Le conseguenze economiche di Winston Churchill, in “Esortazioni e profezie”, Il Saggiatore, pp.189-207

R. Triffin (1960), La crisi del dollaro e dell’oro: il futuro della convertibilità, in “Dollaro, Euro e moneta mondiale”, Il Mulino, pp.143-160.

W. Hutton (2002), La globalizzazione conservatrice, in “Europa vs. USA”, Fazi, pp. 183-203

H.P. Minsky (1975), Istituzioni finanziarie, instabilità finanziaria e andamento degli investimenti, in “Keynes e l’instabilità del capitalismo” (Cap.6), pp.155-171.

G.Bertocco (2015), La natura endogena della crisi dei mutui subprime, in “La crisi e le responsabilità degli economisti”, Brioschi (Cap. 8), 161-90

T.Fazi e W.Mitchell (2018), Dal sistema monetario europeo (SME) alla crisi del 1992, passando per il “divorzio”, in Sovranità o barbarie (cap. 4), 103-134.

A. Graziani (1998), “Lo sviluppo dell’economia italiana”, Bollati Boringhieri
- Le conseguenze dell’unificazione monetaria (par. 8.5), 176-78
- Il problema del debito pubblico (par. 9.1), 184-196;
- La ristrutturazione dell’apparato produttivo (par. 9.4) 208-221.

S. Storm (2019), Come rovinare un paese in trent’anni, https://www.sinistrainrete.info/politica-italiana/15601-servaas-storm-it...

A.A.V.V. Manifesto/appello. Per una moneta fiscale gratuita. Come uscire dall’austerità senza spaccare l’euro, in “Per una moneta fiscale gratuita”, Micromega, pp. 19-27

S. Sylos Labini, Il mago Schacht: le cambiali MEFO e la ripresa economica della Germania negli anni trenta, in “Per una moneta fiscale gratuita”, Micromega, 121-130.

J.M. Keynes (1933), Autosufficienza nazionale , pp.87-100
J.M. Keynes (1930), Le prospettive economiche per i nostri nipoti, pp.57-68
in “La fine del laissez-faire e altri scritti”, Bollati Boringhieri

Ricevimento studenti settimanale programmato nei giorni di lezione. Al di fuori dei giorni di lezione, consultare la pagina docente.