DIRITTO DELLA CRISI DI IMPRESA

A.A. di erogazione 2020/2021
Insegnamento obbligatorio

 (A.A. 2020/2021)

Docenti

BATTAGLIA GIUSEPPE
L'insegnamento è condiviso, tecnicamente "mutuato" con altri corsi di laurea, consultare il dettaglio nella sezione Mutuazioni
Anno di corso: 
1
Tipologia di insegnamento: 
Affine/Integrativa
Settore disciplinare: 
DIRITTO PROCESSUALE CIVILE (IUS/15)
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
6
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
40
Dettaglio ore: 
Lezione (40 ore)

Obiettivi Formativi
L’insegnamento si propone di fornire allo studente gli strumenti per apprendere i principi fondamentali e informatori del fallimento e delle altre procedure concorsuali alternative.
Gli obiettivi formativi dell’insegnamento sono propri del Corso di Studi, finalizzato alla preparazione di figure professionali che abbiano adeguata conoscenza delle dinamiche delle imprese, sotto i profili economici, finanziari e giuridici, e che siano in grado di analizzare le problematiche e individuare possibili soluzioni.

Risultati di Apprendimento Attesi
All’esito dell’insegnamento ci si attende dallo studente la capacità di:
- riconoscere gli elementi propri dei fenomeni della crisi di impresa e dell’insolvenza;
- comprendere e interpretare le norme della legge fallimentare, del codice della crisi di impresa e dell’insolvenza, nonché quelle relative all’amministrazione straordinaria delle grandi imprese in stato di insolvenza;
- applicare le disposizioni a casi concreti;
- analizzare ed esporre le conoscenze acquisite con proprietà di linguaggio, inquadramento sistematico e coerenza logica.

Per un utile apprendimento della materia è opportuna la conoscenza delle nozioni del diritto privato, con particolare riferimento alle obbligazioni, all'impresa, alle società e alla tutela dei diritti.
Si precisa che non sono previste propedeuticità rispetto ad altri insegnamenti del Corso di Studi.

L’insegnamento ha per oggetto lo studio dei principi generali delle procedure concorsuali ed è suddiviso in due distinti moduli: il primo si occupa della disciplina regolatrice del fallimento; il secondo è dedicato alle procedure concorsuali alternative al fallimento, e in particolare al concordato preventivo, alla liquidazione coatta amministrativa, all’amministrazione straordinaria e alla composizione della crisi da sovraindebitamento.
Si segnala che al primo modulo verranno dedicate le lezioni comprese nel periodo 24 settembre – 22 ottobre, per un totale di 20 ore, e che al secondo modulo verranno dedicate le restanti lezioni a partire dal 5 novembre, per complessive 20 ore.

Programma del primo modulo:
• una panoramica generale sui così detti strumenti di allerta e di composizione delle crisi di impresa (1 ora di lezione);
• i presupposti per la dichiarazione di fallimento, l’istruttoria prefallimentare e i suoi possibili esiti (3 ore di lezione);
• gli organi preposti al fallimento (2 ore di lezione);
• gli effetti della dichiarazione di fallimento per il debitore, per i creditori, sugli atti pregiudizievoli ai creditori e sui rapporti giuridici pendenti (6 ore di lezione);
• la formazione e la verificazione dello stato passivo (3 ore di lezione);
• l’esercizio provvisorio dell’impresa, l’affitto d’azienda, la liquidazione dell’attivo e la ripartizione del ricavato (3 ore di lezione);
• la chiusura del fallimento, il concordato fallimentare, l’esdebitazione e il fallimento delle società (2 ore di lezione).

Programma del secondo modulo:
• i così detti strumenti negoziali stragiudiziali e il concordato preventivo (8 ore di lezione);
• la liquidazione coatta amministrativa (3 ore di lezione);
• l’amministrazione straordinaria delle grandi imprese in stato di insolvenza così detta “comune” (d.lgs. 270/1999) e quella così detta “speciale” (d.l. 347/2003) (6 ore di lezione);
• le procedure di composizione delle crisi da sovraindebitamento (l. 3/2012) (3 ore di lezione).

Il corso si articolerà in 40 ore di lezioni frontali classiche, con l’utilizzo di ppt. In aula sarà sollecitata l’interazione con gli studenti, che potranno essere chiamati ad intervenire nel corso della spiegazione.
Durante il corso saranno organizzati interventi di professionisti ed esperti della materia, con lo scopo di illustrare alcuni aspetti pratici delle procedure e dell’esecuzione degli atti e degli adempimenti ad esse connessi.

Prova orale al termine del corso.
Il voto è espresso in trentesimi. L'esame si considererà superato con una votazione minima di 18/30, tenendo conto della esattezza e completezza del contenuto delle risposte, della capacità critica di collegamento ed elaborazione delle conoscenze acquisite e della proprietà di linguaggio.
La commissione si riserva la facoltà di attribuire la lode a fronte di risposte esaustive, caratterizzate da una elaborazione personale e dalla capacità di relazionare gli argomenti a casi concreti.
Il programma dell’insegnamento e le modalità dell’esame sono i medesimi per gli studenti frequentanti e non frequentanti.
Non sono previste prove intermedie durante il corso.

• Alessandro Nigro - Daniele Vattermoli, Diritto della crisi delle imprese, 4a ed., il Mulino, Bologna, 2017. Per gli studenti che sosterranno l’esame solo in relazione al secondo modulo lo studio potrà essere limitato ai capitoli dal XVII al XXIV.
È indispensabile la consultazione dei testi aggiornati della legge fallimentare, delle norme sull’amministrazione straordinaria (d.lgs. 270/1999 e d.l. 347/2003) e della legge n. 3 del 2012, nonché del nuovo codice della crisi di impresa e dell'insolvenza (d.lgs. 14/2019).
Il docente utilizza la piattaforma e-learning per la condivisione del materiale didattico discusso nel corso delle lezioni.

Il docente riceve al termine di ogni lezione o su specifico appuntamento, previa richiesta via e-mail all’indirizzo giuseppe.battaglia@uninsubria.it.

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2020/2021

Anno di corso: 2
Curriculum: PERCORSO COMUNE