Università degli studi dell'Insubria

ATLETICA LEGGERA: TEORIA, TECNICA E DIDATTICA

A.A. di erogazione 2019/2020
Insegnamento obbligatorio

Laurea triennale in Scienze Motorie
 (A.A. 2019/2020)
Anno di corso: 
1
Tipologia di insegnamento: 
Base
Settore disciplinare: 
METODI E DIDATTICHE DELLE ATTIVITA' SPORTIVE (M-EDF/02)
Crediti: 
4
Ore di attivita' frontale: 
40
Dettaglio ore: 
Lezione (40 ore)

Obiettivi formativi OBIETT_FORM Sì Sviluppo delle qualità motorie e coordinative attraverso l’atletica leggera. A partire dalle capacità coordinative e dagli schemi motori in possesso degli allievi e delle allieve, si procederà all’apprendimento dei principi tecnici di base delle specialità dell’atletica leggera. Si svilupperanno le competenze didattiche fondamentali per potere operare sul campo, proponendo con opportune progressioni di esercitazioni le diverse specialità dell’atletica, con particolare attenzione alla corsa veloce, alla corsa con ostacoli, al salto in lungo ed in alto, al getto del peso e al lancio del giavellotto.

Nelle lezioni teoriche, gli alunni e le alunne acquisiranno la conoscenza degli aspetti generali dell’atletica leggera e dei suoi regolamenti e saranno guidati ad analizzare la tecnica e la biomeccanica fondamentale dei gesti proposti.

Gli alunni e le alunne dovranno possedere gli schemi motori del correre, saltare e lanciare a livello basilare e le capacità coordinative connesse. Dal punto di vista culturale, dovranno conoscere le basi pedagogiche, storiche e di cultura generali che permettono l’apprendimento degli elementi insegnati relativi alla disciplina.

Parte teorica: Suddivisione delle specialità. Programma gare per le categorie, regolamenti. Modello tecnico e generalità sulla didattica e metodologia di insegnamento ed allenamento delle varie discipline. Differenze tra allenamento giovani e atleti evoluti. Mezzofondo: test da campo, principali metodiche di allenamento per le varie specialità. Parte pratica Pre atletismo: esercizi di mobilità generale e specifica, esercitazioni di potenziamento, andature tecniche anche con piccoli attrezzi. Velocità: andature tecnica di corsa, didattica e tecnica dell’accelerazione e della partenza dai blocchi, cambi di staffetta. Ostacoli: progressione didattica, andature ed esercizi tecnici. Salti: lungo e alto: tecnica e didattica; cenni sul triplo e sulla tecnica e didattica dei balzi nelle varie forme. Lanci: getto del peso e lancio del giavellotto, conoscenza disco

Le attività didattiche sono organizzate nei seguenti modi: - Lezioni teoriche in aula con visione di slides e filmati e relativo commento utile ad evidenziare i punti fondamentali della tecnica e della didattica relativa alle varie specialità. Alcune approfondimenti sono anche dedicati alla metodologia dell’allenamento per quanto concerne gli aspetti più semplici e significativi. - Lezioni pratiche sul campo con illustrazione delle progressioni didattiche relative alle specialità principali: velocità-ostacoli, staffette, salto in lungo ed in alto, getto del peso e lancio del giavellotto. Agli alunni e alle alunne

L’esame pratico verte su prove inerenti al programma degli insegnamenti del C.I. per definire le capacità di esecuzione dei gesti fondamentali dell’atletica leggera, in particolare:
• Corsa velocità metri 60
• Corsa ad ostacoli metri 60
• Salto in lungo
• Salto in alto
• Getto del peso
• Lancio del giavellotto.
In ogni specialità il massimo della valutazione è 5 punti attribuiti in base alle prestazioni e secondo tabelle che si differenziano tra ragazzi e ragazze. Ogni alunno può eventualmente scartare una specialità, per cui il docente considera le 5 migliori prove. Il punteggio massimo ottenibile è 25 che viene proporzionalmente rapportato in quindicesimi.
15 punti è quindi il massimo ottenibile nella parte pratica.

L’esame scritto, consiste in 15 quesiti

(di cui 3 domande aperte e 12 domande a

risposta multipla) da risolvere in 1h .
I quesiti sono inerenti al programma degli insegnamenti del C.I. per definire la conoscenza e le capacità di comprensione.
15 punti è il massimo ottenibile nella parte scritta.

L’eventuale lode viene attribuita agli alunni ed alunne che si sono distinte nelle valutazioni e nella partecipazione all’attività didattica

CORRERE, SALTARE, LANCIARE Guida IAAF per insegnare l’Atletica leggera
MANUALE DELL’ ISTRUTTORE DI ATLETICA LEGGERA