ANTROPOLOGIA

A.A. di erogazione 2019/2020
Insegnamento obbligatorio

 (A.A. 2019/2020)

Docenti

Anno di corso: 
1
Tipologia di insegnamento: 
Base
Sede: 
Como - Università degli Studi dell'Insubria
Settore disciplinare: 
DISCIPLINE DEMOETNOANTROPOLOGICHE (M-DEA/01)
Crediti: 
1
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore minime di frequenza: 
11
Ore di attivita' frontale: 
15
Dettaglio ore: 
Lezione (15 ore)

L’obiettivo del corso è di provare a leggere le culture “altre”, cercando il senso dell’esistenza, della vita e della malattia nei diversi contesti in cui si manifestano. Lo scopo è quello di “decentrare” lo sguardo, per ri-scoprirsi nello sguardo dell’altro.

Le lezioni frontali affronteranno i seguenti argomenti:
1. Definizione e origine dell’antropologia; il concetto di cultura
2. Il corpo come veicolo: il linguaggio, la comunicazione, il luogo e il nonluogo (M. Augè, Nonluoghi, Elèuthera, Manocalzati 2018)
3. I riti funebri, il mortale e l’immortalità (P. Ariès, Storia della morte in Occidente, BUR Saggi, Trebaseleghe 2017)
4. Riti, magia (E. Baldini, G. Bellosi, Tenebroso Natale. Il lato oscuro della grande festa, Laterza, Bari 2015)
5. Religioni
6. Obbedienza all’autorità e la natura del potere. Analisi critica dell’esperimento di Milgram e dell’esperimento di Zimbardo (A. Jacquard, Petit philosophie à l’usage des non-philosophes, Brodard & Taupin, Paris 2009)
7. La parentela: famiglia e matrimonio
8. Identità: sesso, genere e modificazioni corporali
I temi trattati intendono indirizzare lo studente a comprendere che, pur nelle diversità dei singoli popoli, esistono degli “universali” che confermano la teoria “unitaria” del genere umano.

Lezioni frontali

Esame orale

U. Fabietti, Elementi di Antropologia Culturale, Mondadori Università, Milano 2015 or C.R. Ember, M. Ember, Antropologia culturale, Il Mulino, Bologna, 2005.
M. Borgo, Alla ricerca dell’immortalità perduta. Il trapianto d’organi tra scambio e dono, Mimesis, Fano 2018