Università degli studi dell'Insubria

CHIMICA E TECNOLOGIA DELL'INDUSTRIA TESSILE

A.A. di erogazione 2019/2020

Laurea triennale in CHIMICA E CHIMICA INDUSTRIALE
 (A.A. 2017/2018)

Docenti

Anno di corso: 
3
Tipologia di insegnamento: 
A scelta dello studente
Settore disciplinare: 
CHIMICA INDUSTRIALE (CHIM/04)
Crediti: 
6
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
48
Dettaglio ore: 
Lezione (48 ore)

Il tessile è a tutt’oggi un settore trainante dell’economia italiana, e il made in Italy rimane sinonimo di eccellenza in tutto il mondo. Questo settore si avvale di competenze specialistiche, da preservare innovandole e da trasmettere alle nuove generazioni. Obiettivo di questo corso è l’approfondimento di tematiche nella logica della Filiera Tessile con particolare riferimento ai processi di Nobilitazione.
Verranno descritte attraverso una trattazione chimica seppur applicata alla pratica industriale le principali fasi che caratterizzano la filiera di nobilitazione tessile, a partire dallo studio dei materiali impiegati, passando poi alle differenti operazioni (tintura, stampa, finissaggio) a cui possono essere sottoposti per il raggiungimento dell’articolo finito. Verranno forniti gli strumenti per la valutazione del risultato ottenuto, sotto diversi punti di vista. L’approccio chimico alla lavorazione industriale permetterà di capire meglio cosa c’è dietro ai capi che giornalmente indossiamo, e il perché di certe caratteristiche degli stessi.
Lo studente dovrà prendere consapevolezza del ruolo irrinunciabile della chimica nella produzione di articoli tessili, ma dovrà saper valutare comparativamente benefici e costi di tali prodotti in termini di consumo di materie prime e di rispetto sia per la salute dell’uomo sia per la salubrità dell’ambiente. Dovrà quindi possedere le conoscenze basilari per valutare l’impatto ambientale delle lavorazioni tessili.

Conoscenze di base di chimica generale, chimica organica e chimica dei polimeri.

PRIMO CAPITOLI: I MATERIALI

1. Le fibre tessili: proprietà meccaniche e chimico-fisiche, origine e natura chimica delle fibre; fibre naturali (lana, seta, cotone, lino); fibre artificiali (viscosa, rayon cupro, acetato); fibre sintetiche (poliestere, acriliche, poliammidiche, elastomeri, microfibre)
2. I tensioattivi: cenni sulla tensione superficiale; natura chimica e classificazione dei principali tensioattivi; potere detergente, imbibente, emulsionante, disperdente, antischiuma
3. Le sostanze coloranti: classificazione chimica; cenni sulla sintesi; principali classi tintoriali (acidi, premetallizzati, diretti, reattivi, al tino, dispersi, cationici..)

SECONDO CAPITOLO: I PROCESSI E TECNOLOGIE DI RIFERIMENTO

4. Le operazioni pretintoriali: trattamento di fibre cellulosiche (bruciapelo, sbozzima, purga, mercerizzazione, candeggio); trattamento su lana (lavaggio, carbonizzo, follatura, sbianca, cloraggio); trattamento su seta (purga, carica); trattamento di fibre sintetiche (testurizzazione, termofissaggio)
5. Macchinari per tintura: macchinari per fiocco, filato, tessuto in corda e in largo; lavorazioni discontinue, semicontinue e continue; macchinari per il finissaggio
6. La tintura: le fasi del processo di tintura (aspetti cinetici e termodinamici) e le variabili di tintura; la tintura delle principali fibre tessili con le principali classi di coloranti: esempi di diagrammi di tintura, reazioni tra fibre e molecole coloranti, esaurimento e solidità dei coloranti
7. La stampa tessile: classificazione dei tipi di stampa e variabili nella stampa; le paste da stampa, cenni sulla reologia; tecnologie di stampa tradizionale (quadro e cilindro) e stampa Inkjet
8. Le operazioni di finissaggio: finissaggi con mezzi meccanici e mezzi chimici, finissaggi a secco ed a umido; principali operazioni di finissaggio da eseguire a seconda del tipo di fibra e dell’applicazione finale del tessuto (allargatura, calandratura, smerigliatura, garzatura, cimatura, sanforizzazione, decatissaggio, lucidatura, ammorbidente, impermeabilizzante, antimacchia, antiscivolo, ingualcibilità, antifiamma, antisporco, antibatterico)
9. Cenni sulla teoria del colore: percezione del colore; illuminanti; interazioni tra radiazione e materia; i recettori; i principali spazi cromatici; cenni su spettrofotometro ed esempi di ricettazione automatica
10. Le solidità: concetto di solidità all’uso (acqua, lavaggio, sudore, sfregamento, luce) e alla fabbricazione; metodologie per la determinazione delle principali solidità e loro espressione. Cenni sulla normativa vigente

TERZO CAPITOLO: L’INNOVAZIONE

11. L’innovazione nel settore tessile: nuovi materiali e nuove tecnologie
12. Sostenibilità ambientale, tracciabilità, norme e certificazioni di riferimento

Il corso si svolgerà in forma di lezioni frontali in aula. Saranno possibili visite presso aziende del settore.

La verifica dell’apprendimento avverrà mediante un esame finale in forma scritta oppure orale. La verifica si articolerà in più livelli: 1) acquisizione delle conoscenze relative agli argomenti trattati nel programma del corso; 2) capacità di intercorrelare conoscenze acquisite in capitoli diversi del programma; 3) capacita di applicare le conoscenze acquisite a semplici esempi di situazione reale.

Verranno fornite dal docente dispense relative agli argomenti trattati durante le lezioni.

Il docente è disponibile per i colloqui previo appuntamento via posta elettronica.

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2019/2020

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2018/2019

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2016/2017

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE