GEOLOGIA DEI TERREMOTI, PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI E RUOLO DELLA PROTEZIONE CIVILE

A.A. di erogazione 2020/2021
Insegnamento obbligatorio

 (A.A. 2019/2020)
Anno di corso: 
2
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Settore disciplinare: 
GEOLOGIA STRUTTURALE (GEO/03)
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
6
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
48
Dettaglio ore: 
Lezione (48 ore)

Il corso intende fornire allo studente le conoscenze relative alle varie fasi del ciclo sismico e alla valutazione del rischio sismico, approfondendo i principi e le tematiche di interesse per la definizione della probabilità di accadimento di un evento sismico e della vulnerabilità dell’ambiente naturale ed antropico.
Congiuntamente, verranno trattati i principi generali e le pratiche adottate in fase emergenziale a seguito di un sisma e nella redazione dei piani di protezione civile.
Al termine dell’insegnamento, lo studente avrà acquisito conoscenze teoriche e sarà in grado di applicarle e comunicarle in modo corretto in un contesto professionale multidisciplinare.
Conoscenza e capacità di comprensione:
-Conoscere le caratteristiche di base del ciclo sismico e l’attività della protezione civile in fase emergenziale
-Comprendere le informazioni contenute in un piano di protezione civile e le informazioni derivanti da diversi settori disciplinari (geologia, ingegneria, pianificazione)
Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
-Comprendere e commentare articoli scientifici e documenti tecnico-ingegneristici, anche in inglese
-Valutare diversi approcci per la risoluzione di un problema, individuando i vantaggi e le potenziali criticità di ciascun approccio
-Integrare le informazioni provenienti da varie fonti e valutarle in modo critico nel caso in cui siano parziali o contrastanti
Abilità comunicative:
-Sintetizzare l’informazione rilevante da un documento tecnico e comunicarla in modo efficace ad altre figure professionali operanti nel settore
-Redigere una relazione tecnica di approfondimento su uno degli argomenti trattati nel corso, sia esso di natura teorica o relativo ad un caso studio.

Lo studente deve avere delle basi teoriche di matematica, geografia, geologia e statistica. Richiesta la conoscenza di base della lingua inglese.

I principali argomenti trattati durante le lezioni comprendono:
-Tettonica delle placche, tipologie di faglie (2 ore).
-Il terremoto: processo fisico e fasi del ciclo sismico; sismogrammi, PGA e PGV (2 ore).
-Tassi di scorrimento e modelli di ricorrenza; comportamento episodico e clusterizzato; interazioni tra faglie, sequenze sismiche (4 ore).
-Macrosismologia: scale di intensità, relazioni di attenuazione e derivazione di parametri di sorgente (2 ore).
-Eventi pre-strumentali (2 ore).
-Effetti di sito, fenomeni di amplificazione, frequenza di risonanza e curve di fragilità (4 ore).
-La fagliazione superficiale: distanze di setback e metodi probabilistici (4 ore).
-Effetti sismo-indotti: frane, liquefazione, tsunami e effetti idrogeologici (4 ore).
-Valutazione della pericolosità sismica: scenari deterministici e approcci probabilistici; il metodo di Cornell (4 ore).
-Protezione civile e piani di protezione civile: normativa nazionale e esempi globali (6 ore).
-La microzonazione sismica: principi e modalità (6 ore).
-La riduzione del rischio e l’ingegneria antisismica (4 ore).
-Casi studio: le sequenze dell’Emilia-Romagna 2012, Centro Italia 2016; sismi in contesti vulcanici (4 ore).

Lezioni frontali, per un totale di 48 ore. Durante lo svolgimento del corso verranno analizzati dei casi studio a partire da articoli di letteratura scientifica o da documenti tecnici; verranno inoltre proposti esercizi / esempi pratici da svolgere in aula.
Lo studente dovrà presentare in sede di esame una relazione di approfondimento.

La verifica dell’apprendimento avverrà tramite esame orale; le domande riguarderanno gli argomenti teorici trattati in aula e potranno includere la descrizione di scenari sismici, desunti da casi studio reali. È inoltre richiesta la redazione di una relazione approfondimento su un argomento a scelta dello studente tra quelli trattati durante il corso. La relazione dovrà essere consegnata almeno una settimana prima dell’esame orale. Su richiesta dello studente, l’esame potrà iniziare dalla discussione di un caso studio tratto da un articolo di letteratura pubblicato in lingua inglese.
Il voto finale, in trentesimi, sarà basato sull’esito dell’esame orale (80%) e della relazione (20%, di cui 2/3 relativi al contenuto e 1/3 a forma e tempi di consegna). I criteri per l’attribuzione del voto includono qualità e completezza delle risposte, padronanza del linguaggio tecnico e capacità di elaborare autonomamente un approccio critico.
Eventuali misure dispensative e/o compensative saranno garantite agli studenti che dovessero richiederle, previa presa conoscenza del progetto formativo individualizzato redatto dall’ufficio competente.

Il materiale utilizzato durante le lezioni verrà fornito agli studenti.
Testi consigliati:
McCalpin, J. Paleoseismology, 2nd Edition, 2009, Academic Press, 848 p.
Yeats, Robert S.; Sieh, Kerry E.; Allen, Clarence R. The geology of earthquakes. New York: Oxford University Press, 1997, 568 p.
Indirizzi e criteri per la microzonazione sismica, disponibile al link: http://www.protezionecivile.gov.it/media-comunicazione/pubblicazioni/det...
Siti web per approfondimenti e integrazioni:
http://www.protezionecivile.gov.it/home
http://www.ingv.it/it/
https://www.centromicrozonazionesismica.it/it/
https://www.usgs.gov/

Il ricevimento degli studenti è garantito previo appuntamento.

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2020/2021

A.A. 2018/2019