LINGUAGGI DEL PENSIERO

A.A. di erogazione 2020/2021
Insegnamento opzionale

 (A.A. 2019/2020)

Docenti

BELLERI DELIA
Anno di corso: 
2
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Settore disciplinare: 
FILOSOFIA E TEORIA DEI LINGUAGGI (M-FIL/05)
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
8
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
64
Dettaglio ore: 
Lezione (64 ore)

Obiettivo formativo generale del corso è l’apertura di una meditazione filosofica intorno alla relazione linguaggio-pensiero - questione che occupa i filosofi fin dall'antichità classica (dai presocratici a Platone e Aristotele) e alla cui trattazione si sono dedicati i principali nomi della filosofia novecentesca (come Frege, Husserl e Wittgenstein). Tale obiettivo verrà perseguito attraverso la proposizione di alcune questioni: il pensiero è atemporale e indipendente dal linguaggio, o è plasmato dai linguaggi naturali? E' possibile riformare il linguaggio al fine di portare chiarezza nel nostro pensiero, risolvendo così annosi rompicapi filosofici? Il linguaggio ha una funzione puramente descrittiva del mondo, o serve anche per esprimere stati d'animo, o compiere azioni? Che differenza c'è tra l'esprimere letteralmente i propri pensieri e il comunicarli indirettamente?
La lettura, il commento, il confronto dei testi presentati nel corso non intende “chiudere la questione” sul problematico rapporto linguaggio-pensiero, ma, al contrario, lasciare che la questione sia d’avvio ad un proseguimento, legato alla formazione di un habitus critico individuale.
I risultati di apprendimento attesi sono:
• conoscenza e comprensione delle tematiche presentate
• acquisizione anche linguistica, di competenze in ambito filosofico
• capacità di interpretare e argomentare le tematiche esaminate attraverso il commento testuale
• formazione di un habitus critico individuale.

Si consiglia caldamente la frequenza del "Precorso di filosofia" previsto nel periodo 14 settembre 2020-25 settembre 2020. Gli orari del precorso saranno visibili sulla pagina ufficiale del Corso di laurea.

La prima parte del corso (32 ore) proporrà una presentazione della tematica “Linguaggi del pensiero” in riferimento al rapporto tra ragionamento e linguaggio. Tale tema ha il suo primo sviluppo nel corso della grecità classica con la nozione di λόγος, logos, (presente nei presocratici e in Platone, stabilizzata poi da Aristotele), e viene ulteriormente sviluppata con l'apporto di grandi innovazioni nel corso del Novecento, da parte di autori come Bolzano, Frege, Husserl e Wittgenstein.
La seconda parte del corso (32 ore) sarà dedicata all’approfondimento del rapporto tra pensiero, linguaggio e azione. Con il secondo Wittgenstein si afferma l'idea che il significato di un termine derivi dal suo uso, che la dimensione del mentale sia di per sé inaccessibile e che gli usi linguistici siano l'unico correlato osservabile del pensiero. L'avvio di questa riflessione rende possibile soffermarsi sugli aspetti espressivi e performativi del linguaggio, sottolineati dalla tradizione oxoniense di Ryle, Austin, Strawson e Grice.

Gli obiettivi formativi del corso verranno perseguiti attraverso la modalità delle lezioni frontali, articolate nella lettura, nell’interpretazione e nel commento collegiale dei testi dei classici esaminati.

- Prova orale (obbligatoria): si terrà a corso ultimato, durante gli appelli appositamente fissati e verterà sull’accertamento dell’acquisizione e della corretta comprensione dei contenuti dei testi indicati nella sezione Testi di riferimento.

Per gli studenti frequentanti la modalità di verifica potrà anche articolarsi come segue:
- al termine della prima parte del corso si terrà una Prova scritta intermedia (facoltativa) che avrà come oggetto autori, opere e temi ivi affrontati. Chi supera la prova scritta intermedia (con una votazione minima di 18/30) è esentato dal portare all'esame orale gli autori oggetto di tale prova, ma deve comunque portare 2 libri a scelta indicati nella sezione Testi di riferimento.
- nell’ultima parte del corso è prevista la possibilità di tenere una presentazione (facoltativa) di un’opera. Chi sceglie la presentazione è esentato dal portare all'esame orale l'opera oggetto della presentazione stessa, e può personalizzare le letture a scelta, avendo delle riduzioni.

Gli studenti non frequentanti che non hanno sostenuto la prova scritta intermedia e che non hanno tenuto la presentazione dovranno portare tutte le letture obbligatorie e 2 libri a scelta indicati nella sezione Testi di riferimento.
Gli studenti che hanno sostenuto solo la prova scritta intermedia, o hanno solo tenuto una presentazione, compenseranno le prove mancate nell'esame orale.

Tutte le prove saranno tese ad accertare la corretta comprensione dei contenuti dei testi, la capacità di esporre con chiarezza e ordine il pensiero degli autori studiati, e l'autonomia di giudizio dello studente. Il voto di ciascuna prova terrà conto dell’esattezza e della qualità delle risposte (70%), dell’abilità comunicativa dimostrata (20%) e della capacità di motivare adeguatamente affermazioni, analisi e giudizi (10%). Il voto finale consisterà nella media dei voti di tutte le prove superate dallo studente.

TESTI OBBLIGATORI
TESTO INTRODUTTIVO DI RIFERIMENTO:
• Diego Marconi: Filosofia del linguaggio: da Frege ai nostri giorni, Torino, UTET, 1999.
ANTOLOGIA
• Elisa Paganini e Andrea Iacona (a cura di): Filosofia del Linguaggio. Milano, Cortina Editore, 2003.(capitoli scelti)
TESTI A SCELTA:
Due libri a scelta tra i seguenti:
• Gottlob Frege, Senso, funzione e concetto: scritti filosofici (1891-1897); a cura di Carlo Penco ed Eva Picardi. Roma, Laterza, 2001.
• Bertrand Russell, I problemi della filosofia, Milano, Feltrinelli, 2013.
• Ludwig Wittgenstein, Tractatus logico-philosophicus e Quaderni 1914-1916. Trad, it. Amedeo G. Conte, Collana Biblioteca, Torino, Einaudi, 1997.
• Ludwig Wittgenstein, Ricerche filosofiche, tr. it. di Renzo Piovesan e Mario Trinchero, a cura di Mario Trinchero, Torino, Einaudi, 2009.
• Gilbert Ryle, Il concetto di mente, pref. di D.C. Dennett, trad. di G. Pellegrino, Roma-Bari, Laterza, 2007.
• Paul Grice, Logica e conversazione. Saggi su intenzione, significato e comunicazione. Tr. it. G. Moro, Bologna, Il Mulino, 1993.
• John L. Austin, Come fare cose con le parole, a cura di M. Sbisà e C. Penco, tr. it. C. Villata, Bologna, Marietti, 2000.

Il docente riceve gli studenti su appuntamento. Si consiglia di contattare il docente via e-mail.

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2020/2021

Anno di corso: 2
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2018/2019

Anno di corso: 2
Curriculum: PERCORSO COMUNE