STORIA E STORIE DELLA VITA

A.A. di erogazione 2019/2020
Insegnamento obbligatorio

 (A.A. 2019/2020)
Anno di corso: 
1
Tipologia di insegnamento: 
Affine/Integrativa
Settore disciplinare: 
FISIOLOGIA VEGETALE (BIO/04)
Crediti: 
8
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
64
Dettaglio ore: 
Lezione (64 ore)

Caratteristica della biologia (o “scienza/e della vita”), in particolare della cosiddetta “bio-logia evolutiva”, è quella di essere (insieme peraltro alla geologia ed alla cosmologia), una “scienza storica”, in quanto la vita è storia, o meglio storie: storia del succedersi degli or-ganismi viventi a partire da circa 4 miliardi di anni fa (“evoluzione biologica” o “filogene-si”), storia dalla nascita all’estinzione, se avvenuta, di ogni specie, storia della riproduzio-ne e dello sviluppo di ogni nuovo individuo (“ontogenesi”o, come è stata per lungo tem-po, dal XVII al XX secolo, chiamata, “evoluzione”), storia della comparsa della vita sulla terra, cioè delle “origini”. In questi ambiti, la figura di Charles Darwin, quale proponente della teoria dell’evoluzione per selezione naturale, ha giocato e gioca tuttora un ruolo fon-damentale, che tuttavia può essere ben compreso solo all’interno del contesto storico, dal-la fine del XVIII secolo ad oggi.

Il corso si propone, sulla base di queste premesse, i seguenti obiettivi:
• analizzare criticamente la storia delle idee sulla “storia/e della vita” che sono state via via proposte dalla fine del ‘700 ad oggi, in una continua dinamica bidirezionale fra presente e passato, con un “metodo prudentemente regressivo” (Marc Bloch).
• Discutere se e come questo approccio tipico della Storia possa essere esteso dagli avvenimenti e dalle idee alla vita stessa, sulla quale (nei tre significati sopra indica-ti: filogenesi, ontogenesi, origini) peraltro molte storie (narrative) sono state scrit-te attraverso i secoli, da ultime quelle basate sulle idee darwiniane.
• Mettere in relazione quanto esposto nei punti precedenti con i dibattiti sociali cul-turali contemporanei

Si cercherà così di tracciare un parallelo tra il “mestiere di storico” (Marc Bloch) e il me-stiere del biologo, in questo modo favorendo un dialogo fra le discipline scientifiche e quelle umanistiche che è uno dei caratteri distintivi del Corso di laurea triennale in Storia e Storie del Mondo Contemporaneo.

Tra i risultati di apprendimento attesi si segnalano:
• conoscenza del significato e dello sviluppo storico delle idee sulla evoluzione degli esseri viventi e dei principali concetti biologici ad essa connessi;
• abilità di trasferire ed integrare i concetti, gli strumenti, le metodologie fra la bio-logia, la storia e lo storytelling:
• abilità di interpretare criticamente i dibattiti del presente in cui la biologia, in par-ticolare quella evolutiva, gioca o potrebbe giocare un ruolo significativo.

Non sono previste particolari propedeuticità.

Il corso si articola in tre parti, delle quali le prime due sono fra loro interconnesse anche temporalmente: nella prima verrà trattata la storia delle idee sull’evoluzione in relazione a quella delle idee sullo sviluppo e sull’ereditarietà; nella seconda parte, verranno via via af-frontati ove possibile con taglio storiografico, argomenti di storia della vita legati a dibat-titi contemporanei. La terza parte, in forma di seminario, consisterà in un’introduzione alla Paleoantropologia, per estendere il quadro evolutivo alla specie umana anche per creare una connessione con i corsi di Antropologia ed Ecologia umana del II e III anno. Entrambe le parti saranno attraversate dal tema principale della storicità della biologia (cioè del parallelo fra studio dell’evoluzione biologica e studio della storia) in un continuo dialogo con le idee esposte dallo storico Marc Bloch nel suo “Apologia della Storia”, uno dei testi di cui è richiesto lo studio.

A) Prima parte (32 h)
- Il metodo comparativo in biologia e in storia
- La catena dell’essere e l’unità della natura nel ‘700
- Il problema della generazione degli organismi e il preformismo
- Le concezioni epigenetiche e la nascita di nuove forme per ibridazione
- La storia naturale ed il colonialismo
- Linneo, Buffon e Blumenbach: le specie, l’uomo, la degenerazione e le razze.
- Lamarck e la trasformazione delle specie.
- Darwin e la teoria dell’evoluzione per selezione naturale.
- Il problema della variazione secondo Darwin.
- Le difficoltà della teoria dell’evoluzione e le risposte di Darwin ai suoi critici.
- Darwin: opere “maggiori” e “minori”? La storia di uno scienziato
- Darwinismo e neodarwinismo. Weismann: il sesso e l’”immortalità”
- Mendel, la nascita della genetica e il mutazionismo. Morgan: “il signore delle mosche”
- La “nuova sintesi evolutiva” degli anni ’30 del XX secolo
- La biologia eco-evoluzionistica dello sviluppo (“Eco-evo-devo”)
- Verso una sintesi darwiniana “estesa” nel XXI secolo?

B) Seconda parte (22 h)
- La razza: un paradigma superato?
- Vegetale/animale/umano (che continuerà nella terza parte del corso)
- “Che cos’è la vita?”: una critica all’idea delle “origini” in biologia e in storia.
- Una rilettura storica di Lamarck alla luce dell’epigenetica attuale
- Kammerer, Lysenko e le idee neo-lamarckiane in Europa e nell’Unione Sovietica di Sta-lin: si riapre la questione?
- Darwin nella letteratura e nel cinema
- Le idee “sociali” darwiniane e l’eterno ritorno dell’eugenetica.
- Gli equilibri punteggiati: da eresia a caso di studio?
- Caso e contingenza nell’evoluzione e nella storia
- Se Darwin non avesse formulato la sua teoria, se Mendel non fosse stato “riscoperto”: i controfattuali come metodo di indagine storica e scientifica?
-Lo storytelling, la storia e la storia della vita: critica della storia “canonica”

c) Terza parte (8 h)
- L’evoluzione degli ominini e la loro connessione filogenetica con gli altri primati
- L’’evoluzione a mosaico dei tratti umani fisici, comportamentali e cognitivi
- L’emergere dell’intelligenza simbolica e del linguaggio.

Gli obiettivi formativi del corso verranno raggiunti attraverso la modalità delle lezioni frontali (per un totale di 56 ore) e di attività seminariale (8 ore). Le lezioni e ovviamente i seminari analizzeranno i contenuti del corso, focalizzandosi sui punti principali, ideal-mente in modo interattivo con gli studenti, attraverso discussioni e dibattiti in aula. Sono inoltre previste due uscite, al di fuori dell’orario delle lezioni, presso il Museo Civico di Storia Naturale di Milano e presso il Museo dei fossili del Monte san Giorgio a Meride (CH) (incluso, per chi se la sente, il percorso lungo il sentiero geo-paleontologico) nonché incontri di ripasso prima di ogni sessione di esame.

Esiste il solo esame finale orale. Verranno poste allo studente alcune domande specifiche atte all'accertamento dell'acquisizione delle conoscenze ed abilità attese sopra descritte (“Obiettivi formativi e risultati di apprendimento attesi”).
Il voto finale sarà determinato dal grado di acquisizione di tali conoscenze ed abilità, con i seguenti criteri che tengono debitamente conto anche della prospettiva interdisciplinare caratterizzante il Corso di Laurea: conoscenza della materia trattata (40%); capacità, du-rante l’esposizione, di sintesi ed analisi (20%); capacità di formulare in autonomia un giudizio critico adeguatamente motivato (20%); padronanza espressiva e di linguaggio (20%).

Il superamento dell’esame prevede lo studio dei testi sotto indicati, nonché del materiale (presentazioni powerpoint, articoli, estratti di testi di vari autori, tradotti ove opportuno in italiano) distribuito e discusso durante il corso e messo a disposizione degli studenti sulla apposita piattaforma e-learning:

G.Barsanti – Una lunga pazienza cieca. Storia dell’evoluzionismo – Einaudi, 2005 (anche e-book)
O.Harman – Evoluzioni. Quindici miti che spiegano il nostro mondo. - Codice, 2019 (an-che e-book)
M.Bloch – Apologia della storia: o Mestiere di storico – Einaudi, 2009 (anche e-book) (in particolare la Prefazione di Jacques Le Goff e La redazione definitiva)
H.Gee – La specie imprevista. Fraintendimenti sull’evoluzione umana. Il Mulino, 2016

Per ogni lezione, verrà pubblicata sulla piattaforma e-learning una dettagliata bibliografia specifica facente riferimento ai testi indicati e al materiale supplementare fornito.

Il docente riceve gli studenti previo appuntamento, da concordarsi via e-mail, presso la sede della Struttura Dipartimentale di afferenza del docente (DiSTA, piano rosso (3°), via J.H.Dunant 3, Varese)

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2020/2021

Anno di corso: 1
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2018/2019

Anno di corso: 1
Curriculum: PERCORSO COMUNE