Università degli studi dell'Insubria

INFERMIERISTICA CLINICA

A.A. di erogazione 2019/2020
Insegnamento obbligatorio

 (A.A. 2018/2019)

Docenti

BOMPAN ANNA
Anno di corso: 
2
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Settore disciplinare: 
SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE (MED/45)
Crediti: 
4
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore minime di frequenza: 
45
Ore di attivita' frontale: 
60
Dettaglio ore: 
Lezione (60 ore)

L’obiettivo del Corso Integrato di Infermieristica clinica ed Educazione alla salute sarà quello di fornire ai laureandi tutte le conoscenze necessarie per:
- Prendere decisioni e risolvere problemi in ambito assistenziale infermieristico utilizzando il metodo disciplinare infermieristico.
- Sviluppare un piano di assistenza infermieristica orientato dal MAPU (2015) e utilizzando la terminologia ICNP®.
- Imparare a riconoscere le diagnosi infermieristiche che si presentano nelle situazioni assistenziali riferite ai più frequenti problemi prioritari di salute della popolazione.
- Individuare le diagnosi infermieristiche, definire gli outcome e pianificare gli interventi tenendo conto di: standard, prove di efficacia, linee guida per la miglior pratica clinica e deontologia professionale.
- Trasmettere le informazioni, documentare e valutare le varie fasi e i risultati dell’intero processo assistenziale collaborando e coinvolgendo le altre figure sanitarie e la persona assistita.
- Instaurare e mantenere la relazione di assistenza transpersonale nel rispetto dei principi e dei valori della persona e del professionista.
- Riconoscere le situazioni assistenziali che richiedono la formulazione di giudizi in accordo con i principi, i valori e le norme professionali.
METODOLOGIA INFERMIERISTICA 2
- Identificare opportunità di informazione ed educazione alle persone, alle famiglie e alla comunità per promuovere l’adozione di stili di sani
- Impiegare metodi e strumenti di educazione alla salute appropriati ai bisogni e alle caratteristiche delle persone e dei gruppi e valutarne i risultati.
INFERMIERISTICA GENERALE 2
- Conoscere la normativa vigente in ambito di responsabilità professionale e agire il proprio ruolo.
- Conoscere ruoli e profili delle figure sanitarie, sociali e sociosanitarie per favorire l’attività multidisciplinare e multi professionale in ambito ospedaliero e territoriale.
- Conoscere la normativa vigente in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita e il contributo dell’infermiere nella lettura e nell’elaborazione delle buone pratiche.
- Conoscere i modelli organizzativi e identificare quelli volti alla continuità assistenziale ospedale territorio in tema di cronicità.
- Conoscere metodi e strumenti per analizzare il rischio, al fine di identificare il contributo dell’infermiere nella prevenzione del rischio stesso.

Lo studente deve avere superato tutti gli esami e le idoneità previste per l’anno precedente. Per sostenere l'esame finale di Infermieristica clinica ed Educazione alla salute non ci sono propedeuticità.

INFERMIERISTICA CLINICA
Il ragionamento clinico nel processo di assistenza infermieristica. Le fasi del processo di assistenza infermieristica orientate dal MAPU (2015) e il linguaggio internazionale ICNP®. Il rischio assistenziale e l’alterata funzionalità. Approfondimento di alcune fra le diagnosi infermieristiche più frequenti nella popolazione: rischio d’infezione, febbre, disidratazione, edema, alterazione dello scambio gassoso, alterazione dello stato nutrizionale, emozioni negative. Le caratteristiche dell’informazione per pianificare l’assistenza infermieristica, per tutelare la privacy, per garantire la sicurezza e la continuità assistenziale (approfondimento di leggi e normative; SBAR, uso della tecnologia, servizi a disposizione). L’importanza dell’EBP per la pratica infermieristica. Le linee guida, i PDTA, le procedure e i protocolli: caratteristiche e loro impiego. Richiami al significato di responsabilità professionale nella pianificazione ed erogazione dell’assistenza. Aspetti deontologici nella pianificazione assistenziale: i concetti di accountability, advocacy, caring e cooperazione.

METODOLOGIA INFERMIERISTICA 2
1. Promuovere la salute e prevenire la malattia. Teorie del cambiamento dei comportamenti individuali e lo sviluppo delle health skills

2. Le principali azioni e interventi presenti nell’ ICNP® che riguardano l’adozione di stili di vita sani

3. Diverse modalità di e educazione alla salute e alla sicurezza (e-health, school nurse)

4. Le principali azioni e interventi presenti nell’ ICNP® che possono essere adottati nelle situazioni di rischio e/o alterazione dei processi biofisiologici, di difesa e protezione, sviluppo e adattamento, apprendimento (self-care e self-efficacy).
INFERMIERISTICA GENERALE 2
- La normativa vigente in tema di responsabilità professionale e implicazioni sull’assistenza infermieristica.
- La normativa che regola e identifica il ruolo degli esercenti della professione sanitaria, sociale e profili e competenze del personale coinvolto nell’agire multiprofessionale e multidisciplinare.
- Descrizione e analisi dei modelli organizzativi per la continuità assistenziale domiciliare e ospedale – territorio (Chronic Care Model).
- Il case management e l’introduzione dell’infermiere di famiglia e di comunità.
- La professione infermieristica e la gestione del rischio: classificazione degli errori, metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente.
- Le Buone Pratiche a garanzia della sicurezza delle cure e le attività promosse a livello nazionale e regionale per l’applicazione di raccomandazioni e buone pratiche intese come interventi o azioni per evitare, prevenire o mitigare i rischi per la salute delle persone durante l’assistenza sanitaria. La consultazione dell’Osservatorio Agenas.
- Gli standard di qualità, di sicurezza e i relativi indicatori per lo sviluppo della qualità dell’assistenza.
- Le linee guida SQUIRE per promuovere e migliorare la salute eccellente attraverso le segnalazioni e descrizione dell’European Union Network for Patient Safety and Quality of Care (PaSQ).

Lezioni frontali e simulazioni, attività di lavoro di gruppo su articoli scientifici con relazione ed esposizione di quanto prodotto. Durante il corso il docente fornisce slides, linee guida e best practice.

L'esame finale consiste in una prova scritta il cui superamento consentirà l'accesso al concomitante esame orale. Il voto finale sarà costituito dalla media delle due prove.

INFERMIERISTICA CLINICA
Artioli C., Copelli B. (2005) Assessment infermieristico. Milano: Poletto editore.
Ausili D., Baccin G., Bezze S., Di Mauro S., Sironi C., (2015) L’impiego dell’ICNP® con il Modello assistenziale dei processi umani: un quadro teorico per l’assistenza infermieristica di fronte alla sfida della complessità.
Benner P. (2003) L’eccellenza nella pratica clinica dell’infermiere. Milano: McGraw-Hill
Berman A., Snyder S.J., Frandsen G. (2016) Fondamenti di assistenza infermieristica secondo Kozier ed Erb. Concetti, procedure e pratica. Padova: Piccin.
Bugnoli S., (2010) La responsabilità dell’infermiere e le sue competenze. Maggioli editore
Chiari P., Mosci D., Naldi E. (2011) Evidence- Based Clinical Practice. La pratica clinico-assistenziale basata su prove di efficacia. Milano: McGraw-Hill
Craven R., Constance H., Jensen S. (2017) Principi fondamentali dell’assistenza infermieristica. Milano: Casa Editrice Ambrosiana.
Hincliff S.M., Montague S.E., Watson R., (2004) Fisiologia per la pratica infermieristica. Milano: Casa Editrice Ambrosiana
Lunney M. (2010) Il pensiero critico nell’assistenza infermieristica. Casi clinici con NANDA-I, NOC e NIC. Milano: Casa Editrice Ambrosiana.
Quigley B.H., Palm M.L., Bickley L. (2017) Valutazione per l’assistenza infermieristica. Esame fisico e storia della persona assistita. Milano: Casa Editrice Ambrosiana.
Sironi, Baccin (2006) Procedure per l’assistenza infermieristica. Milano: Masson.
Sironi (2010) Introduzione alla ricerca infermieristica. Milano: Casa Editrice Ambrosiana
Smeltzer S., Bare B., Hinkle J., Cheever K. (2010) Infermieristica medico-chirurgica. Milano: CEA
Wilkinson J.M. (2003). Processo infermieristico e pensiero critico. Milano: Casa Editrice Ambrosiana
Wilkinson J.M., Barcus L. (2017) Diagnosi infermieristiche con NOC e NIC. Milano: Casa editrice Ambrosiana.

METODOLOGIA INFERMIERISTICA 2
Auxilia F., Pontello M. (2012) Igiene e Sanità Pubblica a cura di A. Pellai Educazione sanitaria, strategie educative e preventive per il paziente e la comunità Padova: Piccin
Craven R, Hirnle C, Jensen S. (2013) Principi fondamentali dell’Assistenza Infermieristica Milano: Casa Editrice Ambrosiana. pag. 63-84
ICN International Council of Nurses (2016) Infermieri: una forza per cambiare. Migliorare la resilienza dei sistemi sanitari. Kit giornata internazionale degli infermieri 2016. Reperibile in http://www.cnai.info/images/stories/collaborazioniInternazionali/icn/IND...
Prandi C., Vellone E. De Marinis M.G., Alvaro R. (2013) Aderenza alle cure: un tema di pertinenza anche infermieristica. Rivista l’Infermiere 57 (6) reperibile in http://www.ipasvi.it/ecm/rivista-linfermiere/rivista-linfermiere-page-18...
World Health Organization (1998) Health Promotion glossary recuperabile in http://www.who.int/healthpromotion/about/HPG/en/
INFERMIERISTICA GENERALE 2
- Chiari P., Santullo A., L’infermiere Case Manager, McGraw-Hill, seconda edizione, Milano 2011;
- Stuani N., Signorotti L. (2008), Case management quale modalità organizzativa per la presa in carico e l’integrazione professionale: revisione della letteratura, Tempo di Nursing, 52: pp. 13-24;
- Tozzi Q., Caracci G., Labella B., Buone pratiche per la sicurezza in sanità, Roma: Il Pensiero Scientifico Editore, 2011.
- Legge n. 24/2017 consulted on:
https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/03/17/17G00041/sg
- Osservatorio buone pratiche Agenas consulted on:
http://buonepratiche.agenas.it/

I docenti del corso sono sempre disponibili per attività di tutorato, previo richiesta di appuntamento via e-mail.