Università degli studi dell'Insubria

DIRITTO REGIONALE

A.A. di erogazione 2018/2019

Laurea Magistrale Ciclo Unico 5 anni in GIURISPRUDENZA
 (A.A. 2016/2017)

Docenti

L'insegnamento è condiviso, tecnicamente "mutuato" con altri corsi di laurea, consultare il dettaglio nella sezione Mutuazioni
Anno di corso: 
3
Tipologia di insegnamento: 
Affine/Integrativa
Settore disciplinare: 
DIRITTO AMMINISTRATIVO (IUS/10)
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
6
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
35
Dettaglio ore: 
Lezione (35 ore)

Il Corso mira a permettere allo studente di acquisire una solida conoscenza dei principi fondanti l’ordinamento regionale italiano, attraverso l’approfondimento delle fonti del diritto regionale, della forma di stato regionale e degli organi costituzionali e degli istituti di garanzia.
Lo studente acquisirà padronanza non solo dei testi normativi, tra cui la Costituzione e le fonti di rango primario e secondario, ma soprattutto del portato che emerge dalla imponente mole di giurisprudenza.

Prerequisiti: 

//

Il corso ha per oggetto l’ordinamento generale e le autonomie statutaria, legislativa, amministrativa e finanziaria delle Regioni nell’ambito della Repubblica italiana, quale risulta dalle disposizioni della Costituzione e delle altre norme costituzionali, dalle principali norme legislative statali che hanno attuato il modello costituzionale e dalle più importanti pronunce emanate in merito dalla Corte costituzionale.
Parte prima: Introduzione

Evoluzione storica dell’organizzazione territoriale dello Stato unitario italiano e del regionalismo italiano; le fasi dell’attuazione del modello di Stato regionale dal testo costituzionale del 1948; all’attuale fase di revisione del modello riformato nel 2011. La formazione e natura giuridica delle Regioni. Le fonti del diritto regionale.

Parte seconda: Le funzioni regionali ed i rapporti con lo Stato

I: L’autonomia statutaria: la potestà statutaria; Statuti ordinari e Statuti speciali; contenuti e limiti degli statuti; il procedimento di approvazione degli Statuti ordinari dopo la revisione costituzionale del 1999;
II: L’autonomia legislativa: i diversi tipi di potestà legislativa regionale; i diversi limiti comuni all’esercizio della potestà legislativa regionale; il procedimento legislativo regionale; il “potere estero” delle Regioni e i rapporti tra le Regioni e l’Unione europea.
III: L’autonomia amministrativa: la potestà regolamentare; i diversi tipi di potestà amministrativa regionale; l’allocazione delle funzioni amministrative tra Stato, Regioni ed enti locali.
IV: L’amministrazione regionale ed i rapporti fra Regioni, Province e Comuni.
V: I rapporti tra lo Stato e le Regioni: la partecipazione delle Regioni ad attività dello Stato; gli organi di collegamento tra Stato e Regioni; i poteri dello Stato nei confronti delle Regioni ed il principio di unitarietà della Repubblica (le forme di coordinamento, il potere sostitutivo, i poteri di controllo); i controlli statali sulle Regioni (controlli sugli organi, sugli Statuti, sulle leggi, sugli atti). La giustizia costituzionale e le Regioni.

le lezioni si svolgeranno, da un lato, con il metodo tradizionale frontale, dall'altro lato, attraverso la lettura di sentenze della Corte costituzionale.

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Colloquio orale

S. BARTOLE, R. BIN, G. FALCON, R. TOSI, “Diritto regionale”, Bologna, Il Mulino, 2012

mercoledì 1030

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2016/2017

Anno di corso: 2
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2015/2016

Anno di corso: 2
Curriculum: PERCORSO COMUNE
Anno di corso: 4
Curriculum: PERCORSO COMUNE
Anno di corso: 5
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2014/2015

Anno di corso: 2
Curriculum: PERCORSO COMUNE
Anno di corso: 5
Curriculum: PERCORSO COMUNE