Sociologia delle culture

A.A. di erogazione 2019/2020

 (A.A. 2018/2019)
Anno di corso: 
2
Tipologia di insegnamento: 
A scelta dello studente
Settore disciplinare: 
SOCIOLOGIA DEI PROCESSI CULTURALI E COMUNICATIVI (SPS/08)
Crediti: 
8
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
50
Dettaglio ore: 
Lezione (50 ore)

L’insegnamento intende contribuire a uno degli obiettivi formativi del Corso di Laurea, ovvero l’acquisizione degli strumenti necessari per comprendere le specificità socio-culturali delle aree geografiche connesse alle lingue di cui lo studente acquisisce un'elevata competenza. L’obbiettivo generale di apprendimento perseguito dal corso consiste nello sviluppo e nella pratica di uno sguardo autoriflessivo, in grado di contestualizzare, mettere a tema e problematizzare la dimensione sociale dei fenomeni culturali. Nello specifico, l’insegnamento mira a:
• fornire conoscenze, metodi e strumenti orientati all’analisi dei processi culturali e comunicativi, con particolare attenzione alle diversità e ai conflitti culturali;
• promuovere capacità di lettura e analisi dei fenomeni sociali attraverso la presentazione delle principali prospettive teoriche per l’analisi culturale e la loro applicazione ad alcuni ambiti di ricerca empirica.
Il corso ambisce a dotare gli studenti di strumenti di lettura e analisi dei fenomeni socioculturali, con particolare attenzione a diversità e cambiamenti culturali. Gli studenti dovranno essere in grado di fare un utilizzo consapevole della strumentazione concettuale appresa ai fini di un’analisi critica e pluralistica dei fenomeni culturali.

L’insegnamento di Sociologia delle Culture non richiede conoscenze preliminari, è però auspicabile una minima conoscenza della terminologia sociologica. A tal fine agli studenti è consigliata la consultazione di un Dizionario di Sociologia.

Il corso si articola in due sezioni tematiche: la prima dedicata all’introduzione del pensiero sociologico dei cosiddetti “padri fondatori” della disciplina e la seconda alla discussione delle categorie rilevanti in relazione ai temi della diversità e dei conflitti culturali. La prima parte del corso è propedeutica alla seconda, in termini di avvicinamento e familiarizzazione con la prospettiva sociologica, il linguaggio e le categorie di fondo della disciplina elaborate in relazione all’analisi della modernità, delle sue principali componenti (economica, culturale e sociale) e della fenomenologia ad esse associata (e.g. società civile, città, moralità, fenomeni collettivi.).
La seconda parte del corso è orientata specificatamente alle questioni della diversità e del conflitto culturale, per affrontare le quali particolare attenzione verrà data ai temi alla vita quotidiana, alla nozione di cultura come prospettiva, al linguaggio delle emozioni e alle dinamiche della conoscenza.

Il corso prevede 50 ore di lezioni frontali. La prima unità di lezione ha funzione introduttiva. Essa serve a presentare gli obiettivi del corso, la metodologia di lavoro, i testi e le modalità di valutazione. In altri termini, a definire un contratto formativo con gli allievi. Le successive unità sono dedicate all’approfondimento del programma del corso, riservando le prime 20 ore all’introduzione alla storia del pensiero sociologico e le successive 30 alle questioni della diversità e del conflitto culturale.
Le lezioni includono l’esposizione da parte del docente di prospettive generali e temi specifici di ricerca, la discussione in classe volta ad approfondire e chiarire gli elementi introdotti, la presentazione di materiale audiovisivo su casi-studio di rilievo e momenti riepilogativi e di chiarimento di eventuali nodi problematici.
La didattica è impartita dal docente titolare del corso, che tende ad incentivare il più possibile la partecipazione attiva da parte degli studenti.

La modalità̀ di verifica delle conoscenze e delle competenze consiste in un esame orale, il cui scopo è quello di accertare la comprensione degli elementi introdotti in classe, la padronanza del linguaggio per esprimerli, la capacità di mettere a tema e problematizzare le principali questioni affrontate nel corso, nonché l’appropriazione critica dei contenuti introdotti.
La valutazione viene fatta tenendo conto di pertinenza e chiarezza espositiva delle risposte date. La valutazione è espressa in trentesimi.

Per la preparazione dell’esame tutti gli studenti sono tenuti allo studio dei testi indicati dal punto 1 al punto 2:
1. Jedlowski P. (1998), Il mondo in questione. Introduzione alla storia del pensiero sociologico, Carocci, Roma.
2. Sclavi M. (2003), Arte di ascoltare e mondi possibili. Come si esce dalle cornici di cui siamo parte, Bruno Mondadori, Milano.
Per gli studenti che sostengono l'esame di 6 crediti (equivalenti a 35 ore di lezione) il testo di M. Sclavi andrà studiato sino a pagina 115. Per tutti gli altri (8 crediti, 50 ore) il testo va studiato interamente.

Sulla piattaforma e-learning sono disponibili anche le slides delle lezioni e materiale didattico utilizzato a lezione.

Il docente riceve gli studenti nella sede di Sant’Abbondio, Ufficio 1.6., secondo il calendario esposto in bacheca e sul sito web del Dipartimento. Il docente può essere contattato via e-mail all’indirizzo: sebastiano.citroni@uninsubria.it

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2019/2020

Anno di corso: 2
Curriculum: Comune

A.A. 2017/2018

Anno di corso: 2
Curriculum: Comune

A.A. 2016/2017

Anno di corso: 2
Curriculum: Comune

A.A. 2015/2016

Anno di corso: 2
Curriculum: Comune