SCIENZA E SOCIETÀ

A.A. di erogazione 2019/2020
Insegnamento opzionale

 (A.A. 2018/2019)

Docenti

Anno di corso: 
2
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Settore disciplinare: 
STORIA DELLA SCIENZA E DELLE TECNICHE (M-STO/05)
Crediti: 
8
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
64
Dettaglio ore: 
Lezione (64 ore)

L’età contemporanea rivela un’ambiguità di fondo: la contraddizione di un periodo storico più di ogni altro dipendente dalla scienza ma, parallelamente, in difficoltà con le sue acquisizioni e le relative ricadute sociali, politiche e ambientali. Gli sviluppi novecenteschi delle scienze e delle tecnologie sembrano essere in parte segnati dalla categoria storica del conflitto, nonostante l’ormai indiscutibile dipendenza della società dalle loro rispettive “conquiste”.
L’insegnamento si propone l’obiettivo di favorire l’acquisizione di una maggiore consapevolezza storico-critica circa le complesse relazioni intercorrenti tra scienza e società, considerando sia alcuni casi di studio particolarmente emblematici e controversi, sia i legami tra scienza, mass media, arti e letteratura. Lo studente potrà così appropriarsi di utili strumenti metodologici e conoscitivi mediante i quali meglio leggere e interpretare problematiche a soggetto scientifico e tecnologico – come, ad esempio, quelle riguardanti ambiente e salute – di grande attualità e ad elevato impatto sulla società contemporanea.

I risultati attesi comprendono:
- conoscenza di alcune delle principali tematiche del dibattito scientifico ed ecologico contemporaneo e degli eventuali conflitti sociali da esse innescati;
- conoscenza delle metodologie di ricerca storica e sociale illustrate durante le lezioni;
- capacità di acquisire una cultura scientifica di base e acquisizione delle relative forme/tecniche di narrazione pubblica (storytelling);
- capacità di discernere teorie scientifiche e teorie pseudoscientifiche;
- capacità di esposizione e di argomentazione critica mediante un uso corretto delle nozioni e dei termini tecnico-scientifici illustrati a lezione (proprietà di linguaggio).

Non è previsto alcun prerequisito.

Le lezioni del corso affronteranno gli argomenti di seguito riportati.

PARTE GENERALE (indicativamente ore 30)
- Definizione, temi e problemi della storia culturale e della storia dell’immaginario;
- L’immaginario scientifico nella cultura di massa e nei processi di rappresentazione sociale delle scienze;
- Interazioni tra scienze, arti e mass media nell’età contemporanea;
- Scienza, leggende metropolitane e fake news;
- Analisi di alcuni casi di studio, con particolare attenzione alle problematiche ambientali (cambiamenti climatici, inquinamento, rifiuti);
- Storytelling e scrittura su soggetti a tema scientifico e ambientale.

PARTE MONOGRAFICA (indicativamente ore 34)
La parte monografica del corso analizzerà la relazione narrativa e interpretativa intercorrente tra ecologia/natura e letteratura nel Novecento, soprattutto (benché non solo) a partire dall’opera di Italo Calvino e Primo Levi, di cui si esamineranno raccolte di racconti, romanzi e saggi ritenuti significativi.
In particolare:
- Italo Calvino
"La nuvola di smog",
"La formica argentina",
"La speculazione edilizia",
"Le città invisibili";
- Primo Levi
"Storie naturali",
"Vizio di forma".

Il corso si articola in 64 ore di lezioni frontali, a cui potranno affiancarsi esercitazioni e seminari di approfondimento. Le lezioni, oltre a esaminare i contenuti del corso, cercheranno di stimolare lo spirito critico e la partecipazione degli studenti attraverso momenti di discussione e aperto confronto.

La verifica della prova finale consisterà in un colloquio orale teso ad accertare l’acquisizione delle conoscenze e della corretta comprensione degli argomenti sia discussi a lezione sia contenuti nei testi. Il colloquio orale prevede almeno una domanda per testo (compresa la lettura), a cui si aggiungerà una domanda sui contenuti analizzati nel corso delle lezioni e riassunti nel materiale didattico caricato sulla piattaforma e-learning. Il voto finale, in trentesimi, sarà formulato considerando:
- esattezza delle risposte (65%),
- proprietà di linguaggio e capacità argomentativa (15%),
- capacità di analisi critica (20%).

1. È richiesto lo studio integrale di:

Andrea Candela, "Dal sogno degli alchimisti agli incubi di Frankenstein. La scienza e il suo immaginario nei mass media", FrancoAngeli, Milano 2013;

2. e di un testo a scelta tra:

- Marco Ciardi, Pier Luigi Gaspa, "Frankenstein. Il mito tra scienza e immaginario", Carocci, Roma 2018;
- Niccolò Scaffai, "Letteratura e ecologia. Forme e temi di una relazione narrativa", Carocci, Roma 2017;
- Francesco Cassata, "Fantascienza? Lezioni Primo Levi", Einaudi, Torino 2016;
- Massimo Bucciantini, "Italo Calvino e la scienza. Gli alfabeti del mondo", Donzelli, Roma 2007.

3. È inoltre richiesta la lettura di un’opera a scelta tra:

- Italo Calvino, "La nuvola di smog" e "La formica argentina", pubblicati in unica edizione [i due racconti possono essere letti in qualsiasi edizione];
- Italo Calvino, "La speculazione edilizia" [in qualsiasi edizione];
- Primo Levi, "Storie naturali" [raccolta di racconti – possono essere letti in qualsiasi edizione];
- Primo Levi, "Vizio di forma" [raccolta di racconti – possono essere letti in qualsiasi edizione].

4. È richiesto, infine, lo studio del materiale didattico presentato a lezione, che sarà disponibile sulla piattaforma e-learning.

Il docente riceve su appuntamento, fissato via e-mail. Eventuali richieste di chiarimento su insegnamento e argomenti affrontati possono essere altresì avanzate alla fine di ogni lezione.
E-mail docente: a.candela@uninsubria.it

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2019/2020

Anno di corso: 2
Curriculum: PERCORSO COMUNE