FILOSOFIE DEL XX SECOLO

A.A. di erogazione 2018/2019
Insegnamento obbligatorio

 (A.A. 2018/2019)

Docenti

Anno di corso: 
1
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Settore disciplinare: 
LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA (M-FIL/02)
Crediti: 
8
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
64
Dettaglio ore: 
Lezione (64 ore)

Il corso si pone l’obiettivo di definire ed analizzare la riflessione filosofica e l’epistemologia, in particolare, quale ermeneutica della conoscenza, onde comprendere il ruolo e la funzione della conoscenza scientifica all’interno della dinamica di crescita di una società storica. Per sviluppare questo approccio si considererà la storia del razionalismo critico occidentale, con particolare riferimento alla discussione del problema del significato, della filosofia del linguaggio, della filosofia della logica e della filosofia della matematica. Attenzione particolare verrà dedicata all’analisi di alcuni testi epistemologici, con l’obiettivo di coglierne le linee essenziali, lo sviluppo delle diverse forme concettuali, l’esplicitazione delle varie categorie, l’analisi del linguaggio scientifico e la sua organizzazione, sulla base di un percorso di approfondimento analitico e critico.

Non è previsto alcun prerequisito

Venuto meno, tra fine Ottocento e inizi del Novecento, l’ideale della conoscenza scientifica vera, universale e certa, al sapere scientifico fu attribuita al massimo la caratteristica dell’oggettività, intesa come accordo intersoggettivo fra i cultori di una disciplina, che non implica una conoscenza del reale e, quindi, la pretesa che tale conoscenza sia vera.
Il corso, analizzando sia il pensiero di Evandro Agazzi, con particolare riferimento al suo recente volume L’oggettività scientifica e i suoi contesti, sia quello di Giulio Preti, con riferimento alla nuova ed ampliata edizione del suo volume Retorica e logica, affronta il problema dell’oggettività scientifica mostrando come l’accordo intersoggettivo si fondi sull’uso di operazioni standardizzate, rilevando, tuttavia, come queste operazioni siano anche le medesime che permettono di studiare una qualunque “cosa” da un certo “punto di vista” che ne ritaglia solo alcuni aspetti. Questa forma di conoscenza si inserisce del resto entro una tradizione di pensiero come quella occidentale entro la quale si sono sempre confrontate e scontrate due differenti ed antinomiche formalità culturali, ovvero quella che si riferisce al pensiero scientifico (la logica) e quella che fa invece appello al ragionamento persuasivo (la retorica).
Tenendo presente la complessità di questa duplice tradizione di pensiero, si riconosce così un riferimento della scienza al reale e la legittimità di assegnare alle sue teorie un valore di verità, autentico benché circoscritto ai loro specifici oggetti. Poiché le teorie spiegano i fatti osservabili postulando entità non osservabili, ne segue che, quando esse si possano considerare vere, si deve ammettere l’esistenza di tali oggetti inosservabili. Pertanto si illustreranno le ragioni di un possibile realismo scientifico. Copiosi riferimenti storici, accurate analisi semiotiche e logiche e una puntuale discussione di obiezioni illustrano la possibile difesa di questa prospettiva, nella quale sono tenuti nella dovuta considerazione i “contesti” storici, sociali e culturali della ricerca scientifica, che giustificano anche le tematizzazioni di scienza e tecnologia di tipo etico. Il che consente infine di connotare la modalità specifica con cui, nel dibattito contemporaneo, possa e debba essere ripensato anche la tradizionale immagine della conoscenza superando ogni forma di scientismo dogmatico onde recuperare una più feconda dialettica tra le “due culture”, quella scientifica e quella umanistica.

Gli obiettivi formativi del corso verranno raggiunti attraverso la modalità delle lezioni frontali (per un totale complessivo di 64 ore) che prevedono la discussione analitica e collettiva del testo classico preso in diretto riferimento.

È previsto il solo esame orale finale nel corso del quale si valuterà:
- la capacità di saper comprendere adeguatamente la lettura di un testo;
- la conoscenza adeguata dei testi d’esame;
- la capacità di saper sviluppare una propria autonoma riflessione critica.
L’esame consiste in un colloquio orale teso all'accertamento dell’acquisizione e della corretta comprensione dei contenuti dei testi che andranno studiati integralmente: sui contenuti di ogni volume saranno formulate due domande. È previsto un accertamento della capacità di analisi critica interdisciplinare e di autonomia di giudizio sugli argomenti principali del corso (due domande). Inoltre sarà richiesta la conoscenza degli argomenti trattati a lezione (almeno 1 domanda). Il voto finale terrà conto dell’esattezza e della qualità delle risposte (70%), nonché dell’abilità comunicativa mostrata durante il colloquio (10%) e della capacità di motivare adeguatamente affermazioni, analisi e giudizi (20%).

Testi fondamentali di riferimento:
- Evandro Agazzi, L’oggettività scientifica e i suoi contesti, Bompiani, Milano 2018 (32 hours)
- Giulio Preti, Retorica e logica, nuova edizione emendata ed ampliata a cura e con una Introduzione di Fabio Minazzi, Bompiani, Milano 2018 (32 hours)

Un testo, a scelta, tra i seguenti:
- Donald Angus Gillies – Giulio Giorello, La filosofia della scienza nel XX secolo, Laterza, Roma-Bari 2014
- Aa. Vv., Sulla filosofia della scienza di Evandro Agazzi: dalla probabilità e la logi-ca matematica all'epistemologia realista, a cura di Fabio Minazzi, Mimesis, Mila-no-Udine 2015 (una significativa scelta di studi concordata col docente)
- Thomas Kuhn, La struttura delle rivoluzioni scientifiche, trad. it. di Adriano Carugo, Einaudi, Torino 1978 (più volte riedito).
- Giulio Preti, Storia del pensiero scientifico, Mondadori, Milano 1957, riedito nel 1975

Il ricevimento degli studenti si effettua dopo lo svolgimento della lezione, presso la sede del Centro Internazionale Insubrico, sita al secondo piano del Collegio Cattaneo, nel campus di Bizzozero. Si consiglia di prendere contatto direttamente con il docente via e-mail per concordare l’orario preciso, onde abbreviare i tempi d’attesa.

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2019/2020

Anno di corso: 1
Curriculum: PERCORSO COMUNE