Università degli studi dell'Insubria

ANATOMIA PER LE BIOTECNOLOGIE

A.A. di erogazione 2018/2019

Laurea triennale in BIOTECNOLOGIE (A.A. 2017/2018)
Docenti
Anno di corso: 
2
Crediti: 
6
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
48

Il corso fornisce alcune nozioni di anatomia umana necessarie al biotecnologo che si interessi di biotecnologie mediche.
Notevole attenzione viene data alla filogenesi dei sistemi studiati ricorrendo perciò a conoscenze di anatomia ed embriologia comparata dei vertebrati.

Prerequisiti: 

Per la comprensione del corso di ANATOMIA PER LE BIOTECNOLOGIE, sono indispensabili conoscenze di base di citologia ed istologia.

Cenni sul Phylum dei Cordati e sulla classificazione dei vertebrati.
Cenni di embriologia comparata.
Tegumento.
Sistema scheletrico e muscolare.
Sistema circolatorio.
Sistema respiratorio.
Sistema digerente
Sistema urogenitale.
Sistema nervoso.

Il corso prevede 48 ore di lezioni frontali con l’ausilio di presentazioni in PowerPoint. I due docenti che partecipano al corso insegnando, uno, anatomia umana per 4 CFU e, l’altro, anatomia comparata per 2 CFU, si coordineranno in modo tale che tutti i sistemi trattati lo siano da entrambi i punti di vista, quello dell’anatomia umana e quello dell’anatomia comparata che permette anche una più piena comprensione di quella umana. Con l'analisi delle somiglianze e delle differenze anatomo-funzionali, infatti, l’anatomia comparata è in grado di svelare le leggi che regolano l'organizzazione di un organismo e di ricostruirne la storia evolutiva. Questa visione interdisciplinare trova, come momento unificatore, la teoria dell’evoluzione biologica poiché, citando Theodosius Dobzhansky, “Nothing in biology makes sense except in the light of evolution.”

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

L’esame consisterà in una prova orale durante la quale verrà richiesto allo studente di trattare un argomento di anatomia umana e di svilupparlo completandolo con le soluzioni adottate dalle varie classi di vertebrati.

In particolare, l’esame è volto a valutare le conoscenze di base possedute dallo studente della morfologia del corpo umano adulto per quanto riguarda i sistemi trattati e alla comprensione del loro percorso evolutivo grazie al confronto degli stessi nel sub-phylum Vertebrata.

Verrà anche valutato il possesso di un linguaggio appropriato. In un testo espositivo orale in ambito accademico, infatti, è necessario padroneggiare un linguaggio di tipo scientifico, cioè caratterizzato da un discorso complesso e da un lessico tecnico. Tra le frasi che compongono il discorso nella sua complessità ci deve essere una buona coerenza logico-semantica. Il lessico tecnico, invece, è necessario perché punta all’univocità di interpretazione dove, di norma, un significato è espresso da uno e un solo significante, e un significante rappresenta un preciso significato.

L’esito dell’esame sarà in trentesimi.

"Anatomia comparata" a cura di Vincenzo Stingo Edizioni EDI.ERMES
"Principi di anatomia umana" di Marco Artico et al., Edizioni EDI.ERMES

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2018/2019

Anno di corso: 2
Curriculum: BIOTECNOLOGIE SANITARIE
Anno di corso: 3
Curriculum: BIOTECNOLOGIE SANITARIE

A.A. 2017/2018

Anno di corso: 3
Curriculum: BIOTECNOLOGIE SANITARIE

A.A. 2016/2017

Anno di corso: 2
Curriculum: BIOTECNOLOGIE SANITARIE
Anno di corso: 3
Curriculum: BIOTECNOLOGIE SANITARIE

A.A. 2015/2016

Anno di corso: 3
Curriculum: BIOTECNOLOGIE SANITARIE
Anno di corso: 3
Curriculum: BIOTECNOLOGIE SANITARIE