DIRITTO AMMINISTRATIVO II PARTE

A.A. di erogazione 2020/2021

Laurea Magistrale Ciclo Unico 5 anni in GIURISPRUDENZA
 (A.A. 2017/2018)
Anno di corso: 
4
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Sede: 
Como - Sant'Abbondio
Settore disciplinare: 
DIRITTO AMMINISTRATIVO (IUS/10)
Crediti: 
9
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
55
Dettaglio ore: 
Lezione (55 ore)

Questo insegnamento è composto da:

Il corso ha un’impostazione tematica. L’argomento oggetto di approfondimento è costituito in particolare dall’attività consensuale della pubblica amministrazione, oggi al centro del dibattito dottrinale e giurisprudenziale.

Il corso presuppone le conoscenze di base maturate attraverso la preparazione del diritto amministrativo I. Si applicano inoltre le seguenti propedeuticità: Istituzioni di diritto privato, Diritto costituzionale, Diritto processuale civile

L’insegnamento si soffermerà in particolare sulle seguenti tematiche:
- Attività provvedimentale e convenzionale della pubblica amministrazione.
Profili di teoria generale
- La contrapposizione tra l’attività contrattuale di diritto privato e l’attività contrattuale ad oggetto pubblico
- Procedimento amministrativo e accordi
- Gli accordi di cui all’art. 11 della Legge n. 241/1990.
Accordi sostitutivi e integrativi.
Il dibattito sulla natura
- Il regime d’invalidità: la comparazione tra la patologia del provvedimento e i vizi degli accordi
- La tutela giurisdizionale

La didattica comprende:
- lezioni prevalentemente teoriche, volte ad illustrare principi e istituti del diritto amministrativo;
- discussioni di casi giurisprudenziali, finalizzate a promuovere negli studenti l’acquisizione del lessico amministrativistico e delle tecniche di argomentazione giuridica;
- esercitazioni pratiche concernenti le tematiche affrontate nel corso delle lezioni teoriche.
Nel corso dell’anno accademico, il docente si riserverà altresì di valutare l’attivazione di seminari a frequenza obbligatoria concernenti specifici settori del Diritto Amministrativo.
E’ previsto che vengano caricati sulla piattaforma e-learning materiali normativi, casi giurisprudenziali e documenti amministrativi.
Le lezioni potrebbero essere svolte mediante didattica da remoto e/o registrazioni audio e/o power point con audio incorporato e, in ogni caso, con modalità idonee ad assicurare occasioni di interazione con gli studenti e a garantire il rispetto del programma del corso.

La verifica dell’apprendimento avverrà attraverso appelli di esame orale vertente su tutto il programma del Corso biennale, con attribuzione del voto finale in trentesimi; il colloquio d’esame muoverà da una domanda di carattere generale per passare a domande di taglio e di contenuto più specifici, idonee a prospettare ulteriori percorsi di approfondimento. Nella valutazione si terrà conto del livello di conoscenza degli argomenti oggetto del programma del corso e della capacità tecnico-espressiva del candidato.
Gli studenti frequentanti potranno partecipare, a loro discrezione, ad appositi moduli seminariali, che costituiranno oggetto di colloquio nel corso dell’esame orale; avranno inoltre luogo prove intermedie, anch’esse facoltative, del cui eventuale esito positivo si terrà conto, in sede di colloquio finale.

La verifica dell’apprendimento avverrà attraverso appelli di esame orale vertente su tutto il programma del Corso biennale, con attribuzione del voto finale in trentesimi; il colloquio d’esame muoverà da una domanda di carattere generale per passare a domande di taglio e di contenuto più specifici, idonee a prospettare ulteriori percorsi di approfondimento. Nella valutazione si terrà conto del livello di conoscenza degli argomenti oggetto del programma del corso e della capacità tecnico-espressiva del candidato.
Gli studenti frequentanti potranno partecipare, a loro discrezione, ad appositi moduli seminariali, che costituiranno oggetto di colloquio nel corso dell’esame orale; avranno inoltre luogo prove intermedie, anch’esse facoltative, del cui eventuale esito positivo si terrà conto, in sede di colloquio finale.
Per la preparazione dell’esame si consiglia lo studio dei seguenti manuali:

Studenti frequentanti (A + B)

A) un testo a scelta tra le seguenti alternative:
- Clarich M., Manuale di diritto amministrativo, Il Mulino, ult. ed.
- G. Greco, m. Cafagno, D.U. Galetta, M. Ramajoli, M. Sica, Argomenti di diritto amministrativo. Vol. 1: Parte generale. Lezioni, Giuffrè, 2017
- D. Sorace, Diritto delle amministrazioni pubbliche, Il Mulino, ult. ed.

B) A. Travi, Lezioni di giustizia amministrativa, Giappichelli, ult. ed.

Studenti non frequentanti (A + B + C)

A) un testo a scelta tra le seguenti alternative:
- M. Clarich, Manuale di diritto amministrativo, Il Mulino, ult. ed.
- G. Greco, m. Cafagno, D.U. Galetta, M. Ramajoli, M. Sica, Argomenti di diritto amministrativo. Vol. 1: Parte generale. Lezioni, Giuffrè, 2017
- D. Sorace, Diritto delle amministrazioni pubbliche. Una introduzione, Il Mulino, ult. ed.

B) A. Travi, Lezioni di giustizia amministrativa, Giappichelli, ult. ed.

C) i lavori indicati in una delle seguenti tre alternative:
- Bernardo Sordi, Giustizia e amministrazione nell'Italia liberale. La formazione della nozione di interesse legittimo, Giuffrè, 1985 (in commercio dal: 20/07/2018)
- U. Mattei, E. Reviglio, S. Rodotà (a cura di), Invertire la rotta. Idee per una riforma della proprietà pubblica, Il Mulino, 2007
- Herbert A. Simon, Il comportamento amministrativo, Il Mulino, 2001

Per l’apprendimento della materia è indispensabile lo studio e la conoscenza diretta dei testi normativi pertinenti. In sede di esame lo studente deve quindi dimostrare la conoscenza diretta degli atti normativi:
- fondamentali (Costituzione della Repubblica Italiana, Trattato sull’Unione Europea e Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea, Convenzione CEDU, etc.), con particolare riguardo alle disposizioni relative alla pubblica amministrazione e, più in generale, a quelle in tema di diritto amministrativo, e di quelli più importanti (ad es. L. 7 agosto 1990, n. 241, L. 23 marzo 1865, n. 2248, all. E, D.P.R. 24 novembre 1971, n. 1199; D. Lgs. n. 104 del 2.7.2010 ‘codice del processo amministrativo’;
- richiamati nei manuali e nei testi di studio.

Il ricevimento degli studenti si articolerà su due giorni della settimana, per un totale di circa 4 ore; inoltre, durante il periodo di svolgimento della didattica frontale, sarà possibile formulare richieste di chiarimenti, oltre che nel corso della lezione, anche al termine della stessa. Il docente è, peraltro, disponibile a concordare un diverso orario di ricevimento, previa richiesta rivoltagli attraverso l’indirizzo mail di Ateneo, la Segreteria didattica o altri canali istituzionali.
Le occasioni di interazione potrebbero avvenire anche da remoto.

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2020/2021

Anno di corso: 4
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2019/2020

Anno di corso: 4
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2018/2019

Anno di corso: 4
Curriculum: PERCORSO COMUNE