Università degli studi dell'Insubria

STORIA DEL DIRITTO ROMANO

A.A. di erogazione 2018/2019

Laurea Magistrale Ciclo Unico 5 anni in GIURISPRUDENZA
 (A.A. 2017/2018)
L'insegnamento è condiviso, tecnicamente "mutuato" con altri corsi di laurea, consultare il dettaglio nella sezione Mutuazioni
Anno di corso: 
2
Tipologia di insegnamento: 
Base
Sede: 
Como - Sant'Abbondio
Settore disciplinare: 
DIRITTO ROMANO E DIRITTI DELL'ANTICHITA' (IUS/18)
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
8
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
50
Dettaglio ore: 
Lezione (50 ore)

L’insegnamento mira alla formazione del giurista moderno, nella convinzione che la storia del diritto romano, sviluppando nel discente il senso della relatività dei principi e delle norme, possa fornire una ineguagliata palestra di riflessione e di studio, donde ricavare il pragmatismo e l’equilibrio necessari per analizzare e applicare il diritto, ma, soprattutto, tale da permettere di cogliere le implicazioni, i valori e gli interessi sottesi alla norma giuridica in quanto tale. L’esposizione dei principali istituti del diritto pubblico e costituzionale romano, dunque, punta, da un lato, a consolidare e rafforzare un complesso di nozioni storico-giuridiche, dall’altro a stimolare un percorso intellettuale più ampio e profondo nello studente, per il quale si auspica il raggiungimento di un apprendimento non solo tecnico o nozionistico, ma anche rivolto a stimolare la capacità critica in funzione del diritto, delle proposte, dei metodi e delle soluzioni che esso offre.

Si richiede, al fine di una più agevole comprensione delle tematiche trattate, la conoscenza delle scansioni temporali e degli eventi cronologici più importanti della storia di Roma. A questo fine, è sufficiente consultare AA.VV., Nuove questioni di storia antica, Milano 1969, 926 ss., per la lettura di tavole cronologiche idonee allo scopo. Altri suggerimenti in tal senso saranno inseriti nella guida dello studente e, ove richiesti, indicati a lezione.

Premessi alcuni cenni sulla utilità dello studio storico del diritto per la formazione del giurista moderno, sulla storiografia romanistica e sui più moderni metodi di indagine, verranno esaminate nel loro svolgersi le istituzioni giuridiche pubbliche romane, nonché le fonti di produzione e di cognizione del diritto romano dalle origini a Giustiniano. La trattazione più strettamente giuridica sarà arricchita da ampi riferimenti alla realtà storica, politica e sociale del mondo romano, con frequente ricorso ad altre discipline umanistiche (archeologia, epigrafia, numismatica ecc.) ed all’esame diretto delle fonti letterarie più significative.
Il programma del corso è così articolato:
1. Il diritto romano ed il suo studio. 2. Le origini di Roma. 3. L’organizzazione politica primitiva. 4. Il sistema delle fonti in epoca arcaica. 5. La repubblica. 6. Il decemvirato legislativo e le XII tavole. 7. Lo stato patrizio-plebeo (la magistratura, il popolo e il senato). 8. L’espansione di Roma (foedera, municipi, colonie e province). 9. Le fonti del diritto (lex, ius honorarium, ius gentium, interpretazione giurisprudenziale). 10. La crisi dello stato-città: la fase tribunizia (Gracchi); la fase senatoria (Silla); la fase del potere personale (Pompeo e Cesare). 11. La costituzione augustea e la fondazione del Principato. 12. Le fonti del diritto durante il principato. 13. La monarchia assoluta: definizione ed ordinamento. 15. Le fonti del diritto in età postclassica: leges e iura. 15. Le leggi romano-barbariche. 11. La compilazione giustinianea. 17. Il diritto romano dopo Giustiniano.

lezioni frontali

orale

Testi consigliati (sempre nell’ultima edizione disponibile):
A. Uno a scelta fra:
1) V. ARANGIO RUIZ, Storia del diritto romano, Jovene, Napoli.
2) P. DE FRANCISCI, Sintesi storica del diritto romano, Bulzoni, Roma.
3) G. SCHERILLO - A. DELL’ORO, Manuale di storia del diritto romano, Cisalpino , Milano.
4) AA.VV., Lineamenti di storia del diritto romano (dir. M. Talamanca), Giuffrè, Milano.
5) F. AMARELLI, L. DE GIOVANNI, P. GARBARINO, A. SCHIAVONE, U. VINCENTI, Storia del diritto romano, Giappichelli, Torino.
6) P. CERAMI, A. CORBINO, A. METRO, G. PURPURA, Storia del diritto romano, Torre, Catania.
7) G. FRANCIOSI, Manuale di storia del diritto romano, Jovene, Napoli.
8) G. GROSSO, Lezioni di storia del diritto romano, Giappichelli, Torino
9) F. COSTABILE, Storia del diritto pubblico romano, Iiriti, Reggio Calabria
B. Obbligatorio per tutti:
G. LURASCHI, Storia di Como antica, Ed. New Press, Como 1997, solo i seguenti articoli:
- Como 2050: origini di una città, pagg. 3-11.
- Nuove riflessioni sugli aspetti giuridici della romanizzazione in Transpadania, pagg. 273-299.
- La Lex Vatinia de colonia Comum deducenda, pagg. 303-335.
- Le due fondazioni di Como, pagg. 383-398.
- Aspetti giuridici e storici della fondazione di Novum Comum, pagg. 423-457.
- Aspetti di vita pubblica nella Como dei Plini, pagg. 461-495.
- Il praefectus classis cum curis civitatis, pagg. 561-587.
- Problemi giuridici della romanizzazione delle Alpi, pagg. 717-746.

Testi per studenti non frequentanti
Il programma per i non frequentanti è identico. Di volta in volta, saranno assegnate letture supplementari o indicati percorsi di ricerca, al fine di integrare e compensare la mancata frequenza.

Modalità di verifica dell’apprendimento
La verifica dell’apprendimento avverrà attraverso lo svolgimento di appelli di esame orale vertente su tutto il programma del Corso, con attribuzione del voto finale in trentesimi secondo il metodo del ‘cono rovesciato’, ossia muovendo da una domanda di carattere generale per passare a domande di taglio e di contenuto più specifico, idonee a prospettare ulteriori percorsi di approfondimento. In particolare, data la struttura del corso e le caratteristiche della materia, le tre domande dell’esame orale vertono 1)su un istituto del diritto pubblico e costituzionale romano in senso proprio, 2)sulle fonti e 3)sulla storia di Como antica. La valutazione finale terrà conto, oltre che del livello di conoscenza degli istituti affrontati nel corso, anche della capacità dello studente di apprezzare le questioni storico-giuridiche di lunga durata, comprese quelle che possono essere suscettibili di confronti, riflessioni e stimolanti paragoni con l’esperienza giuridica attuale.

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2019/2020

Anno di corso: 2
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2018/2019

Anno di corso: 2
Curriculum: PERCORSO COMUNE