Università degli studi dell'Insubria

RELIGIONI E DIRITTI NELLA SOCIETA' MULTICULTURALE - PROVE DI CONVIVENZA: IL CASO DELL'ISLAM

A.A. di erogazione 2017/2018

 (A.A. 2015/2016)
Anno di corso: 
3
Tipologia di insegnamento: 
Affine/Integrativa
Settore disciplinare: 
DIRITTO CANONICO E DIRITTO ECCLESIASTICO (IUS/11)
Crediti: 
6
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
35
Dettaglio ore: 
Lezione (35 ore)

Il corso intende offrire una panoramica storico-giuridica sulla nascita e lo sviluppo della “civiltà musulmana”, con particolare attenzione alle forme di organizzazione sociale e ai suoi rapporti con l’Occidente europeo.
Al termine del corso lo studente è chiamato a dimostrare di possedere competenze adeguate in relazione a:
a) genesi e prima strutturazione della comunità musulmana;
b) fonti del diritto musulmano;
c) espansione ottomana, incontro con l’Europa e fase orientalista-colonialista; d) dinamiche della decolonizzazione
e) radici storiche delle tensioni contemporanee dell’area mediorientale
f) caratteri della presenza islamica in Europa ed in Italia.
Lo studente acquisirà consapevolezza della dimensione storica, plurale e diacronica dello sviluppo della cultura e del diritto musulmani, con particolare attenzione alla continua interazione tra le due sponde del Mediterraneo cogliendo lo specifico di una tradizione religiosa fondamentale per la storia e il presente delle società europee (knowledge and understanding). Lo studente sarà, altresì, in grado di individuare non solo le eventuali “invarianti” ma anche le trasformazioni e gli adattamenti del diritto e della cultura musulmani nelle varie epoche e nei diversi contesti geografici, con particolare attenzione al c. d. Islam europeo contemporaneo (applying knowledge and making judgments). Le modalità del corso favoriranno l'approfondimento personale delle tematiche trattate (learning skills) mentre la prova scritta finale mira a valutare l'adeguata capacità comunicativa degli studenti (communication).
Il corso, che si affianca a quello di Diritto comparato delle religioni, di Elementi di Cultura turca e di Diritto ecclesiastico, intende fornire ai futuri mediatori interlinguistici ed interculturali conoscenze indispensabili per l’azione all'interno di contesti altamente multiculturali, multireligiosi e caratterizzati da una significativa presenza musulmana.

Prerequisiti: 

Il corso richiede interesse per lo studio delle culture religiose e una buona preparazione in Storia moderna e contemporanea oltre che nelle materie sociologiche e della mediazione interculturale in genere. La frequenza dei corsi di Diritto comparto delle religioni e di Elementi di lingua turca è fortemente consigliato.

Il corso si sviluppa in dodici lezioni, dalla durata di tre ore ciascuna, per un totale di 36 ore.
Nell’a.a. 2017-2018 il corso affronterà le seguenti tematiche:
1) Muhammad, le origini dell’islam, i suoi pilastri, la prima “successione” al Profeta e la frattura tra sunniti e sciiti;
2) L’espansione del mondo musulmano: l’impero ottomano;
3) La decadenza dell’impero ottomano e la colonizzazione;
4) FOCUS SULLA TURCHIA;
5) La decolonizzazione: il fallimento degli stati arabo-musulmani;
6) Le “primavere arabe” – FOCUS SULLA TUNISIA
7) FOCUS SULL’EGITTO
8) FOCUS SUL MAROCCO
9) L’islam europeo: i “modelli” francese e britannico
10) Le “seconde generazioni”: difficoltà, fatiche e speranze delle nuove generazioni musulmane
11) INCONTRIAMO UN TESTIMONE
12) L’islam in Italia

Dato l’alto numero dei frequentanti, il corso si sviluppa prevalentemente attraverso lezioni frontali, volte ad illustrare principi, istituti, concetti e percorsi inerenti ai diversi temi trattati. È in ogni caso fortemente incoraggiata la partecipazione attiva attraverso interventi e domande.
La lezione è coadiuvata dall’ausilio di materiali audio-video, presentazioni power point, tutti regolarmente caricati sulla piattaforma e-learning.
Le lezioni possono poi essere arricchite dal contributo di conoscenze e saperi specialistici offerti da ospiti, italiani o stranieri, provenienti dall’accademia, dalle comunità musulmane, dalla pubblica amministrazione o dal mondo del volontariato sociale.

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Per i frequentanti si prevede una prova scritta finale consistente in cinque domande aperte valutate con punteggio da 0 a 6 per ciascuna domanda relativa ai temi trattati a lezione ed a quelli contenuti sui libri di testo indicati come obbligatori per lo studio. È considerata accettabile la prova la cui valutazione complessiva sia di almeno 18 punti. Il voto finale è espresso in trentesimi e tiene conto, ad un tempo, della capacità ad esporre sinteticamente e ordinatamente risposte precise ed esaustive.
Nel caso di insoddisfazione circa l’esito finale della prova, lo studente frequentante potrà sostenere in forma orale l’appello d’esame successivo (cfr.infra).
Per i non frequentanti e per i frequentanti che non abbiano superato una prima prova scritta e che intendano sostenere un secondo esame in forma orale, l’esame orale sarà condotto secondo la modalità del cono rovesciato: una domanda generale, seguita da alcune domande più specifiche che aprono, a loro volta, ulteriori percorsi di approfondimento. La valutazione dell’apprendimento terrà conto dell’esattezza e qualità delle risposte, della padronanza nell’utilizzo della terminologia impiegata nonché della capacità di giustificare, argomentando in modo persuasivo, le affermazioni e le opinioni.

PER I FREQUENTANTI: A. Angelucci, M. Bombardieri, D. Tacchini, Islam e integrazione in Italia, Marsilio, Padova ultima edizione e tutti i materiali di volta in volta inseriti sulla piattaforma e-learning
PER I NON FREQUENTANTI TUTTI I SEGUENTI TESTI:
- A. Angelucci, M. Bombardieri, D. Tacchini, Islam e integrazione in Italia, Marsilio, Padova, ultima edizione;
- Paolo Branca, I musulmani, Il Mulino, Bologna ultima edizione;
- Leila El Houssi, Il risveglio della democrazia.La Tunisia dall’indipendenza alla transizione, Carocci, Roma 2014.

-

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2014/2015

A.A. 2013/2014