ECONOMIA DEL TURISMO

A.A. di erogazione 2019/2020

Laurea triennale in SCIENZE DEL TURISMO
 (A.A. 2017/2018)
L'insegnamento è condiviso, tecnicamente "mutuato" con altri corsi di laurea, consultare il dettaglio nella sezione Mutuazioni
Anno di corso: 
3
Tipologia di insegnamento: 
Affine/Integrativa
Settore disciplinare: 
ECONOMIA POLITICA (SECS-P/01)
Crediti: 
8
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
50
Dettaglio ore: 
Lezione (50 ore)

Il corso si propone di fornire il quadro informativo, gli schemi logici e una basilare conoscenza degli strumenti analitici utili per comprendere il funzionamento dei mercati turistici attraverso l'analisi delle interazioni fra turisti, imprese della ricettività e dei trasporti, enti pubblici responsabili di gestire politiche per il turismo e il territorio. L’insegnamento è suddiviso in due parti.
La prima parte (docente Umberto Galmarini) è dedicata all'analisi economica dei mercati turistici, in particolare all'analisi delle strategie di "revenue management" utilizzate dalle imprese turistiche (ad esempio, alberghi, o compagnie aeree) per competere sul mercato con l'obiettivo di massimizzare i propri ricavi: strategie e tecniche di differenziazione orizzontale e verticale dei servizi turistici, di differenziazione temporale dei prezzi (last minute), di overbooking. L'obiettivo formativo non è quello, troppo ambizioso per un insegnamento di laurea triennale, di mettere in condizione lo studente di gestire in modo autonomo strategie di revenue management, quanto quello di fornire adeguata consapevolezza critica delle logiche e dei meccanismi sottesi alle strategie di gestione delle prenotazioni e dei prezzi che le imprese turistiche di media e grande dimensione mettono in atto attraverso programmi gestionali e algoritmi dedicati.
La seconda parte del corso (docente Flavia Cortelezzi) prende in esame, in un'ottica macroeconomica, le dimensioni economiche del settore turistico e il ruolo del turismo come volano del sistema economico e dello sviluppo economico. La trattazione dei temi generali è accompagnata, per dare concretezza all'esposizione, all'analisi di alcuni case studies. L’obiettivo è quello di mettere in condizione lo studente di ricercare, esaminare e valutare criticamente in modo autonomo i dati statistici sui flussi turistici nazionali e internazionali, ed elaborarli in funzione delle finalità prescelte sotto forma di tabelle o grafici. La capacità di leggere e interpretare i fenomeni turistici costituisce infatti un tipo di competenza trasversale a tutte le figure professionali che il corso di studio intende formare.

I prerequisiti consistono nella conoscenza dei concetti di base dell’economia politica e di alcune nozioni di matematica e di statistica elementare. Il superamento dell’esame di Economia politica è propedeutico all’esame di Economia del turismo. Non è obbligatorio, ma utile, aver superato l’esame di Statistica sociale.

PRIMA PARTE (20 ore, Umberto Galmarini)
1. Eterogeneità e pluralità del prodotto turistico.
2. La funzione di domanda di una destinazione turistica e delle tipologie di turismi.
3. Il problema del coordinamento delle attività in una destinazione turistica (caso base: Mercato di monopolio; estensione: Oligopolio con differenziazione orizzontale dei servizi turistici).
4. Prezzo, qualità, affollamento, e domanda della destinazione turistica. Caso I: Fuga dalla folla. Caso II: Attrazione per la folla.
5. Mercati ed efficienza economica: surplus dei consumatori-turisti, struttura dei costi di erogazione dei servizi turistici, numero di imprese operanti sul mercato.
6. Revenue Management, competizione ed efficienza in oligopolio. Differenziazione verticale del prodotto turistico. Differenziazione temporale dei prezzi e last minute. Un modello per l’analisi dell’overbooking.

SECONDA PARTE (30 ore, Flavia Cortelezzi)
1. Analisi Macroeconomica del turismo. Il modello del moltiplicatore turistico. Il turismo nelle teorie dello sviluppo economico.
2. Il turismo internazionale.
3. Le determinanti dei flussi turistici: il modello ricardiano dei vantaggi comparati.
4. Le determinanti dei flussi turistici: il modello di dotazione dei fattori produttivi.
5. Concorrenza imperfetta e turismo internazionale.
6. Il turismo sostenibile.
7. Il Caso degli Ecomusei come nuovo strumento di sviluppo del turismo nel territorio.
8. L'intervento dello Stato e l'organizzazione pubblica del turismo.

Il corso prevede 50 ore di lezioni frontali, interamente impartite dai docenti titolari del corso.

L’esame è scritto. Le domande, a risposta aperta, possono riguardare l'enunciazione di definizioni, l’esposizione di concetti, l'illustrazione di modelli economici, il commento di tabelle di dati. L'obiettivo è quello di valutare la capacità di leggere e interpretare fenomeni e problemi economici del settore turistico attraverso gli strumenti dell'analisi economica. La prova è composta da sei domande, tre per ciascuna parte del corso, e lo studente deve rispondere, in due ore di tempo, a quattro domande, due per ciascuna parte del corso. Di regola, agli studenti che che superano la prova scritta la commissione d'esame propone un voto da verbalizzare. Tuttavia, se la commissione ne ha la necessità per perfezionare la valutazione finale, chiede allo studente di integrare la prova scritta con un breve colloquio orale. Sia agli studenti che hanno superato la prova scritta, sia (a maggior ragione) a quelli che non l'hanno superata, la commissione fornisce una spiegazione dei criteri di valutazione utilizzati per l'attribuzione del giudizio finale.

Candela Guido, Paolo Figini (2010). Economia del Turismo e delle Destinazioni, McGraw-Hill, Milano (seconda edizione).
Candela Guido, Paolo Figini (2005). Economia dei Sistemi Turistici, McGraw-Hill, Milano
AAVV (2019). Turismo in Italia: numeri e potenziale di sviluppo. Questioni di Economia e Finanza. Banca d’Italia

Indicazioni dettagliate sui paragrafi da studiare dei libri di testo sono fornite nella “Scaletta delle lezioni” disponibile presso la piattaforma e-learning del corso, dove disponibili anche ulteriori materiali didattici.

I docenti ricevono gli studenti in ufficio presso la “Manica Lunga”, 1° piano, del chiostro di S. Abbondio, secondo il calendario esposto in bacheca e sul sito web di Dipartimento. Per appuntamenti o per richieste di informazioni si possono contattare i docente via e-mail agli indirizzi flavia.cortelezzi@uninsubria.it e umberto.galmarini@uninsubria.it

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2019/2020

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2018/2019

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2016/2017

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2015/2016

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2014/2015

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2013/2014

Anno di corso: 3
Curriculum: PERCORSO COMUNE