Università degli studi dell'Insubria

Diritto commerciale e penale dell'impresa

A.A. di erogazione 2017/2018

 (A.A. 2017/2018)

Docenti

Anno di corso: 
1
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Settore disciplinare: 
DIRITTO COMMERCIALE (IUS/04)
Crediti: 
8
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
50
Dettaglio ore: 
Lezione (50 ore)

Il corso si propone di fornire le nozioni di base delle principali normative, di natura civile e penale, che regolano l’organizzazione, il funzionamento e l’attività delle imprese, allo scopo di apprezzarne le caratteristiche essenziali, nonché di cogliere le più ricorrenti problematiche applicative che gli operatori impegnati al loro interno si trovano a dover risolvere. La prospettiva adottata tiene conto, in particolare, dell’attività e dell’organizzazione d’imprese destinate ad operare in una dimensione transnazionale e pertanto le normative saranno esaminate con frequenti riferimenti alla comparazione di ordinamenti.
Al termine, lo studente è chiamato a dimostrare di possedere competenze appropriate in relazione alla disciplina generale dell’impresa individuale e collettiva.
Il corso intende promuovere, nello studente, la capacità di assimilare le discipline in chiave funzionale alla loro applicazione in contesti aziendali, istituzionali e professionali nei quali potranno operare e lo sviluppo di tali attitudini sarà coltivato anche attraverso l’esame e la predisposizione di testi e documenti di più frequente uso nelle attività considerate (bozze di contratti, delibere, documenti societari, modelli organizzativi) anche allo scopo di sviluppare la capacità interpretativa ed argomentativa in ambito giuridico.
Il corso si propone altresì di promuovere nello studente la conoscenza e la capacità di utilizzare in modo appropriato il linguaggio tecnico e specialistico delle materie esaminate, con particolare attenzione al lessico straniero, di prevalente derivazione anglosassone, di uso più frequente nelle attività considerate.

Nessuno.

In particolare, il programma comprende:
I MODULO (prof.ssa Serenella ROSSI)
Il modulo ha per oggetto i contenuti della disciplina generale delle imprese e delle normative che regolano la loro attività con particolare riguardo:
a) alle nozioni, alle categorie ed ai modelli organizzativi delle imprese;
b) al finanziamento delle imprese;
c) alle contrattazione d’impresa;
d) alla contabilità d’impresa;
e) alla crisi dell’impresa;
f) alla concorrenza e ai diritti di proprietà intellettuale;
g) ai mercati finanziari.

II MODULO (prof.ssa Chiara PERINI)
Il modulo ha per oggetto i lineamenti del diritto penale dell’impresa – in prospettiva criminologica, politico-criminale e normativa – con particolare riguardo:
a) alla nozione di “criminalità dei colletti bianchi”;
b) alla responsabilità penale dell’impresa;
c) ai principali reati societari (False comunicazioni sociali, Ostacolo all’esercizio delle funzioni di vigilanza, Infedeltà patrimoniale);
d) ai principali reati finanziari (Abuso di informazioni privilegiate, Manipolazione del mercato).

Il corso, della durata di 50 ore (di cui 30 dedicate al I° modulo e 20 al II° modulo) si svolge nel primo semestre attraverso 40 ore di lezione e 10 ore di esercitazione.
La didattica comprende:
- lezioni frontali, volte ad illustrare istituti del diritto dell’impresa e gli elementi essenziali delle normative richiamate, con particolare attenzione al lessico tecnico caratteristico delle materie esaminate;
- esercitazioni, dedicate all’esame e alla redazione di schemi contrattuali ed altri documenti con particolare attenzione al lessico, anche straniero, comunemente utilizzato in tali documenti.
E’ previsto che vengano caricati sulla piattaforma e-learning materiali giuridici e presentazioni power-point.
Allo scopo di indurre negli studenti una migliore comprensione dei fenomeni regolati dal diritto dell’impresa, il corso potrà essere integrato da alcune attività sviluppate nell’ambito del corso di Law and cinema – sezione “Diritto ed etica d’impresa”- ove le sceneggiature dei film selezionati per la proiezione fanno emergere fattispecie di rilevanza giuridica che vengono portate all’attenzione degli studenti per sollecitare una loro valutazione di tipo tecnico.

Le modalità di verifica dell’apprendimento consistono in un esame orale, con attribuzione del voto finale in trentesimi, vertente su tutto il programma. L’esame consiste in un colloquio teso all'accertamento dell’acquisizione e della corretta comprensione dei materiali didattici segnalati in precedenza, inclusi i documenti caricati sulla piattaforma e-learning.
Il voto finale terrà conto dell’esattezza e della qualità delle risposte, nonché della capacità dello studente di motivare adeguatamente le proprie affermazioni ed analisi. Verrà valutata in particolare la capacità:
a) di riferire i contenuti del programma in modo adeguato alle specificità della materia e secondo corretti canoni logico-sistematici;
b) di effettuare collegamenti, anche interdisciplinari, ai diversi aspetti trattati nel corso;
c) di rispondere ai quesiti teorici ed argomentare le proprie opinioni critiche facendo ricorso ad un linguaggio tecnico appropriato.
Durante lo svolgimento del corso, gli studenti possono effettuare, sui temi per i quali abbiano maturato maggiore interesse, specifici approfondimenti, anche attraverso una personale attività di ricerca e con l’assistenza del docente e dei suoi collaboratori. Ove gli studenti abbiano svolto questa attività, il relativo risultato (talora riassunto in brevi tesine scritte) potrà essere oggetto di discussione in sede d’esame e di valutazione ai fini dell’attribuzione del voto finale.

AAVV, Diritto delle imprese – Manuale breve – Giuffrè, ed. 2012 di cui cap. I, sez. 1, sez. 2, sez. 3 (fino a p. 120); cap. II, sez. 1 (da p. 89 a p. 120) , sez. 2 (da p. 125 a p. 130 e da p. 141 a p. 144); sez. 3; Cap. IV, sez 1, sez. 3; Cap. V, sez. 1 (fino a p. 308 e da p. 321 a p. 328), Cap. VI, sez. 1.
• CORAPI – DE DONNO SFORZA, Società – Diritto comparato e straniero, in Enc. Giur. Treccani, Roma 1993;
- DE DONNO SFORZA, Società – Diritto comparato e straniero, Postilla di aggiornamento, in Enc. Giur. Treccani, Roma 2001;
• CORAPI – DE DONNO - BENINCASA, Le procedure concorsuali in un’ottica comparatistica, in Trattato di diritto fallimentare e delle altre procedure concorsuali, V, Profili storici, comunitari, internazionali e di diritto comparato, Giappichelli, ed. 2014, limitatamente alla sez. VII, cap. I (da p. 384 a p. 401) e III (da p. 440 a p. 446).

Per il II modulo:
• MAZZACUVA – AMATI, Diritto penale dell’economia, III ed., CEDAM, 2016, limitatamente alle seguenti parti: Parte I; Parte II, Capitoli 1, 2 e 3; Parte IV.

Durante il corso saranno inoltre pubblicati nella piattaforma e-learning presentazioni power-point, nonché documenti e altri materiali destinati ad essere utilizzati nelle esercitazioni.

Orario di ricevimento
Il ricevimento è fissato immediatamente dopo la lezione. Le docenti sono peraltro disponibili a concordare una diversa sede ed una diversa ora previo contatto tramite e-mail.

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2019/2020

Anno di corso: 1
Curriculum: Traduzione giuridica ed economica

A.A. 2018/2019

Anno di corso: 1
Curriculum: Traduzione giuridica ed economica

A.A. 2016/2017

Anno di corso: 1
Curriculum: Traduzione giuridica ed economica

A.A. 2015/2016

Anno di corso: 1
Curriculum: Traduzione giuridica ed economica