Università degli studi dell'Insubria

DIRITTO PRIVATO COMPARATO

A.A. di erogazione 2016/2017

Laurea Magistrale Ciclo Unico 5 anni in GIURISPRUDENZA
 (A.A. 2015/2016)

Docenti

Anno di corso: 
2
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Sede: 
Como - Sant'Abbondio
Settore disciplinare: 
DIRITTO PRIVATO COMPARATO (IUS/02)
Crediti: 
12
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
70

Il corso si propone di introdurre lo studente alla conoscenza dei grandi sistemi giuridici vigenti, con particolare riguardo alla dicotomia civil law - common law, attraverso l’acquisizione delle basi del metodo di analisi comparatistica. Le esperienze prese in considerazione saranno quelle maggiormente esemplificative di entrambe le tradizioni, e quindi quella inglese e quella statunitense per i sistemi di common law, quella francese, tedesca e italiana per i sistemi di civil law. Lo studio dei diversi ordinamenti verrà affrontato in chiave storico-comparatistica, volta a evidenziare da un lato l'interazione tra diversi formanti del diritto - dottrina, giurisprudenza e legislazione - nella creazione delle norme e delle grandi classificazioni del diritto privato, dall'altro la diversità esistente nella formazione del giurista e di una particolare mentalità tipica dei common lawyer rispetto a quella dei civil lawyer. Particolare attenzione verrà inoltre dedicata all'assetto attuale delle fonti del diritto privato nei diversi sistemi giuridici presi in considerazione e al fenomeno della circolazione dei modelli giuridici. Infine, la parte finale del corso sarà dedicata al diritto dell’India moderna, tenendo conto del substrato tradizionale e la circolazione del modello di common law.

Si richiede una conoscenza appropriata del Diritto privato e del Diritto costituzionale.

Il programma del corso si articola nei seguenti moduli:

A Introduzione al diritto comparato.

1. Concezione del diritto comparato. 2. Sistemologia: mappatura dei principali sistemi giuridici mondiali e loro origine storica. 3. Metodologia della comparazione: 3.1 Analisi dissociata dei Formanti. 3.2. Studio della Circolazione dei modelli. 3.3. Analisi del Legal Process

B. Il modello di common law

1. La nascita del common law. 1.1 La conquista normanna dell'Inghilterra. 1.2 La creazione del sistema dei writs. 1.3 La serrata dei writs e la nascita delle actions on the case. 1.4 Remedies precede rights: la mentalità induttiva del giurista inglese. 1.5 La creazione delle Corti di Westminster. 1.6 Gli Inns of Court come istituzione alternativa alle università.

2. L'evoluzione di una giurisdizione di Equity. 2.1 I nuovi ricorsi al Re. 2.2 La figura del Cancelliere. 2.3 Equity follows the Law: i rapporti tra Equity e common law. 2.4 I rimedi tipici di Equity. 2.5 Il trust.

3. La formazione del giurista inglese. 3.1 La letteratura giuridica inglese. 3.2 Gli Year Books e i Reports. 3.3 La figura di Blackstone e il successo dei Commentaries.

4. I Judicature Acts 1873-75. 4.1 L'unificazione delle due giurisdizioni. 4.2 L'abolizione dei writs. 4.3 La riorganizzazione del sistema delle Corti.

5. L'assetto delle fonti del diritto inglese attuale. 5.1 Il precedente vincolante. 5.2 La legislazione. 5.3 La Law Commission. 5.4 La dottrina e le università.

6. L'arrivo del common law negli Stati Uniti. 6.1 Divergenze e convergenze rispetto alla matrice inglese. 6.2 La struttura federale. 6.3 La Costituzione scritta. 6.4 La judicial review.

7. La figura del giurista americano. 7.1 La riforma di Langdell e la nascita delle grandi università americane. 7.2 Il case-method. 7.3 La dottrina come formante leader: l'esempio della privacy.

8. La legislazione. 8.1 Il welfare state. 8.2 La c.d. "orgy of statute making". 8.3 A common law for the age of statutes. 8.4 L'assetto attuale delle fonti.

9. la discriminazione razziale dalla Guerra di secessione ai nostri giorni 9.1. dagli emendamenti alla Costituzione del 1865 9.2. Il principio di uguaglianza di fronte ai giudici: Plessy v. Ferguson e il principio “Equal but separate”. 9.3. Brown v. Topeka Board of Education e il superamento dei vecchi principi 2. Verso un principio sostanziale di uguaglianza anche nei rapporti interprivatistici: il Civil Rights Act del 1964

C. Il modello di common law in India

10. Il diritto indù e la tradizione vedica. Le fonti del diritto. Le leggi di Manu. Il sistema castale 10.1. L’invasione islamica dell’India 10.2. La dominazione del Raj britannico e l’esportazione del common in India 10.3. Gandhi e la non-violenza 10.4. L’ndipendenza e la Costituzione del 1950. 10.5. L’India post-indipendentista. 9.6. Il ruolo delle donne in India

A. Gambaro, R. Sacco, Sistemi giuridici comparati, UTET, Torino, ult. ed..

Durante il corso verranno volta a volta segnalati e messi a disposizione sulla piattaforma elearning i materiali di studio (presentazioni power-point, sentenze rilevanti, articoli di dottrina e casi pratici) da discutere a lezione.

Lettura consigliate per la parte monografica:

Lorenza Acquarone Tra Dharma e WTO – Un’introduzione al sistema giuridico dell’India, Edizioni Unicopli, 2015.

Domenico Francavilla, Il diritto nell’India contemporanea, Giappichelli, Torino, 2010.

Modalità di verifica dell’apprendimento

Le modalità di verifica dell’apprendimento consistono in un esame orale, con attribuzione del voto finale in trentesimi, vertente sull’intero programma del corso.

Per gli studenti non frequentanti è richiesto lo studio del manuale indicato per la parte concernente il programma e della lettura consigliata per quanto concerne la parte monografica sull’India.

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2016/2017

Anno di corso: 2
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2015/2016

Anno di corso: 2
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2014/2015

Anno di corso: 2
Curriculum: PERCORSO COMUNE