Università degli studi dell'Insubria

PALEOECOLOGIA

A.A. di erogazione 2016/2017

Laurea Magistrale in SCIENZE AMBIENTALI
 (A.A. 2016/2017)
Anno di corso: 
1
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Settore disciplinare: 
PALEONTOLOGIA E PALEOECOLOGIA (GEO/01)
Crediti: 
6
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' frontale: 
60
Dettaglio ore: 
Lezione (60 ore)

Conoscenza delle caratteristiche dei fossili che li rendono indicatori paleoecologici, di come la ricostruzione del modo di vita degli antichi organismi unitamente ai dati sedimentologici e paleobiogeografici possa documentare l’evoluzione della diversità, le pressioni selettive che portano alle successioni e delle comunità biotiche. La cui conoscenza rappresenta la base per l'elaborazione di modelli interpretativi volti a spiegare delle grandi crisi biologiche quali le estinzioni di massa.

Capacità di interpretare una orictocenosi (equivalente fossile della comunità vivente, biocenosi) ricavandone, con l’ausilio dei dati sedimentologici, un quadro generale dell’ambiente in cui vissero gli organismi di cui si ritrovano i fossili e delle cause che ne hanno consentito la conservazione.

Utile, ma non necessario, aver seguito il corso di Paleontologia nel corso di laurea triennale, non necessario in quanto nelle lezioni introduttive vengono ripresi i concetti base necessari alla comprensione dei contenuti del corso. Conoscenze di base di Zoologia, Botanica e Geologia

Introduzione Come si formano i fossili, Giacimenti a conservazione eccezionale (fossil Lagertstaetten) definizione e tipi (concentrazione, conservazione, ecc.); Metodi di scavo (in roccia, in sedimento inconsolidato) e preparazione.

Introduzione alla Paleoecologia I fossili come indicatori paleoambientali: Esempi; Testimonianze fossili di dieta, Le piante come indicatori paleoambientali, Le tracce fossili, significato e classificazione, Ambienti salmastri e poveri/privi di ossigeno, Le scogliere biocostruite, struttura ed importanza come indicatori ambientali/ paleoambientali La morfologia funzionale come strumento per la ricostruzione paleoambientale

Le successioni ambientali nel passato; Evoluzione delle comunità vegetali, Evoluzione delle comunità animali del Triassico, Evoluzione delle comunità a mammiferi del Terziario superiore; Interscambi faunistici, scomparsa della megafauna.

Modelli interpretativi Le grandi crisi biologiche, cause ed effetti; Il coadattamento e il rapporto/coevoluzione organismi-habitat (modelli a confronto).

Lagerstaetten famosi paleoambiente ed ambiente di deposizione Burgess, Chenjiang, Sirius Passet ed Orsten; Monte San Giorgio; Calcare di Zorzino; Solnhofen; Holzmaden;Santana Formation, Karoo, Liaoning, Messel, Morrison, Guizhou, Mongolia, Libano, Ischigualasto, Osteno.

Slides a disposizione dello studente (sul sito personale docente), Serpagli Raffi Introduzione alla Paleontologia UTET 2003.

Cerchi il programma? Potrebbe non essere ancora stato caricato o riferirsi ad insegnamenti che verranno erogati in futuro.
Seleziona l‘anno in cui ti sei immatricolato e troverai le informazioni relative all'insegnamento del tuo piano di studio.

A.A. 2019/2020

Anno di corso: 1
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2018/2019

Anno di corso: 1
Curriculum: PERCORSO COMUNE
Anno di corso: 1
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2017/2018

Anno di corso: 1
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2015/2016

Anno di corso: 1
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2014/2015

Anno di corso: 1
Curriculum: PERCORSO COMUNE

A.A. 2013/2014

Anno di corso: 1
Curriculum: PERCORSO COMUNE