Università degli studi dell'Insubria

BIOTECNOLOGIE MOLECOLARI E INDUSTRIALI

Coordinatore - Presidente
Crediti: 120
Durata: 2

schede informative

Fonte : testo redazionale
Fonte : Sua-CdS - quadro A4.a

Il Corso di Laurea Magistrale in Biotecnologie Molecolari e Industriali si propone come obiettivo formativo di fornire allo studente una adeguata conoscenza in campo scientifico-tecnologico, la padronanza delle metodologie professionali che lo qualifichino a svolgere ruoli di elevata responsabilità nella ricerca, nello sviluppo di progetti, prodotti e processi orientati in diversi settori di applicazione delle biotecnologie di interesse industriale.
I laureati nel Corso di Laurea in Biotecnologie devono:
• avere familiarità con il metodo scientifico sperimentale sui sistemi biologici;
• essere in grado di lavorare con ampia autonomia, anche assumendo responsabilità di progetti e strutture, sviluppando nel contempo abilità di lavoro di gruppo;
• possedere conoscenze di fisica, chimica, informatica e statistica;
• possedere conoscenze scientifiche e tecnologiche fondamentali nei vari campi delle biotecnologie industriali e in particolare in quelli collegati all'uso delle proteine come materiale biotecnologico (e.g. dall'enzimologia alla biocatalisi);
• padroneggiare piattaforme tecnologiche specifiche, come ad esempio: ingegneria genetica, proteica e metabolica, individuazione di bersagli molecolari, modellistica molecolare, tecniche di fermentazione e di bioconversione per la produzione di piccole molecole, fermentazione di proteine di interesse (enzimi, vaccini, ecc.) con ceppi ingegnerizzati in microrganismi, in cellule animali e vegetali;
• possedere conoscenze nelle culture di contesto, con particolare riferimento ai temi dell'economia e della gestione aziendale, della valorizzazione della proprietà intellettuale, della bioetica, della sociologia e della comunicazione;
• essere in grado di utilizzare fluentemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell'Unione Europea oltre l'italiano, con riferimento anche ai lessici disciplinari.

Il percorso formativo vede una concentrazione degli insegnamenti con modalità a lezione frontale nel primo anno. Oltre la metà del secondo anno sarà lasciata libera da insegnamenti per permettere una costante attività di laboratorio (di durata di norma annuale) finalizzata alla stesura della tesi.

Fonte : Sua-CdS - quadro A4.c
Autonomia di giudizio: 

L'attività seminariale e di Journal Club compresa nei corsi di insegnamento ha la funzione di sviluppare le capacità di valutazione autonoma dei testi scientifici. Anche l'attività di laboratorio e la stesura della relazione finale rappresenteranno opportunità per migliorarare le capacità di valutazione critica dei dati sperimentali e la loro interpretazione. Queste attività saranno mirate all'acquisizione da parte dello studente di capacità di formulare giudizi autonomi, in relazione alla ideazione, alla conduzione e agli esiti di progetti di lavoro, all'uso della strumentazione e all'interazione con il personale tecnico addetto, nonché in relazione a temi sociali ed etici connessi al settore delle biotecnologie. In particolare il laureato magistrale in Biotecnologie Molecolari e Industriali:
- saprà scegliere le procedure sperimentali e le tecniche strumentali più appropriate per la determinazione strutturale e funzionale delle biomolecole di interesse;
- sarà in grado di valutare il rapporto costo-beneficio e l'impatto ambientale nella progettazione/pianificazione/attuazione di processi per la produzione di biobeni;
- durante lo svolgimento del progetto di tesi sperimentale, sarà in grado di analizzare i problemi e scegliere gli approcci metodologici più efficaci per la risoluzione ottimale degli stessi in un contesto di ricerca biotecnologica.

Fonte : Sua-CdS - quadro A4.c
Abilità comunicative: 

I Laureati magistrali acquisiscono la capacità di comunicare informazioni, idee, problemi e soluzioni relativi agli ambiti delle Biotecnologie molecolari ad interlocutori specialisti e non specialisti tramite la stesura di relazioni in sede di verifica del profitto (seminari), mediante la presentazione di articoli scientifici (Journal Club) e di "progress report" ad illustrazione degli sviluppi del loro lavoro di ricerca per la stesura della tesi di laurea. Il periodo di tirocinio in laboratorio consentirà inoltre di acquisire la capacità di interagire con collaboratori e personale tecnico.

Fonte : Sua-CdS - quadro A4.c
Capacità di apprendimento: 

Il laureato in Biotecnologie Molecolari e Industriali dovrà accrescere l'attitudine allo studio ed all'aggiornamento scientifico e professionale, che si esercitino anche dopo il conseguimento della Laurea Magistrale, in particolare per esempio nella consultazione di banche dati specialistiche, nell'apprendimento di tecnologie innovative, nell'acquisizione di strumenti conoscitivi avanzati per l'aggiornamento continuo delle conoscenze. Dovrà inoltre acquisire l'abitudine all'aggiornamento ed alla valutazione di disposizioni normative, di situazioni economiche e di argomenti di carattere etico. La capacità di apprendimento dei laureati in questa classe magistrale va anche interpretata alla luce delle prospettive, non necessariamente esclusive, di accesso ad un ulteriore livello di formazione (master, dottorato di ricerca) e di sviluppo e organizzazione di percorsi di autoapprendimento che consentono la formazione professionale permanente.

Insegnamenti proposti per gli anni successivi
Insegnamenti degli anni precedenti (al max conclusi negli anni precedenti)
Insegnamenti attivi nell'anno in corso
Anno di corso: 2 (A.A. 2019/2020)
In tutte le sedi