Università degli studi dell'Insubria

MATEMATICA

Coordinatore - Presidente
Crediti: 180
Durata: 3 Anni

schede informative

Fonte : testo redazionale
Fonte : Sua-CdS - quadro A3.b

L'immatricolazione al corso di laurea Triennale in Matematica è ad accesso libero. E' obbligatorio il sostenimento di una prova nazionale di ingresso, non selettiva, per verificare la preparazione iniziale dello studente. Il corso di laurea aderisce al “Coordinamento delle prove di verifica delle conoscenze per i corsi di laurea scientifici” organizzato dalla Conferenza Nazionale dei Presidenti e dei Direttori delle Strutture Universitarie di Scienze e Tecnologie (con.Scienze) in collaborazione con il Piano Nazionale Lauree Scientifiche del MIUR e con il CISIA - Consorzio interuniversitario Sistemi Integrati per l'Accesso (http://testingressoscienzepls.cineca.it/). Pertanto gli studenti potranno sostenere il test in una qualunque delle sedi che aderiscono al Coordinamento delle prove di verifica, anche in una sessione anticipata rispetto al periodo delle immatricolazioni. La prova si tiene secondo il calendario definito dalla struttura didattica di riferimento sulla base delle sessioni stabilite.
La prova consiste in domande a risposta multipla: per ciascun quesito sono proposte 5 risposte possibili di cui una sola corretta. Il modulo obbligatorio, Matematica di base, prevede 20 quesiti da svolgersi in 50 minuti.
Lo studente può inoltre scegliere un modulo facoltativo su tre disponibili basati, ciascuno, su un set diverso di discipline scientifiche. La prova si considera superata se lo studente risponde correttamente ad almeno 10 delle 20 domande contenute nel modulo di Matematica di base (negli anni precedenti al 2017/18 il modulo di matematica di base del test erogato da ConScienze contemplava 25 domande e si considerava superato se lo studente rispondeva correttamente a 12 domande su 25, come riportato nel quadro A3.a).
Diversamente allo studente saranno assegnati degli OFA (obblighi formativi aggiuntivi) da assolvere entro il primo anno di corso.
Se lo studente non dovesse superare il test di verifica in nessuna delle sessioni attivate, gli OFA verranno considerati automaticamente assolti quando lo studente avrà superato uno degli esami di matematica previsti dal regolamento didattico.
L'iscrizione al secondo anno è in ogni caso vincolata all'assolvimento degli OFA entro il 30 settembre dell'anno solare successivo a quello di immatricolazione.

Fonte : SuA-Cds – quadro A2.a

Matematico: Per le sua solida formazione di base e attitudine al ragionamento rigoroso, il laureato in Matematica trova impiego presso strutture pubbliche o private con mansioni di supporto matematico/modellistico, in particolare in ambito economico, bancario, assicurativo, informatico, statistico, tecnologico e di comunicazione della cultura scientifica.
Funzione in un contesto di lavoro:•supporto matematico e modellistico-applicativo ad attività industriali, attività nella finanza, nei servizi, nella pubblica amministrazione e nella diffusione della cultura scientifica.
•applicazione di metodi scientifici di indagine
•utilizzo della conoscenza matematica per la soluzione di problemi pratici
• trasferimento della conoscenza matematica in ambito industriale, nel settore della ricerca scientifica e della produzione di beni e servizi
• partecipazione alle attività rivolte alla diffusione della cultura matematica
• partecipazione a gruppi di lavoro o di ricerca
• realizzazione di simulazioni al computer
•formazione/informazione per personale specializzato

Competenze associate alla funzione:•capacità di realizzare ed impiegare modelli matematici anche in ambiti diversi da quello scientifico
•competenze computazionali e informatiche;
•conoscenza delle metodiche disciplinari e capacita’ di comprendere e utilizzare descrizioni e modelli matematici di situazioni concrete di interesse scientifico o economico;
•conoscenza di almeno una lingua dell'Unione Europea oltre l'italiano, nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali;
•possesso di adeguate competenze e strumenti per la comunicazione e la gestione dell'informazione;
•capacita’ di lavorare in gruppo, di operare con definiti gradi di autonomia e di inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro.
•conoscenza dei fondamenti della matematica e delle sue principali applicazioni

Sbocchi professionali:
•ricercatore nelle divisioni Ricerca e Sviluppo di industrie con impatto tecnologico, anche nel campo dell'elettronica, delle telecomunicazioni, della logistica.
•operatore nel campo della divulgazione della cultura scientifica con riferimento ai diversi aspetti, teorici e applicativi, della matematica classica e moderna
•operatore nello sviluppo di modelli matematici e finanziari presso banche, imprese finanziarie o assicurative
•un ulteriore sbocco professionale consiste nel proseguimento degli studi attraverso una laurea magistrale, in special modo la Laurea Magistrale in Matematica LM-40

Fonte : SuA-Cds – quadro A2.b
Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT): 
  • Matematici - 2.1.1.3.1
Insegnamenti proposti per gli anni successivi
Insegnamenti degli anni precedenti (al max conclusi negli anni precedenti)
Insegnamenti attivi nell'anno in corso
Anno di corso: 1 (A.A. 2018/2019)
In tutte le sedi

Insegnamento obbligatorio

Anno di corso: 2 (A.A. 2019/2020)
In tutte le sedi

Insegnamento obbligatorio

Anno di corso: 3 (A.A. 2020/2021)
Fonte : Sua-CdS - quadro A5.b

La prova finale consiste nella presentazione e discussione davanti ad un'apposita commissione di laurea di una tesi di argomento monografico.
Alla prova finale si attribuirà un numero di punti variabile da 0 a 4, a seconda della qualità della tesi e dell'esposizione. Per la determinazione del voto di laurea si adotta la seguente procedura.
Si pone

• x = punteggio attribuito alla prova finale
• y = 1 per chi si laurea in corso (entro la seduta di marzo), 0 altrimenti
• w = 1 se la media degli esami è superiore a 26, 0 altrimenti
• z = 1 se ci sono almeno tre lodi negli esami del biennio, o se nessun voto è inferiore a 22, 0 altrimenti
Si pone poi
• V=x+y+w+z
• M = media ponderata delle votazioni riportate negli esami di profitto espressa in 110mi
La valutazione finale sarà data da,
min{110, M+ V).
Nel caso in cui il punteggio raggiunto sia di 110 il Presidente deve porre in discussione la possibilità di assegnazione della Lode, per la quale è richiesta l'unanimità dei pareri.