Università degli studi dell'Insubria

SCIENZE E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE

Coordinatore - Presidente
Crediti: 120
Durata: 2 Anni

schede informative

Fonte : testo redazionale
Fonte : SuA-Cds – quadro A2.a

ADDETTO ALLE RELAZIONI CON IL PUBBLICO
L’addetto alle relazioni con il pubblico è un professionista che, dotato di competenze culturali interdisciplinari, si occupa della comunicazione nelle imprese, nelle aziende private, nelle strutture pubbliche. Nella Pubblica amministrazione garantisce l’attività di informazione, consulenza, orientamento e assistenza di utenti e/o clienti, gestisce le procedure per la concreta conoscenza dei diritti di accesso e di partecipazione ai procedimenti amministrativi e ai servizi dell’ente pubblico.

Funzione in un contesto di lavoro:L’addetto alle relazioni con il pubblico si occupa della redazione dei testi per i comunicati agli organi di stampa e ne controlla le fasi di trasmissione; cura la rassegna stampa, organizza conferenze stampa, occupandosi sia degli aspetti operativi (inviti, luoghi, orari, relatori) sia della selezione delle notizie da divulgare.
Competenze associate alla funzione:Conoscenze culturali interdisciplinari e competenze mirate alla realizzazione di prodotti di informazione (sotto forma di comunicati stampa), in italiano e inglese, indirizzati al pubblico e alle testate giornalistiche.
Capacità relazionali nei diversi contesti, dalla pubblica amministrazione all’ambito aziendale ed al mondo dell’informazione.

Sbocchi professionali:
L’addetto alle relazioni con il pubblico trova sbocchi occupazionali in realtà diversificate: enti pubblici, aziende, testate giornalistiche; può lavorare anche come libero professionista.
PUBBLICISTA
Il pubblicista è una figura professionale che collabora con testate giornalistiche (carta stampata, media audiovisivi, web) mettendo a disposizione le proprie competenze specifiche o interdisciplinari per divulgare notizie, informazioni, inchieste attraverso i diversi canali di comunicazione di massa.

Funzione in un contesto di lavoro:Il pubblicista si occupa della raccolta di notizie, di interviste, della selezione di dati e della stesura di articoli, recensioni, cronache, o ancora dell’allestimento di servizi radiofonici, televisivi, di reportage.
Competenze associate alla funzione:Conoscenze culturali interdisciplinari, fondamentali per interpretare, sintetizzare e divulgare contenuti e informazioni riferite sia alla sfera della cultura umanistica che all’ambito scientifico.
Capacità di sintesi e di elaborazione scritta, necessarie per la realizzazione di prodotti testuali (sotto forma di articoli destinati alla carta stampata e al web), sia in lingua italiana che inglese.

Sbocchi professionali:
Il pubblicista può trovare impiego presso – o collaborare con – agenzie di stampa e redazioni di giornali quotidiani e periodici, radio-televisioni pubbliche e private, giornali elettronici.
REDATTORE EDITORIALE
Il redattore editoriale è una figura professionale che, dotato di competenze culturali interdisciplinari, partecipa alla realizzazione, in tutte le sue fasi, di un prodotto editoriale, sia tradizionalmente legato ai processi di stampa cartacea, sia con un profilo innovativo, cioè connesso alle nuove tecnologie della comunicazione e quindi alla realizzazione di prodotti editoriali audiovisivi e informatici.

Funzione in un contesto di lavoro:La figura del redattore editoriale svolge compiti di coordinamento tra le varie fasi di produzione di un prodotto editoriale con determinanti funzioni culturali e progettuali; segue la lavorazione del prodotto editoriale dalla sua ideazione fino alla sua realizzazione come oggetto finito.
Competenze associate alla funzione:Conoscenze culturali, unite a capacità organizzative e creative, per la realizzazione di prodotti editoriali riferiti a differenti ambiti disciplinari.
Capacità di coordinamento di gruppi di lavoro e attitudine all’organizzazione delle diverse fasi nelle quali si articola la realizzazione di prodotti editoriali.

Sbocchi professionali:
Il redattore editoriale può impiegarsi presso società di servizi editoriali tradizionali e on line, presso case editrici, giornali quotidiani, periodici, giornali on line nonché presso amministrazioni pubbliche e imprese private.
AUTORE TESTI RADIO-TELEVISIVI
L’autore di testi radio-televisivi svolge attività di ideazione e di scrittura di testi e sceneggiature per produzioni e programmi radiofonici e televisivi culturali, di intrattenimento e di informazione.

Funzione in un contesto di lavoro:L’autore di testi radio-televisivi svolge attività di ideazione e di scrittura di testi e sceneggiature per produzioni e programmi radiofonici e televisivi culturali, di intrattenimento e di informazione.
Competenze associate alla funzione:Capacità creative per la realizzazione di prodotti (testuali, audiovisivi, editoriali, di intrattenimento) adeguate alle diverse situazioni comunicative, oltre a capacità di sintesi per poter tradurre in forma originale e coerente l’oggetto della proposta radio-televisiva.
Capacità di lavoro in autonomia e in gruppo.

Sbocchi professionali:
L’autore di testi radio-televisivi può impiegarsi presso società di servizi editoriali, enti radiofonici, tv pubbliche e private, siti web.
OPERATORE DELLA COMUNICAZIONE AUDIOVISIVA
L’operatore della comunicazione audiovisiva comprende un insieme di figure che collaborano alle diverse fasi della realizzazione di prodotti audiovisivi, contando in particolar modo su competenze relative alla comunicazione visiva e alle tecniche di ripresa e di montaggio.

Funzione in un contesto di lavoro:L’operatore della comunicazione audiovisiva si occupa di partecipare alle diverse fasi di progettazione e di coordinamento della produzione di supporti di comunicazione e di sistemi documentali multimediali con tecnologie audiovisive e digitali.
Competenze associate alla funzione:Competenze tecniche relative alle attività di ripresa, montaggio ed editing di filmati, sia nella tipologia del cortometraggio che del messaggio pubblicitario in forma video.
Capacità creative, soprattutto in fase di ripresa delle immagini che andranno a costituire il prodotto finale.
Capacità di lavoro in autonomia e in gruppo.

Sbocchi professionali:
Questa figura professionale può essere esercitata in diversi campi: dalla comunicazione istituzionale e imprenditoriale, alla formazione, divulgazione scientifica e massmediale, alle imprese, enti di formazione, editoria multimediale, aziende radiotelevisive, istituti di beni culturali e ambientali.
MEDIA EDUCATOR
Il media educator è una nuova figura professionale che svolge l’importante attività di formatore con conoscenze sui media (cinema, TV, internet). Poiché i media influenzano oggi l’ambiente in cui viviamo e la formazione dell’opinione, il media educator ha il compito di collaborare alla realizzazione di prodotti mediali per la formazione ed educazione di diverse categorie di utenti ad un uso critico e competente dei media.

Funzione in un contesto di lavoro:Il media educator gestisce percorsi formativi nel campo dei media e delle nuove tecnologie, effettua una analisi e un’accurata riflessione sul rapporto fra sistemi di comunicazione e processi sociali; sa individuare, altresì, tecniche e strategie operative da impiegare nell’intervento specifico, nell’ottica di un miglioramento della qualità e dell’efficacia dei servizi mediatici.
Competenze associate alla funzione:Conoscenze culturali interdisciplinari, soprattutto nell’ambito dei mezzi di comunicazione di massa nelle loro differenti declinazioni.
Capacità didattiche e formative necessarie per gestire percorsi ad hoc, incentrati sull’utilizzo consapevole dei media e sulla comprensione del ruolo degli stessi nella formazione dell’opinione pubblica.
Capacità di coinvolgimento degli utenti dei percorsi formativi sui media, attraverso tecniche didattiche fondate sull’utilizzo di prodotti multimediali.

Sbocchi professionali:
Il media educator può trovare uno sbocco professionale, in strutture scolastiche, in aziende pubbliche e private, in organizzazioni di volontariato oltre che presso case di produzione televisive e multimediali.

Fonte : SuA-Cds – quadro A2.b
Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT): 
  • Specialisti delle pubbliche relazioni, dell'immagine e professioni assimilate - 2.5.1.6.0
  • Dialoghisti e parolieri - 2.5.4.1.2
  • Redattori di testi per la pubblicità - 2.5.4.1.3
  • Redattori di testi tecnici - 2.5.4.1.4
  • Revisori di testi - 2.5.4.4.2
  • Bibliotecari - 2.5.4.5.2
  • Curatori e conservatori di musei - 2.5.4.5.3
  • Sceneggiatori - 2.5.5.2.4
Fonte : Sua-CdS - quadro A4.c
Abilità comunicative: 

L'abilità comunicativa è ovviamente fondamentale per un laureato in Scienze e tecniche della comunicazione. In particolare per quanto riguarda la laurea magistrale in Scienze e tecniche della comunicazione, il laureato deve saper predisporre testi per i più diversi mezzi e quindi deve essere capace di controllare non solo la produzione di contenuti, ma anche la sua destinazione a seconda del mezzo. Questa abilità è favorita da laboratori e dallo studio dei linguaggi filosofici, filosofico-politici, storici, scientifici ed estetici che si sviluppa anche nella direzione del loro uso pratico. Tale capacità è verificata dagli esami relativi e dalla valutazione delle specifiche attività di laboratorio.

Insegnamenti proposti per gli anni successivi
Insegnamenti degli anni precedenti (al max conclusi negli anni precedenti)
Insegnamenti attivi nell'anno in corso