La curva del contagio del Coronavirus elaborata da un nostro ricercatore

Venerdì, 20 Marzo 2020
curva coronovairus covid 19 con foto di tosi

Davide Tosi, ricercatore di Informatica del nostro ateneo ed esperto in Big Data, il 2 marzo ha pubblicato un  modello di predizione sull’andamento del Coronavirus Covid19 che si è mostrato molto veritiero.

Per esempio per il 19 marzo la sua stima era di circa 37.500 contagi e il dato reale è stato di 41.000: la previsione di Tosi si è rivelata molto più attendibile di quelle esponenziali che per la stessa data si attestavano intorno ai 100.000 contagi. Il tetto massimo ipotizzato dal modello dovrebbe essere di circa 55.000 contagi totali a fine marzo.

Nel modello di predizione in arancione è mostrata la classica curva esponenziale tipica delle epidemie, in verde è invece mostrata la curva funzione potenza elaborata da Tosi, che meglio predice il reale andamento di contagi in Italia (con un R2 di 0,9917).

Il modello si basa sullo studio del trend di dati ufficiali rilasciati dalla protezione civile e correla lo storico dei contagi con i dati ufficiali provenienti dalla città di Wuhan (per esempio indice di mortalità e guarigioni), per aggiungere elementi “correttivi” alla curva predittiva. Il dataset utilizzato a livello cinese è stato ufficializzato dalla WHO (World Health Organization). 

Come evidenziato dalla figura, il modello predittivo di Tosi sta leggermente sottostimando il dato ufficiale, perché stiamo raggiungendo il picco massimo dei contagi giornalieri.

Nella figura 1 il modello predittivo di Tosi, nella figura 2 il confronto tra andamento della curva di contagi italiana e quella cinese di Wuhan: secondo Tosi dovremmo raggiungere il plateau della funzione sigmoide a fine marzo con circa 59.000 contagi totali; il numero di contagi totali dovrebbe poi crescere molto molto lentamente e attestarsi intorno a quel valore.

 

Immagini presenti nell'articolo - formato PDF

Ultima modifica: Martedì, 24 Marzo, 2020 - 07:54