Università degli studi dell'Insubria

Mostre ed eventi culturali

Accanto a incontri, seminari e convegni l’Ateneo ha avviato un'altro canale di comunicazione costituito dalle mostre. Ne ricordiamo, tra le varie realizzate sul territorio, alcune:

  • #TwentyArt: “Arte in Università 1999 – 2018” | Inaugurazione aperta al pubblico  martedì 23 ottobre, ore 11.00 presso il Rettorato – via Ravasi, 2 
    ln Università, un tuffo nell’oceano dell'arte contemporanea e post-moderna. Un’occasione unica per toccare con mano quanto l’eco delle più importanti esperienze artistiche del secondo Novecento risuoni anche in una realtà solo in apparenza circoscritta, come quella varesina. 
    Perché Varese è, tutt'oggi, fucina d'arte e d'artisti. 

    Fino al 4 gennaio 2019 saranno in mostra le opere degli stessi artisti che, poco dopo la fondazione dell'Ateneo, avevano esposto le loro creazioni.

    La mostra conclude le iniziative di celebrazione del Ventennale e sarà visitabile gratuitamente 
    Sulla pagina web dedicata alla mostra e sulla pagina facebook di Ateneo, seguiranno maggiori dettagli sulle modalità di fruizione e sulle iniziative collegate.

  • Esposizione permanente contro la violenza sulle donne
    Il libero movimento artistico “Seguendo il filo di Arianna con Teseo o Minotauro” ha donato all’Università degli Studi dell’Insubria 140 opere artistiche sul tema della lotta alla violenza sulle donne.
    L’esposizione permanente ha “trovato casa” al Padiglione Morselli, nel Campus universitario di Varese.

    «Questo progetto ha iniziato il suo percorso partendo dal Comune di Malnate, proseguendo poi in altri comuni del Varesotto, vedendo aumentare, sempre più, le partecipazioni degli  artisti e il coinvolgimento del pubblico - racconta la dottoressa Grassi - Nel 2015 l’iniziativa si sposta nella provincia di Brescia e, dopo varie tappe, a Brescia. Con l'aggiunta della sezione artistica maschile, Teseo o Minotauro, il progetto ritorna successivamente a Varese, dove viene proposta a Villa Baragiola. Ma l'intento di questo Movimento artistico non si limita a mostrarsi nei Comuni: il suo obiettivo è infatti quello di educare contro la violenza: da qui un percorso espositivo con brevi conferenze promosse presso vari istituti scolastici della nostra provincia. Ma educare è assai complesso, e girare con tutti questi "documenti d'autore" stava diventando, sempre più, arduo. È così nata l'idea di condividerlo, in modo permanente, con l'Università degli Studi dell'Insubria, ateneo entro il quale coesistono diversi e differenti corsi di laurea, i quali tutti hanno una profonda attinenza con le tematiche proposte dal Filo».
    Per le sue finalità educative, questa iniziativa rientra nel progetto universitario dei Giovani Pensatori.
     

  • “Scienza e Fantascienza” – ed. 2018
    I “canali marziani” di Schiaparelli e “La guerra dei mondi” di Welles, le “Cronache marziane” di Bradbury e la missione Viking, la scoperta del primo lago di acqua liquida su Marte e la super-patata che si sta coltivando nei deserti del Perù per fornire cibo ai primi astronauti che viaggeranno verso il Pianeta Rosso: ritorna all’Università degli Studi dell’Insubria il ciclo di incontri “Scienza & Fantascienza”, giunto ormai alla sua sesta edizione e organizzato dal professor Paolo Musso del Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate, in collegamento col suo corso di “Scienza e fantascienza nei media e nella letteratura”.
    Il tema scelto per quest’anno è: “Marte, che passione!” e, come sempre, sarà trattato sia dal punto di vista fantastico, grazie alla collaborazione con testate storiche del settore come la Sergio Bonelli Editore e Urania Mondadori, con un celebre critico cinematografico come Mauro Gervasini, e con una vera “star” internazionale come la scrittrice Rita Carla Francesca Monticelli, nonché approfondito in chiave scientifica grazie alla partecipazione di protagonisti della ricerca come gli astronomi Enrico Flamini, Roberto Orosei e Piero Benvenuti e gli astrobiologi Rosalba Bonaccorsi e Julio Valdivia. Non mancherà neanche l’ormai canonico appuntamento col mondo della scuola, con uno degli incontri principali che verrà ospitato dal Liceo Scientifico Statale “Arturo Tosi” di Busto Arsizio.
    Nel primo incontro, “Da Schiaparelli a Bradbury: il mito di Marte tra scienza e letteratura”, che si terrà mercoledì 10 ottobre alle 15 nell’Aula Magna del Collegio Cattaneo in Via Dunant 7 a Varese, interverranno Giuseppe Lippi, curatore emerito di Urania Mondadori, e Anna Lombardi, collaboratrice dell’Osservatorio di Brera, che ci parleranno rispettivamente del mito di Marte nella letteratura di fantascienza e delle sue origini, dovute alla “scoperta” dei celeberrimi canali marziani (in realtà delle semplici illusioni ottiche) ad opera dell’astronomo italiano Giovanni Schiaparelli, che diffuse in tutto il mondo la convinzione che Marte fosse abitato da una civiltà tecnologicamente avanzata, capace di creare opere ciclopiche come quelle.
     
  • Ciclo di Eventi “Noi, umani” dal 27 giugno 2018 a novembre 2018

    In occasione dei 20 anni dall’istituzione dell’Università degli Studi dell’Insubria, il Dipartimento di Scienza e Alta Tecnologia si apre alla città di Como con una serie di eventi divulgativi.
    Ricercatori, professori e studenti cercheranno di raccontare alcune idee che noi umani abbiamo sviluppato sul funzionamento dell’universo e del pianeta in cui abitiamo, e un po’ anche su come funzioniamo noi. 

Mostre concluse:

  • ALIENI (24 novembre 2017 - 27 maggio 2018)
    Le scienze dell'ambiente e della natura tornano ai Musei Civici di Villa Mirabello di Varese con un nuovo evento, frutto della rinnovata collaborazione tra Università dell’Insubria e Comune di Varese e con la collaborazione dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e il Progetto LIFE ASAP (Alien Species Awareness Program, LIFE15 GIE/IT/001039). 
    La mostra, dal titolo “Alieni. La conquista dell’Italia da parte di piante e animali introdotti dall’uomo”, prevede l'esposizione di piante, animali vivi e storie fotografiche ed è a cura di Francesco Tomasinelli, Marco Colombo, vincitore nel 2016 del prestigiosissimo “BBC Wildlife Photographer of the Year” ed è curata da Francesco Tomasinelli e dall'Associazione Culturale Pithekos, con la supervisione scientifica del Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate.
     
  • MEET YOUR NEIGHBOURS (5 maggio – 23 giugno 2017)
    ​La bellezza del biodiverso mondo intorno a noi è stata in mostra dal 5 maggio 2017 ai Musei Civici di Villa Mirabello. L’Università degli Studi dell’Insubria ha organizzato insieme al Comune di Varese questa mostra, una raccolta di circa 40 pannelli fotografici che ritraggono piccoli animali e piante che vivono nei nostri giardini. Le fotografie sono state scattate da Emanuele Biggi, naturalista, fotografo e conduttore del programma di RAI 3 Geo, nell’ambito del Progetto “Meet your neighbours” nato nel 2009 dai fotografi Clay Bolt e Niall Benvie, con l’obiettivo di avvicinare visivamente al pubblico quelli che sono i protagonisti indiscussi degli spazi verdi e degli habitat attorno a noi, o in aree remote ed affascinanti del mondo, ponendo l’accento sull’unicità di queste specie che possono regalarci un momento di stupore nuovo ed inaspettato.
     
  • CHINAMEN (14 marzo – 17 aprile 2017)
    Daniele Brigadoi Cologna, sinologo, docente e ricercatore di lingua e cultura cinese presso il Dipartimento di Diritto, Economia e Culture della sede di Como dell’Università degli Studi dell’Insubria, è stato tra i curatori dell’importante mostra “Chinamen. Un secolo di cinesi a Milano” al MUDEC - Museo delle Culture di Milano. La mostra ha affrontato un capitolo di storia milanese inedito: a partire dal periodo delle origini della migrazione cinese (1906-1946) - il meno documentato in assoluto- la mostra ha inquadrato la vicenda locale e italiana nella più ampia trama della diaspora cinese in Europa e nel mondo. In mostra, materiali di archivi pubblici e privati, documenti, fotografie, articoli e oggetti frutto di una ricerca condotta in occasione della mostra da Daniele Brigadoi Cologna e che ha visto il coinvolgimento di un gruppo di giovani studenti del Dipartimento di Diritto Economia e Cultura dell’Università degli Studi dell’Insubria, i quali, insieme agli studenti  del Polo di Mediazione dell’Università degli Studi di Milano, hanno avuto modo di visionare alcuni archivi pubblici e privati delle antiche famiglie italo-cinesi di Milano.
     
  • PIANTE GUERRIERE (novembre 2015 - maggio 2016)
    L’Università degli Studi dell’Insubria e il Comune di Varese hanno collaborato per portare la natura negli spazi appena ristrutturati dei Musei Civici di Villa Mirabello di Varese con questa mostra, che ha visto l'esposizione di piante, animali vivi e storie fotografiche a cura di Francesco Tomasinelli  e Pithekos , dal 28 novembre 2015 al 22 maggio 2016.
     
  • PREDATORI DEL MICROCOSMO (ottobre 2014 – maggio 2015)
    ​“I Predatori del Microcosmo. Zanne, corazze e veleni: le strategie di sopravvivenza degli animali". L’esposizione di animali vivi e storie fotografiche, promossa dall'Università degli Studi dell'Insubria e dal Comune di Varese, è stata allestita ai Musei Civici di Villa Mirabello.