Università degli studi dell'Insubria

LA ROSA GIORGIO

foto di La Rosa  Giorgio

LA ROSA GIORGIO

Ricercatori
Numero telefonico
031 238 4133
031 238 4333
FAX
031 238 4128

Laureato in Lettere Moderne (con indirizzo in Scienze Storiche) con il massimo dei voti e la lode all''Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano (XXIX Premio A. Gemelli). Ha avuto come prima Maestra la Professoressa Adriana Petracchi, docente di Storia delle Istituzioni Politiche nello stesso Ateneo. Per i tipi di Vita e Pensiero ha pubblicato la monografia Il sigillo delle riforme. La Costituzione di Pietro Leopoldo di Toscana (1997), in ordine di tempo l''ultima opera della storiografia italiana sull''argomento. Dopo la prematura scomparsa della Petracchi, si è avvicinato all''affine Storia delle Dottrine Politiche, avendo come Maestro il Professor Ettore Adalberto Albertoni. Dopo una lunga collaborazione con la sua alma mater e l''Università degli Studi di Milano, ha vinto il concorso come Ricercatore all''Università degli Studi dell''Insubria, dove tutt''ora tiene diversi Corsi. Ha studiato Rattazzi, Manin, Gioia, d''Annunzio. Da anni si occupa della vita e delle opere di Luigi Angeloni, sul quale ha pubblicato numerosi saggi. Dirige un programma collettivo di Ricerca, sotto l''egida del proprio Ateneo, dal titolo «Luigi Angeloni (1759-1842) pensatore europeo».
Dal primo saggio sulla Nuova Rivista Storica su Pietro Leopoldo del 1994, un costante interesse per la Dinastia degli Asburgo caratterizza i suoi lavori, ad es. la recentissima Relazione La trasformazione dell''idea di Impero al Convegno Internazionale Mercurio Arboreo di Gattinara e l''Impero di Carlo V (Gattinara, Sartirana Lomellina, Valenza Po, 5-6 e 20-21 maggio 2006), i cui Atti sono in corso di pubblicazione.
È anche interessato al rapporto tra politica e religione: ha infatti pubblicato, con il professor Yuan Huaquing, I Classici confuciani (Milano, Vallardi, 1995).
È socio dell''Associazione Italiana degli Storici delle Dottrine Politiche, dell''AFIP (Association Française Des Historiens Des Idées Politiques) e dell''Accademia degli Immobili di Alessandria.