Università degli studi dell'Insubria

Ricerca sociale sull’invecchiamento: persone, luoghi e relazioni

Stato del bando: 
Aperto
Tipologia finanziamento: 
Finanziamenti nazionali
Data di pubblicazione: 
Venerdì, 23 Febbraio 2018
Ente finanziatore: 
Fondazione Cariplo
Scadenza ente: 
Giovedì, 5 Aprile 2018 - 17:00
Scadenza interna: 
Lunedì, 26 Marzo, 2018
Note sulla scadenza: 
I documenti da inviare a ricerca@uninsubria.it entro la scadenza del 26/3/18 sono indicati nella sezione Modalità di partecipazione
Tematiche: 

Ricerca sociale volta ad analizzare, con approccio multi e transdisciplinare, la condizione anziana secondo le logiche di spazio e di tempo: due lenti privilegiate, e diversamente particolari, per comprendere il significato stesso di essere anziano.

Budget totale bando: 
2 milioni di euro

Dati del bando

Link o documenti ufficiali

Modalità di partecipazione

Modalità di presentazione

La domanda va presentata tramite la piattaforma informatica di Fondazione Cariplo, compilando le seguenti parti:

  • Sezione progetto (interamente in lingua italiana)
  • Dati complementari (interamente in lingua inglese)
  • Sezione piano economico

E allegando i seguenti documenti:

  • Progetto di dettaglio in formato PDF
  • Budget – Piano economico di dettaglio in formato PDF
  • Piano di comunicazione in formato PDF
  • Lettere accompagnatorie (documenti generati automaticamente dal sito cariplo, vedi dati da inserire nella sezione  "Modulo di Stampa")
  • Accordo di partenariato, ove previsto
  • Documentazione delle organizzazioni richiedenti il contributo (se previste, vedi Guida alla Presntazione, pag. 5)

N.B. Coloro che non avessero un account sul sito di fondazione Cariplo possono richiederlo scrivendo a ricerca@uninsubria.it

 

Documenti da inviare a ricerca@uninsubria.it entro e non oltre lunedì 26 marzo:

 

Vincoli

  • L’ente capofila deve avere sede operativa nei territori di competenza di Fondazione Cariplo (Lombardia e province di Novara, Verbano-Cusio- Ossola). Tale requisito non riguarda eventuali partner
  • La Fondazione non prenderà in esame le proposte presentate dal responsabile scientifico di una unità operativa, capofila o partner, di un progetto già finanziato nell’ambito di precedenti bandi dell’Area Ricerca della Fondazione e ancora in corso
  • Con riferimento ai responsabili scientifici di una unità operativa, capofila o partner, è inoltre prevista la presentazione di una sola proposta progettuale

Oggetto del bando

Scopo del bando:

La fondazione intende finanziare progetti che prevedano un approccio multi e transdisciplinare in grado di favorire l’analisi del problema da più angolazioni in modo da coglierne al meglio la sua intrinseca complessità.
I progetti dovranno basarsi sull’analisi dello stato dell’arte e/o di dati primari o secondari derivati da altri studi e pubblicazioni.
Particolare attenzione sarà inoltre prestata all’originalità della proposta e all’adeguatezza degli approcci metodologici identificati in relazione alla domanda della ricerca. Quest’ultima dovrà essere strutturata in maniera chiara e circostanziata sulla base di specifici gap identificati
nella letteratura di riferimento. Dovrà essere chiaramente motivata e documentata la scelta del modello metodologico sia questo focalizzato esclusivamente su metodi quantitativi o qualitativi; o alternativamente caratterizzato da una combinazione delle metodologie qualitative, come le
interviste o gli studi in campo, con metodologie quantitative di tipo sperimentali, che prevedono analisi statistiche, utilizzo dei big data.

Per essere ammessi alla valutazione i progetti dovranno:

  • rispettare le priorità scientifiche identificate dal bando
  • prevedere che il proponente unico o il capofila di eventuali partenariati sia necessariamente un ente di ricerca
  • coinvolgere, formare e valorizzare giovani ricercatori
  • predisporre un piano delle attività di comunicazione con la società civile, redatto sulla base delle Linee guida per il piano di comunicazione

In caso di progetti che prevedano una fase di ricerca in campo – acquisizione di accesso ai dati, creazione di un rapporto con i soggetti coinvolti nella ricerca – sarà importante fornire dettagli relativamente alla strategia etica utilizzata, informed consent, privacy etc (anche in un secondo tempo).

Aspetti economico-finanziari

Percentuale di finanziamento: 100%
Budget minimo e/o massimo progetto: la richiesta di contributo dovrà essere compresa fra 100.000 e 200.000 euro
Costi ammissibili: ll costo totale di progetto dovrà prevedere esclusivamente i costi relativi alla realizzazione della ricerca proposta, nel rispetto dei criteri di eleggibilità e dei massimali indicati di seguito:

  • A03  “Acquisto di arredi e attrezzature” : comprende le spese per l’acquisto di attrezzature e software di uso pluriennale, le spese per l’affitto di attrezzature e le spese per eventuali opere murarie occorrenti all’istallazione di attrezzature. Questa voce non può superare il 20% dei costi addizionali di progetto (A03+A04+A06+A07+A08+A10)
  • A04  “Altre spese per investimenti ammortizzabili”: solo eventuali costi di brevettazione
  • A06  “Personale non strutturato”: solo personale addetto alla ricerca
  • A07  “Prestazioni professionali di terzi”: comprende anche gli eventuali costi per la certificazione del professionista abilitato iscritto al Registro dei Revisori Legali (di norma pari al 1% - 2% dei costi rendicontati). Per valutare se il progetto è soggetto ad obbligo di certificazione, utilizzare il file Budget Cariplo 2018
  • A08  “Materiali di consumo”: spese per materiale di laboratorio, non cancelleria d’ufficio
  • A09  “Spese correnti”: questa voce non può superare il 5% dei costi addizionali di progetto (A03+A04+A06+A07+A08+A10)
  • A10  “Altre spese gestionali”: la voce non può superare 15% dei costi addizionali di progetto, comprende le spese per missioni e partecipazioni a congressi da parte di ricercatori e le pubblicazioni scientifiche

Valutazione

Criteri: 

La valutazione dei progetti sarà svolta grazie all’apporto di esperti esterni indipendenti così da garantirne l’oggettività scientifica. Il panel di reviewer, difatti, è costituito da esperti internazionali sulle scienze sociali nell’ambito dei processi di invecchiamento. Si sottolinea che attribuzione reviewer-progetto sarà effettuata in linea con le parole chiave indicate dai proponenti all’atto della presentazione e in maniera da assicurare che ogni proposta sia valutata da 3 esperti.

Il punteggio finale del progetto sarà calcolato tenendo conto dei pesi attribuiti a ciascun criterio:

1. ESPOSIZIONE (peso 10%)

  • conoscenza dello stato dell’arte
  • chiarezza della formulazione degli obiettivi e delle strategie adottate

2. APPROCCIO (peso 20%)

  • disegno sperimentale logico rispetto agli scopi del progetto
  • integrazione di metodologie quali/quantitativi
  • approccio multidisciplinare e transdisciplinare
  • integrazione sinergica di competenze dei centri e gruppi di ricerca
  • creazione di reti con il contesto locale/associazionismo
  • realizzazione di attività di dialogo con la società civile
  • adeguatezza di metodologie e strategie

3. ORIGINALITA’/INNOVAZIONE (peso 15%)

  • contributo significativo all’avanzamento dello stato dell’arte

4. RICADUTE (peso 20%)

  • capacità di cogliere o anticipare specifici fabbisogni sociali, economici e culturali del contesto locale e nazionale
  • creazione o rafforzamento di relazioni e network
  • rilevanza dei temi trattati nell’ambito della ricerca sociale all’interno e all’esterno del contesto locale
  • chiara definizione dell’impatto dei risultati attesi dalla ricerca sul sistema socioeconomico locale e nazionale

5. ORGANIZZAZIONE E TEAM DI RICERCA (peso 10%)

  • competenza e rilevanza scientifica dei proponenti e collaboratori
  • capacità di coordinamento
  • collegamento delle strutture coinvolte con reti di ricerca nazionale e internazionale
  • personale adeguato rispetto alla dimensione e tipologia del progetto
  • dotazione di attrezzature adeguate alla dimensione e tipologia del progetto.

6. COINVOLGIMENTO E FORMAZIONE GIOVANI RICERCATORI (peso 10%)

  • coinvolgimento di giovani ricercatori18 in posizioni di responsabilità
  • previsione di programmi specifici destinati alla formazione e crescita professionale

7. DISSEMINAZIONE (peso 5%)

  • previsione di un coordinatore tra i membri del team di ricerca
  • previsione di un piano di comunicazione aderente alle Linee guida alla comunicazione
  • strutturazione del piano di comunicazione secondo il modello dialogico in linea con i principi della Ricerca e Innovazione Responsabile

8. PIANO ECONOMICO E DURATA (10%)

  • adeguatezza del piano finanziario e coerenza interna
  • adeguatezza della durata del progetto
Ultimo aggiornamento: Venerdì, 16 Marzo, 2018 - 08:24

Per informazioni