Università degli studi dell'Insubria

Ricerca biomedica condotta da giovani ricercatori

Stato del bando: 
Chiuso
Tipologia finanziamento: 
Finanziamenti nazionali
Data di pubblicazione: 
Giovedì, 18 Gennaio 2018
Ente finanziatore: 
Fondazione Cariplo
Scadenza ente: 
Mercoledì, 14 Febbraio 2018 - 17:00
Note sulla scadenza: 
Bando a due fasi con presentazione della lettera di intenti (LOI) entro il 14/02/18 e presentazione delle proposte complete entro il 3/9/18
Scadenza interna: 
Giovedì, 8 Febbraio, 2018
Note sulla scadenza: 
I documenti da inviare a ricerca@uninsubria.it entro la scadenza del 8/2/18 sono indicati nella sezione Modalità di partecipazione
Tematiche: 

Ricerca biomedica finalizzata alla comprensione delle basi molecolari di una patologia umana, ad eccezione della sclerosi laterale amiotrofica.

Budget totale bando: 
4 milioni di euro

Dati del bando

Link o documenti ufficiali

Modalità di partecipazione

Modalità di presentazione

La domanda va presentata tramite la piattaforma informatica di Fondazione Cariplo, compilando le seguenti parti:

  • Sezione progetto (interamente in lingua italiana);
  • Dati complementari (interamente in lingua inglese);
  • Sezione piano economico

E allegando i seguenti documenti:

  • Lettera di intenti (LOI) in formato PDF;
  • Lettera accompagnatoria dell’ente ospitante (documento generato automaticamente dal sito cariplo. Vedi dati da inserire nella sezione  "Modulo di Stampa")
  • Accordo di partenariato, ove previsto;
  • Attestazione della data di conseguimento del titolo di dottorato o di specializzazione medica, rilasciato dall’Università di competenza.

N.B. Coloro che non avessero un account sul sito di fondazione Cariplo possono richiederlo scrivendo a ricerca@uninsubria.it

 

Documenti da inviare a ricerca@uninsubria.it entro e non oltre giovedì 8 febbraio

Vincoli

  • Il Responsabile Scientifico deve avere meno di 40 anni, dai 2 ai 7 anni di esperienza maturata dopo il conseguimento del dottorato di ricerca o specializzazione medica, e la pubblicazione di almeno un articolo di ricerca come primo o ultimo autore in una rivista peer-reviewed (da uplodare con progetto)
  • La host institution deve avere sede operativa nei territori di competenza di Fondazione Cariplo ( Lombardia e province di Novara, Verbano -Cusio- Ossola). Tale requisito non riguarda eventuali partner
  • Il progetto non deve essere stato presentato per due volte in edizioni precedenti del bando
  • I progetti dovranno dimostrare l’avvenuta approvazione dello studio da parte del Comitato Etico di riferimento entro le fasi di avvio, pena la revoca del contributo
  • I progetti che prevedano sperimentazione animale dovranno ottenere l’Autorizzazione a procedere da parte del Ministero della Salute

Oggetto del bando

Finalità

Il presente bando intende sostenere progetti di ricerca volti all’identificazione e comprensione delle basi molecolari di una patologia umana identificata a priori.
I proponenti avranno cura di specificare la patologia target e il meccanismo molecolare che intendono studiare nell’ambito del progetto.
Tutte le patologie umane sono ammissibili, ad eccezione della sclerosi laterale amiotrofica.
Particolare attenzione sarà prestata agli aspetti innovativi, agli approcci metodologici e alle eventuali ricadute applicative delle conoscenze prodotte.
n particolare, i progetti dovranno basarsi su piani di ricerca ben focalizzati, in cui sia chiaramente identificata un’ipotesi di lavoro, elaborata a partire da consistenti dati preliminari.
I ricercatori dovranno prevedere un piano di comunicazione che sia inclusivo e aperto agli stakeholder diversamente implicati nel progetto di ricerca e che favorisca l’attivazione di uno scambio bidirezionale tra ricerca e società. Il piano di comunicazione è da considerarsi una parte integrante del progetto.

Tipologia dei progetti finanziati

Saranno comunque ritenuti inammissibili alla valutazione i progetti che, oltre a non rispettare le priorità scientifiche identificate dal bando, presenteranno le seguenti caratteristiche:
ricerche a carattere meramente descrittivo;
studi puramente mirati allo sviluppo di nuove metodiche e/o tecnologie;
progetti a carattere esclusivamente farmacologico e/o clinico;
richieste di finanziamento per la creazione di nuovi centri di ricerca e/o per l’allestimento di laboratori e/o stabulari;
privi di un piano delle attività di comunicazione con la società civile, redatto sulla base delle Linee guida per il piano di comunicazione.

Inoltre la Fondazione non prenderà in esame la riproposizione di un progetto già presentato per due volte in edizioni precedenti di questo bando.
I progetti dovranno infine dimostrare l’avvenuta approvazione dello studio da parte del Comitato Etico di riferimento
In caso di progetti che prevedano sperimentazioni animali, sarà necessario informare la Fondazione dell’avvenuta autorizzazione a procedere da parte del Ministero della Salute non appena disponibile e comunque entro la richiesta di saldo del contributo

Ammissibilità del responsabile scientifico

Il Responsabile scientifico dovrà possedere le seguenti caratteristiche:

-dai 2 ai 7 anni di esperienza maturata dopo il conseguimento del dottorato di ricerca  o di specializzazione medica (in caso di candidati con entrambi i titoli si considererà la data del primo titolo conseguito;
- un’età massima di 40 anni compiuti entro la data di scadenza del bando (sono previste estensioni del periodo di eligibilità in caso di maternità/paternità o gravi malattie);
- la pubblicazione di almeno un articolo di ricerca come primo o ultimo autore in una rivista peer-reviewed;
- dedicare non meno del 50% del tempo al progetto;
- presentare una sola proposta progettuale come titolare di progetto,
- non essere titolare di un progetto già finanziato  nell’ambito di precedenti bandi dell’Area Ricerca della Fondazione e ancora in corso;
-prevedere che in tutte le pubblicazioni strettamente pertinenti al progetto ilrisulti come corresponding author e che in almeno una di queste figuri come ultimo autore

 

Aspetti economico-finanziari

Ammontare del contributo

La richiesta di contributo dovrà essere non inferiore a € 100.000 e non superiore a € 250.000 e coprirà il 100% dei costi di progetto

Costi ammissibili

l costo totale di progetto dovrà prevedere esclusivamente i costi relativi alla realizzazione della ricerca proposta, nel rispetto dei criteri di eleggibilità e dei massimali indicati di seguito:

A03  “Acquisto di arredi e attrezzature” : comprende attrezzature e software di uso pluriennali. La voce non può superare il 20% dei costi addizionali di progetto (A03+A04+A06+A07+A08+A10)
A04  “Altre spese per investimenti ammortizzabili” : riguarda solo i costi di brevettazione
A06  “Personale non strutturato”: comprende solo personale addetto alla ricerca
A07  “Prestazioni professionali di terzi”: comprende anche gli eventuali costi per la certificazione del professionista abilitato iscritto al Registro dei Revisori Legali (di norma pari al 1% - 2% dei costi rendicontati). Per valutare se il progetto è soggetto ad obbligo di certificazione, utilizzare il file Budget Cariplo 2018
A08  “Materiali di consumo”: comprende i materiali di laboratorio, non la cancelleria d’ufficio
A09  “Spese correnti”: la voce non può superare il 5% dei costi addizionali di progetto (A03+A04+A06+A07+A08+A10)
A10  “Altre spese gestionali” : la voce non può superare 10% dei costi addizionali di progetto, comprende le spese per missioni e partecipazioni a congressi da parte di ricercatori

 

 

Valutazione

Criteri: 

Iter di valutazione
La valutazione dei progetti pervenuti entro i termini e secondo le modalità sopra indicate prevede due fasi:
I. Valutazione Lettera di Intenti
Tale fase prevede la verifica da parte degli Uffici della Fondazione della completezza della documentazione, della coerenza con le linee guida del bando e dell’ammissibilità della/e organizzazione/i richiedente/i il contributo (capofila e partner). In parallelo, un panel ristretto di esperti esterni indipendenti - peer reviewer - verificherà la coerenza dei progetti rispetto alla priorità scientifica del Bando. Si sottolinea che l’attribuzione reviewer-progetto sarà effettuata in maniera da assicurare che ogni proposta sia valutata da due esperti.
Le domande che supereranno questa fase saranno ammesse alla successiva valutazione di merito e i rispettivi responsabili scientifici riceveranno una comunicazione formale e la richiesta di inoltrare un progetto completo. I responsabili scientifici le cui domande non saranno considerate ammissibili riceveranno comunicazione formale in merito alle motivazioni dell’esclusione oltre a una scheda contenente i giudizi dei reviewer.

II. Valutazione progetto completo
La valutazione dei progetti ammessi sarà svolta grazie all’apporto di esperti esterni indipendenti in modo da garantire l’oggettività scientifica della valutazione. Il panel di reviewer sarà costituito da esperti internazionali nell’ambito delle patologie oggetto di studio. Si sottolinea che l’attribuzione reviewer-progetto sarà effettuata in maniera da assicurare che ogni proposta sia valutata da tre esperti.
Il punteggio finale del progetto sarà quindi calcolato tenendo conto dei pesi attribuiti a ciascun criterio:
1. ESPOSIZIONE (peso 5%) • la conoscenza dello stato dell’arte • la solidità dei dati preliminari • la chiarezza della formulazione degli obiettivi e delle strategie adottate
2. APPROCCIO (peso 20%) • l’adeguatezza del piano sperimentale
3. INNOVAZIONE (peso 15%) • l’originalità e innovatività del progetto
4. RICADUTE (peso 20%) • i risultati attesi e l’impatto previsto sulla comunità scientifica • le potenziali ricadute sulla salute
5. RESPONSABILE SCIENTIFICO, GRUPPO DI LAVORO E ORGANIZZAZIONE (peso 25%) • la leadership scientifica e gestionale del responsabile scientifico • l’adeguatezza delle competenze espresse dal/i responsabile/i scientifico/i (capofila e partner) e dai membri del team di ricerca coinvolto e la competitività dei relativi curriculum • le ricadute del progetto in termini di crescita scientifica e professionale del responsabile scientifico
6. DISSEMINAZIONE (peso 5%) • la strutturazione del piano di comunicazione e la relativa aderenza ai principi della Ricerca e Innovazione Responsabile
7. PIANO ECONOMICO E DURATA (10%) • l’adeguatezza del piano economico e della durata del progetto La graduatoria risultante consentirà di identificare i migliori progetti cui destinare il contributo. Al termine della valutazione di merito, tutte le domande riceveranno comunicazione formale in merito all’esito della valutazione, oltre a una scheda contenente i giudizi dei reviewer. 

Ultimo aggiornamento: Martedì, 17 Settembre, 2019 - 12:29

Per informazioni